Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

“Ci privano della nostra nazionalità per aver denunciato le atrocità”

Sarıyıldız dell’HDP, a fronte della minaccia di denaturalizzazione ha detto: “Stanno facendo questo perché abbiamo denunciato i crimini che ha commesso Erdoğan.” L’ex parlamentare Üçer, sotto la stessa minaccia, ha detto: “Continueremo la lotta per la libertà ovunque dovessimo trovarci.”

Le discussioni in Parlamento rispetto alla denaturalizzazione di componenti dell’opposizione fuori dalla Turchia è andata avanti per un periodo e ora è giunta a termine. Una nota pubblicata nella Gazzetta Ufficiale annuncia che 130 persone, compresi i parlamentari dell’HDP Faysal Sarıyıldız e Tuğba Hezer e l’ex parlamentare HDP MP Özdal Üçer saranno denaturalizzati se non dovessero tornare in Turchia entro 3 mesi.

Il parlamentare HDP di Şırnak Faysal Sarıyıldız ha protestato contro il decreto e ha detto che stanno affrontando questa situazione perché hanno denunciato i crimini di Erdoğan a Cizre e Sur perché tutto il mondo vedesse.

Eddogan ha commesso gravi crimini di guerra

Sarıyıldız ha parlato con ANF e ha detto:

“Il decreto di denaturalizzazione è un altro passo nell’istituzionalizzare il sistema del governo fascista dell’AKP . Non ha niente a che fare con la legge e tutto con le paure e le paranoie di Erdoğan. Ora abbiamo di fronte un Erdoğan che viaggia nei cieli del suo Paese scrotato da jet da combattimento, che fa togliere i fucili ai soldati che saluta, che vive nella paura – e con le sue pratiche fasciste. Non siamo veramente sorpresi da questo decreto. Queste pratiche sono in atto da tempo ormai. Città in Kurdistan sono state rase al suolo, i figli della popolazione curda che resistono sono stati bruciati in massa. Sono stati commessi gravi crimini di guerra. Erdoğan, che ha ordinato così tanti crimini, ha dato questo ordine per allontanare il rischio di essere accusato di crimini di guerra. Perché da quando ho avuto un incarico dal mio partito e sono andato all’estero ho lavorato per denunciare i crimini commessi dall’AKP.”

L’AKP non può fermarci con questo decreto

L’ex parlamentare HDP di Van Özdal Üçer ha detto: “Questo decreto dell’AKP punta ad allontanarci dalla lotta per la democrazia e per la libertà nella quale siamo impegnati. Questo decreto su di noi è politico. Privarci della nostra cittadinanza usando indagini come scusa è solo una delle centinaia di pratiche illegali in Turchi. Se pensano di poter fermare la nostra lotta con la minaccia della denaturalizzazione, si sbagliano. Continueremo la lotta per la libertà ovunque saremo.

Üçer ha affermato che in Turchia nessuno è al sicuro con l’AKP al potere e ha aggiunto: “Queste condizioni hanno costretto decine di migliaia di persone a lasciare la Turchia e a fuggire in diversi Paesi in Europa e nel mondo come rifugiati. Queste persone sono state rese vittime.”

Rivolgendosi alla Turchia, Üçer ha detto: “Torneremo in un Paese libero e democratico. Torneremo in un Paese dove tutti vivono in condizioni libere, uguali e democratiche, un Paese senza l’AKP. In caso contrario non accetteremo alcuna imposizione dall’ AKP.”

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Libertà per Öcalan

In una conferenza stampa tenutasi presso la sede del partito ad Ankara, la portavoce Ayşegül Doğan ha sottolineato le violazioni dei diritti umani nella...