Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

La protesta “Libertà per Abdullah Öcalan” continua nelle carceri

Continua la protesta avviata dai prigionieri che chiedono “Libertà per Abdullah Öcalan e una soluzione al problema curdo”.  Le azioni dei prigionieri politici nelle carceri, iniziate il 27 novembre 2023 per la “libertà fisica del leader del PKK Abdullah Öcalan e la soluzione del problema curdo”, continuano. I prigionieri, che hanno portato le loro azioni di sciopero della fame alternato ad una nuova fase a partire dal 4 aprile, hanno boicottato i tribunali e hanno deciso di non svolgere telefonate o riunioni familiari. 

 Nella dichiarazione rilasciata in occasione del 130° giorno di sciopero della fame, è stato sottolineato che lo sciopero della fame a rotazione si sarebbe concluso il 4 aprile e si è affermato: “La nostra azione di sciopero della fame doveva evolversi in una nuova fase a partire dal 4 aprile, il compleanno del nostro leader (Öcalan). Come prigionieri la nostra decisione di boicottare i tribunali coloniali, le cui caratteristiche discriminatorie e fasciste sono state ampiamente smascherate e che non riconoscono nemmeno le loro stesse leggi quando si tratta della realtà curda, e di non fare più telefonate settimanali e visite familiari, è nata da questa esigenza dal 4 aprile “Vogliamo che si sappia che continueremo la nostra iniziativa di ‘Soluzione democratica del problema’ con il boicottaggio dei tribunali e delle visite e telefonate con lo slogan ‘Vivere nelle stesse condizioni del nostro Leader’.”

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...