Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Dichiarazione di solidarietà del Consiglio antagonista delle donne

Aiuti umanitari, protezione e sostegno per i profughi minacciati a Sengal (Kurdistanmeridionale/Iraq) e nelle altre zone curde sono vitali! Fermare il genocidio!

Gli attacchi assassini e pieni di disprezzo degli esseri umani da parte della milizia terroristica Stato Islamico (IS) minacciano l’esistenza di diversi popoli e comunità religiose nel Vicino e Medio Oriente e si allargano sempre di più. Dall’inizio di agosto in particolare la popolazione yezida nella regione di Sengal (Kurdistan meridionale/Iraq) e tra loro in particolare le donne e i bambini sono in una condizione di grande emergenza!

Senza acqua, cibo e medicinali oltre. 30.000 famiglie sono in grave pericolo di vita.

Le bade di IS trasformano i territori da loro occupati in particolare per le donne in carceri che disprezzano i diritti umani e quelli delle donne. Vengono costrette ad indossare veli neri integrali, che hanno solo una piccola finestra per gli occhi. I soldati di IS rapiscono e stuprano le donne e le vendono come „merci“ per lo sfruttamento sessuale. Degli Imam celebrano „matrimoni“ limitati a poche ore per legittimare il commercio e la riduzione in schiavitù delle donne.

La deputata curda-yezida Viyan Daxil ha denunciato questa situazione nel Parlamento Irakeno: „Donne vengono vendute, violentate e sono considerate bottino di guerra!“.Noi donne del Consiglio Antagonista delle Donne siamo inorridite dagli attacchi delle bande di IS e dall’attuale condizione delle donne, degli uomini e dei bambini nel Kurdistan meridionale/Iraq settentrionale.

Da coraggio e speranza il fatto che le combattenti ed i combattenti curde/i nel frattempo passo per passo ed in duri scontri infliggano sconfitte ad IS. Sono state in particolare le forze coraggiose delle YPG e delle Unità delle Donne (YPJ) ad andare avanti ed a convincere anche i combattenti peshmerga a non ritirarsi.

Proprio considerando questo ruolo considerato e rispettato a livello mondiale di queste forze contro IS fa indignare il fatto che in Germania il PKK continui ad essere vietato – ma non IS! Recluta senza remore giovani per la sua guerra fascista. Questo stato delle cose deve finire!

Ci uniamo a tutte le donne combattenti antagoniste, in particolare del movimento delle donne curde e chiediamo a tutte le organizzazioni ed a tutti i governi di impegnarsi per la protezione della popolazione, garantendo in particolare:
•

Sicurezza e protezione della popolazione nei territori curdi in Iraq, in particolare della popolazione yezida, da ulteriori attacchi e contro il perdurante genocidio perpetrato contro di loro!

•Immediato approvvigionamento dei profughi in alloggi sicuri, acqua, cibo, aiuti e cure mediche! Misure di protezione particolari per le donne e i bambini.Basta con il reclutamento nelle scuole tedesche di giovani in disprezzo degli esseri umani!Noi donne del mondo saremo libere solo se ci uniamo e ci organizziamo a livello mondiale!

Gruppo di Coordinamento del Consiglio Antagonista delle Donne: Anne Wilhelm, Angelica Urrutia, Christiane Schröder, Fidan Yildiz e CENÎ, Ufficio Curdo delle Donne per la Pace e.V.

Gelsenkirchen, den 10.09.2014

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Iraq

Secondo le osservazioni dei Christian Peacemaker Teams, nel 2023, sono stati effettuati oltre 1.500 attacchi da parte delle forze armate turche nella regione del...

Diritti umani

MÊRDÎN – Nel caso KCK in corso a Mêrdîn (Mardin) dal 2014, 15 politici curdi, tra cui l’ex deputata Gülser Yıldırım, sono stati condannati...

Comunicati

Il 15 Febbraio 2024 segna il venticinquesimo anniversario del rapimento di Abdullah Öcalan, catturato a Nairobi, in Kenya, a compimento di un complotto internazionale...

Comunicati

Questa mattina il regime iraniano ha giustiziato i prigionieri politici curdi Mohsen Mazloum, Mohammad Faramarzi, Vafa Azarbar e Pejman Fatehi. Con l’ultima ondata di...