Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Siria

33 partiti e organizzazioni politiche: il riavvicinamento Damasco-Ankara aggraverà la crisi

Trentatré partiti e organizzazioni politiche si sono espressi contro gli ultimi tentativi di riavvicinamento dello Stato turco e del governo di Damasco, affermando che questo passo peggiorerà la Siria, legittimerà l’occupazione turca e approfondirà la crisi siriana.

Trentatré partiti politici e organizzazioni nella Siria settentrionale e orientale hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sui tentativi dello Stato turco e del governo di Damasco di ristabilire le relazioni.
La dichiarazione rilasciata giovedì include quanto segue:

Nel 2011 il popolo siriano si è ribellato contro il regime siriano per la dignità e la libertà. Molti paesi sono intervenuti negli affari interni siriani, trasformando la loro rivoluzione pacifica in un conflitto armato settario per il controllo del potere. A quel tempo il regime turco ha dichiarato le sue linee rosse. Tuttavia con lo svolgersi degli eventi e la sconfitta dei gruppi terroristici armati contro l’alleanza del regime siriano, Erdoğan ha iniziato a cambiare la sua retorica e si è mosso verso il dialogo con il regime, mirando a ottenere ciò che non era riuscito a ottenere attraverso questi gruppi: occupare le regioni siriane e annetterle alla Turchia.

Da allora la politica turca si è allineata con il regime siriano per realizzare le sue ambizioni. Mentre accelerava il processo di riconciliazione e consegnava i gruppi terroristici armati al governo di Damasco, gruppi popolari nelle aree occupate si sono sollevati contro la politica turca, hanno espulso le forze turche e chiuso i valichi di frontiera. Tuttavia i lealisti del regime turco tra i gruppi terroristici armati, sostenuti dalle forze turche, hanno ucciso molti civili siriani.

La cosiddetta “Coalizione nazionale siriana” si è impegnata a difendere l’occupazione turca e a sostenere le politiche dell’occupante nel nord della Siria, a scapito delle richieste di libertà e dignità della popolazione.
Noi, partiti e movimenti politici firmatari, condanniamo le azioni del regime turco e dei suoi lealisti contro le richieste patriottiche dei siriani. Chiediamo alla comunità internazionale e alle Nazioni Unite di sostenere tutte le richieste di libertà e democrazia del popolo siriano e di attuare la risoluzione 2254 per risolvere la crisi siriana per ottenere giustizia e uguaglianza per tutte le componenti siriane.
Sottolineiamo che qualsiasi riconciliazione tra il regime turco e il regime siriano non porterà alcun miglioramento alla situazione siriana. Invece legittimerà l’occupazione turca e peggiorerà ulteriormente la crisi siriana. Il popolo siriano e la patria siriana diventeranno vittime di questa politica di riconciliazione, legittimando l’ingerenza esterna negli affari interni siriani.

Chiediamo a tutte le forze politiche democratiche, le cui mani non sono macchiate del sangue del popolo siriano, di convocare una conferenza nazionale siriana, a partire dalla Siria settentrionale e orientale, per compiere un passo fondamentale verso la risoluzione della crisi siriana attraverso il dialogo e la creazione di un forza per fare pressione sul regime verso il dialogo interno siriano per risolvere la crisi.

Esortiamo inoltre tutte le forze politiche nel nord-est della Siria ad aprirsi al dialogo interno per risolvere le questioni in sospeso.
Facciamo appello al nostro popolo affinché si riunisca attorno al suo progetto democratico e alle forze militari, che sono la salvaguardia della regione, e riconosciamo che l’Amministrazione Autonoma è la speranza per tutti i siriani di risolvere la crisi siriana senza ulteriori spargimenti di sangue”.

I firmatari della dichiarazione sono i seguenti:

 

1-Partito dell’Unione Democratica (PYD)

2-Partito Verde Democratico

3- Partito Democratico della Pace del Kurdistan

4- Partito Liberale del Kurdistan

5- Partito Comunista del Kurdistan

6- Partito Democratico Kurdistan-Siria

7- Partito Democratico Curdo Siriano (PDKS)

8- Partito della Sinistra Democratica Curda Siriana

9- Partito della Sinistra Curda in Siria

10- Il futuro del partito siriano

11- Partito del Cambiamento Democratico del Kurdistan

12- Partito del Kurdistan Contemporaneo

13- Sindacato dei lavoratori del Kurdistan

14- Consiglio Nazionale Arabo

15- Partito Democratico Siriano Contemporaneo

16- Partito dell’Organizzazione Democratica Curda in Siria

17- Partito della Riforma-Siria

18- Partito Democratico Siriaco

19- Partito della Fratellanza del Kurdistan

20- Festa della Giornata Democratica Curda in Siria

21- Movimento Società Democratica (TEV-DEM)

22- Stella Kongra

23- Partito conservatore

24- Partito della Lotta Libera

25- Partito del Futuro del Kurdistan

26- Partito Democratico del Kurdistan – Kurdistan occidentale

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

I resti di 139 persone che si ritiene siano state massacrate dall’Isis sono stati ritrovati in una fossa comune a Tal Afar, a ovest...

Rassegna Stampa

MEDIO ORIENTE. Un caso di violenza sessuale scatena attacchi che si estendono a molte città. Negozi, case e auto distrutte, violenze: 3 milioni di profughi...

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Siria

È stato affermato che 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità nella Siria settentrionale e orientale a causa degli attacchi della Turchia alle...