Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

ISIS considera la Turchia un suo alleato: ex appartenente allo Stato Islamico rivela la collaborazione dell’esercito turco

Un ex componente di ISIS ha rivelato fino a che punto si estende la collaborazione dei militari turchi con il gruppo terroristico che ora controlla larghe parti dell’Iraq e della Siria, consentendo di viaggiare in territorio turco per far arrivare rinforzi ai miliziani che combattono le forze curde.

Un riluttante ex tecnico delle comunicazioni che lavora per Stato Islamico, ora noto con lo pseudonimo di ‘Sherko Omer’ che è riuscito a fuggire dal gruppo, ha raccontato a Newsweek che ha viaggiato in un convoglio di camion come parte di un’unità di ISIS dalla loro roccaforte a Raqqa, attraverso il confine turco, attraverso la Turchia e poi in senso opposto attraverso il confine per attaccare i curdi siriani nella città di Serekaniye nella Siria settentrionale a febbraio.

Il comandante di ISIS ci ha detto di non temere nulla perché c’era piena collaborazione con i turchi,” ha detto Omer rispetto al passaggio del confine per entrare in Turchia “e ci ha rassicurati che non sarebbe successo nulla, soprattutto perché questo è il modo in cui viaggiano regolarmente da Raqqa e Aleppo verso le aree curde più in là nel nordest della Siria, perché era impossibile viaggiare attraverso la Siria perché le YPG [Esercito Nazionale del Kurdistan siriano] controllavano la maggior parte della regione curda.”

Fino allo scorso mese, la Turchia, membro della NATO, aveva impedito ai combattenti curdi di attraversare il confine verso la Siria per aiutare i loro corrispettivi siriani nella difesa della città di confine di Kobane. Parlando con Newsweek, i curdi a Kobane hanno detto che spesso si spara contro persone che cercano di potare rifornimenti attraverso il confine.

Il portavoce delle YPG Polat Can è andato anche oltre, dicendo che le forze turche stanno aiutando attivamente ISIS. “Abbiamo prove più che sufficienti che l’esercito turco da ai terroristi di ISIS armi, munizioni e gli permette di attraversare i valichi di confine ufficiali turchi per consentire ai terroristi di ISIS di avviare attacchi disumani contro il popolo curdo nel Rojava [Siria nordorientale].”

Omer ha spiegato che durante il suo periodo con ISIS, la Turchia veniva considerata un alleato contro i curdi. “ISIS considerava l’esercito turco come suo alleato, specialmente quando si è trattato di attaccare i curdi in Siria. I curdi erano nemico comune per entrambi, per ISIS e per la Turchia. Inoltre ISIS doveva essere alleato dei turchi perché solo attraverso la Turchia erano in grado di dislocare miliziani di ISIS verso le parti settentrionali delle città curde in Siria.”

ISIS e la Turchia collaborano sul campo sulla base del fatto che hanno un nemico comune da distruggere, i curdi,” ha aggiunto.

Mentre Newsweek non è stato in grado di verificare in modo indipendente la testimonianza di Omer, prove aneddotiche sul fatto che forze turche chiudano un occhio sulle attività di ISIS nell’ultimo mese sono aumentate.

Omer, il figlio di un uomo d’affari di successo nel Kurdistan irakeno, inizialmente è andato in Siria per unirsi alla lotta dell’Esercito Siriano Libero contro Bashar al-Assad, ma si è trovato risucchiato dentro ISIS, incapace di andarsene. Gli è stato dato un lavoro come tecnico delle comunicazioni e ha lavorato all’ufficio per le comunicazioni di ISIS a Raqqa.

Ho collegato ufficiali e comandati di ISIS dalla Siria con persone in Turchia in innumerevoli occasioni” ha detto Omer.

Raramente li ho sentiti parlare in arabo, e questo solo quando parlavano con i propri reclutatori, altrimenti parlavano in turco perché le persone con le quali parlavano erano ufficiali turchi di qualche tipo perché i tipi di ISIS usavano essere molto seri quando parlavano con loro.”

Omer è stato poi trasferito in un battaglione che partiva per combattere le forze curde a Serekaniya, Siria nordorientale, e descrive viaggi attraverso la Turchia in un convoglio di camion, fermandosi in alloggi sicuri lungo il percorso prima di rientrare in Siria al valico di confine di Ceylanpinar.

Prima dell’attraversamento del confine per rientrare in Siria, dice: “Il mio comandante di ISIS ci ha rassicurati ancora una volta che tutto sarebbe andato bene perché era stata fatta una collaborazione con i turchi. Spesso parlava alla radio in turco.”

Mentre cercavamo di passare il posto di confine di Ceylanpinar, la luce di sorveglianza dei soldati turchi ci ha individuati. Il comandante ci ha velocemente detto di stare calmi, restare in posizione e di non guardare la luce. Ha parlato di nuovo alla radio in turco e noi siamo rimasti nelle nostre posizioni. La luce di sorveglianza si è poi spostata circa 10 minuti più tardi e il comandante ci ha ordinato di muoverci perché l’allontanamento della luce di sorveglianza da noi, era il segnale che potevamo attraversare il confine verso la Siria senza correre rischi.”

Una volta a Serekaniye, Omer dice di essersi arreso alle forze curde quando hanno attaccato il suo campo. È stato detenuto per diversi mesi prima che coloro i quali lo tenevano prigioniero si sono convinti che in ISIS non aveva combattuto e che non aveva partecipato a violenze.

di Barney Guiton   Newsweek

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....