Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Appelli

Appello alla mobilitazione per Kobanê

Suruc-46.000 persone costrette a fuggire da  Kobanê e dai villaggi circostanti dopo gli attacchi di ISIS stanno continuando a vivere nel distretto di Suruç con il sostegno della popolazione locale.Con l’inizio dell’inverno c’è ora un urgente bisogno di stufe elettriche vestiti invernali e cibo per neonati e donne incinte.

A seguito degli attacchi delle bande di ISIS a Kobanê e ai 350 villaggi circostanti e frazioni,46 mila delle 192 mila persone sfollate stanno conducendo una lotta per la vita nella città di Suruç attraverso la solidarietà della popolazione locale.

Nonostante il governo afferma che ha “abbracciato il popolo di Kobanê”,solo circa 6000 persone stanno soggiornando nella tendopoli AFAD gestita dallo stato.Il parlamentare dell’HDP di URFA İbrahim Ayhan,il portavoce dell’Associazione per l’assistenza e la solidarietà con il Rojava Işıl Su Erdoğan  hanno valutato la situazione attuale.

C’è bisogno di volontari

Işıl Su Erdoğan ha affermato che nelle tendopoli c’è un urgente necessità di cibo per donne incinte e bambini. Erdoğan ha detto:”Prima di tutto abbiamo bisogno di attivisti volontari per lavorare nelle tendopoli per le persone provenienti da Kobanê. Abbiamo volontari che sono stati qui da molto tempo,e non sono in grado di andarsene, perché non c’è chi possa sostituirli.Abbiamo particolarmente bisogno di attivisti in grado di capire di impianti elettrici nelle tendopoli.Molte delle tendopoli non hanno elettricità.Abbiamo anche bisogno di coperte, materassi e cuscini.Non ci sono estintori nei campi.Cosi c’è un’altra necessità urgente.Neonati dormono sul pavimento,perchè non abbiamo lettini per bambini o culle.Abbiamo bisogno di alimenti per l’infanzia e di stufe per la nostra nuova tendopoli che ha una capacità di 4.000 “.

Le condizioni invernali aggravano la situazione

Il Dr. Ethem Şahin ha dichiarato che vi eano tre problemi principali nella tenda.Li ha elencati come segue:alimentazione, alloggio e cure mediche.Con l’arrivo dell’inverno abbiamo un problema di riscaldamento in quanto vi è una carenza di energia,A causa della mancanza di acqua potabile e di servizi igienici abbiamo avuto casi di dissenteria.Anche se abbiamo cercato di registrare tutti,ci sono bambini rifugiati nei villaggi limitrofi che non sono stati vaccinati “,ha aggiunto,dicendo che è importante che tali carenze vengano affrontate con urgenza.

 Deve essere costruito un ospedale

Il dr Sahin ha affermato che la popolazione proveniente da Kobanê soffriva problemi di salute a causa delle politiche discriminatorie dello Stato,aggiungendo che deve essere costruito urgentemente un nuovo ospedale,quello esistente è stato progettato pensando alle esigenze di 20.000 persone,mentre ora si ci sono 200.000 persone in città.Ha aggiunto che i rifugiati da Kobanê ha dovuto pagare il 20% del prezzo di una ricetta.

 La mobilitazione deve continuare

Il parlamentare dell’HDP di Urfa İbrahim Ayhan ha affermato che i bisogni del 90% delle 180.000 persone provenienti da Kobanê,sono stati soddisfatti dal coordinamento degli aiuti,dalle municipalità e dalle ONG,ma che molto deve essere fatto.”Lo stato non ha aiutato i rifugiati”.Hanno respinto le nostre richieste di assistenza.A parte le 6.000 persone  nella tendopoli AFAD, i bisogni degli sfollati di Kobanê sono raccolti dal nostro coordinamento.Invitiamo pertanto tutti i nostri cittadini ad aiutarci a soddisfare le esigenze di tutte queste persone “, ha aggiunto.

 Persone provenienti Kobanê discriminate

Ayhan ha dichiarato che l’affermazione del governo che la popolazione proveniente da  Kobanê erano ‘loro ospiti’ non rifletteva la verità, sostenendo che il governo usa discriminazione nei loro confronti.

Ha aggiunto che”La tolleranza dimostrata nei precedenti afflussi di profughi dalla Siria non è stata dimostrata con le persone provenienti da Kobanê.Vi è un’evidente discriminazione e un doppio standard, il che è inaccettabile.Queste persone sono venute qui a causa della guerra, e il governo, invece di aiutarle, sta mettendo ostacoli sulla strada degli aiuti che vengono inviati.Hanno fatto quello che potevano per la caduta di Kobanê e perchè essa sia svuotata,e ancora non hanno reciso i legami con ISIS. Essi continuano a sostenerlo e assisterlo.”

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...