Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Ecco il piano di Erdoğan, per invadere Efrîn

Il regime di  Erdoğan,  ha riferito di aver avviato negoziati con Assad per invadere il RojavaLo Stato turco è impegnato in un fitto calendario di incontri con la Russia e l’Iran per l’invasione di Efrîn e Shehba. Si prevede che la Turchia attacchi le aree rurali di Efrîn ed il regime sta pianificando di prendere posizione ad Efrîn, ma se ciò non accade faranno riferimento alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu N°2254 e dichiarano  Efrîn a “zona di non-conflitto”.

Con sua posizione anticurda, il presidente turco Tayyip Erdoğan, che sta pianificando una operazione di invasione nel cantone di Efrin e della regione di Shebba nel Rojava/Siria settentrionale, è stato segnalato per aver avviato negoziati con il regime di Assad attraverso l’Iran e la Russia. Una fonte da Damasco è intervenuta con ANF sui piani dello Stato turco e ha affermato: ” Dopo l’operazione Raqqa, gli interessi di Siria, Russia, Iran e Turchia coincideranno fino ad un certo punto”.

Sporchi piani contro i curdi

Con il commento: ” Utilizzando tutte le risorse , la Repubblica di Turchia non permetterà che venga costituito uno stato nella Siria settentrionale”. Erdoğan ha segnalato il piano di attacco su Efrîn e Shehba. Una fonte che desidera rimanere anonima ha parlato con ANF e ha affermato che lo Stato turco sta negoziando con l’Iran e la Russia per invadere il Rojava.

Attacco da due lati

La fonte afferma che l’operazione di invasione è stata trasmessa al regime da parte della Russia e dell’Iran e che , secondo il piano, “La Turchia utilizzerà le proprie bande alleata per attaccare la parte orientale di Efrîn, Shehba, la base di Minix, Til Rifat con l’invio dei militari che hanno inviato nelle zone che hanno invaso, e le bande a Idlib attaccheranno Efrîn da sud”. E secondo quanto riferito le forze turche stanno mantenendo la zona costantemente sotto il fuoco.

Piano per costringere Efrîn ad arrendersi al regime

La fonte afferma che la Turchia tenterà di intrappolare le forze delle YPG/YPJ ad Efrîn, e nella seconda fase del piano, ” il regime e la Russia spingeranno per avere delle forze nel centro Efrîn.” In questo modo, Efrîn sarà ceduta al regime che Erdogan in modo esilarante ha battezzato per anni ” Assad assassino”.

Tentativo di basarlo sulla risoluzione n° 2254

La fonte ha anche parlato di un secondo piano , nel caso le forze del regime fallissero nell’entrare nella città: “In questo caso stanno pianificando di includere Efrîn nelle “zone di non-conflitto” dei colloqui di Astana che si sono svolte a luglio tra Turchia, Iran e Russia come garanti. Essi faranno riferimento alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU n° 2254 per alleggerire le pressioni internazionali”.

Che cosa dice la risoluzione?

La risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu n° 2254 è stata approvata unanimemente a dicembre 2015, e aveva chiesto un cessate il fuoco urgente e una soluzione politica per la Siria. La Russia , Turchia e Iran avevano basato i colloqui di Astana, che avevano aggiornato 4 volte, su questa risoluzione. Nel quarto incontro tenutosi a Maggio, si sono accordati su 6 delle 8 zone di non conflitto in Siria. Un di queste zone di non-conflitto è Idlîb.

Unirsi di nuovo per negoziati

Le fonti ci avevano informato dei colloqui anti-curdi tra l’Iran e la Turchia in Algeria nell’aprile del 2016, e ora affermano che la Turchia “ha promesso di cambiare posizione anti-Assad e di aver promesso sostegno” per l’abolizione delle organizzazioni delle bande a Idlîb come parte del nuovo piano.

Come i negoziati Bab-Aleppo

Erdoğan si era incontrato con il presidente Vladimir Putin a San Pietroburgo il 9 agosto dopo che il jet russo era stato abbattuto dalla Turchia, e essi avevano condiviso di evacuare Aleppo in cambio dell’operazione “Scudo dell’Eufrate”. Putin successivamente aveva ammesso questi negoziati e li aveva definiti“ Bab per Aleppo”.

Dubbi nel piano

Efrîn ha una popolazione di 1.5 milioni, 200.000 dei quali sono rifugiati. Ci sono dichiarazioni che affermano che negli attacchi su Efrîn,la popolazione verrà fatta migrare verso Aleppo. I colloqui si sono tenuti principalmente  con la Russia, afferma la nostra fonte che ha aggiunto: “Il più grande dubbio è che con le forze di difesa di Efrîn, le decine di migliaia di forze di difesa, la guerra si diffonderà in una zona più ampia, e che gli Stati Uniti penseranno che questo piano punti a svuotare l’operazione Raqqa”.

Ersin ÇAKSU

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

È stato affermato che 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità nella Siria settentrionale e orientale a causa degli attacchi della Turchia alle...

Siria

Il Rojava Information Center (RIC) ha compilato un rapporto dettagliato sulle 18 località colpite dallo Stato turco il giorno di Natale nella Siria settentrionale...

Siria

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”. Da...

Siria

A causa degli attacchi della Turchia, le infrastrutture della Siria settentrionale e orientale hanno subito danni per 1 miliardo di dollari. Ingenti danni si...