Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Dal Messico si esprime solidarietà con le prigioniere e i prigionieri politici kurdi

Il gruppo di lavoro” No Estamos Todxs” ha emesso un comunicato in appoggio alle prigioniere e ai prigionieri politici kurdi , che stanno attuando uno sciopero della fame nelle carceri turche.Di seguito si trascrive il comunicato:

Dal Chiapas (Messico), territorio che da più di 500 anni è in ribellione, noi, le compagne e i compagni che fanno parte del Gruppo di Lavoro ” No Estamos Todxs” ,che lottiamo al fianco dei prigionieri e prigioniere in resistenza , inviamo un saluto complice e combattivo alle prigioniere e prigionieri politici del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e del Partito di Liberazione delle Donne del Kurdistan ( PAJK) per la loro degna lotta in favore della libertà del loro popolo e per un mondo libero dal capitalismo e dal patriarcato.

Lo scorso mercoledì ( della scorsa settimana) le compagne e i compagni delle sopracitate organizzazioni , rinchiuse/ i in condizioni inumane nelle prigioni dello Stato turco , hanno iniziato uno sciopero della fame per chiedere la libertà immediata del leaderdel PKK Abdullah ” Apo” Ocalan da 18 anni recluso ( in seguito a un complotto internazionale per secuestrarlo)nell’isola di Imrali , in un carcere-fortezza quasi inaccessibile e sottoposto a isolamento e alla costante tortura da parte delle centinaia di militari a guardia soprattutto di questo nostro Compagno.Ugualmente esigono la fine del trattamento discriminatorio, brutale e omicida nelle carceri turche contro i kurdi, per ultimo, attraverso questo sciopero della fame, le centinaia di prigioniere e prigionieri politici denunciano la guerra di sterminio che lo Stato turco ed il suo esercito , con a capo il presidente fascista Recep Tayip Erdogan, stanno portando avanti contro l’autonomia e il ” socialismo dal basso” da più di 40 anni nei confronti delle organizzazioni e del popolo kurdo.

Vogliamo sottolineare che la nostra solidarietà non è solo per lo sforzo ammirevole delle centinaia di prigioniere/i kurdi, ma soprattutto ci sentiamo vicini nella ricerca di una vita libera e comunitaria , rappresentata dal Confederalismo Democratico, espressione più completa del processo di autonomia di questo popolo, impostata e messa in pratica nei territori liberati dalle milizie popolari e ribelli del Kurdistan. Proprio nel cuore della tormenta, dove avviene la violenta frammentazione del Medioriente , fortemente voluta dalle super potenze , che si ostinano ad accaparrarsi risorse e petrolio e dove dittatori e religiosi fanatici ( come quelli dello Stato Islamico e di Al Qaeda) massacrano, distruggono e violentano le donne e i loro figli , le kurde e i kurdi insieme agli altri popoli che aderiscono al sistema assembleare del Confederalismo democratico rappresentano una speranza viva e reale per tutta l’umanità ,per riuscire a costruire e a difendere , nonostante la pessima situazione di guerra , una società con forti tratti anti-patriarcali, anticapitalisti, comunitari e, fondamentalmente, umani

Questa lotta non è solo per il Kurdistan, è una lotta per la libertà di tutte e tutti!!

BERXWEDANE JIYANE11

La resistenza è vita!!

Tutte libere, tutti liberi!!!!

 

Inviato il 23-3-17

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

MÊRDÎN – Nel caso KCK in corso a Mêrdîn (Mardin) dal 2014, 15 politici curdi, tra cui l’ex deputata Gülser Yıldırım, sono stati condannati...

Comunicati

Il 15 Febbraio 2024 segna il venticinquesimo anniversario del rapimento di Abdullah Öcalan, catturato a Nairobi, in Kenya, a compimento di un complotto internazionale...

Comunicati

Questa mattina il regime iraniano ha giustiziato i prigionieri politici curdi Mohsen Mazloum, Mohammad Faramarzi, Vafa Azarbar e Pejman Fatehi. Con l’ultima ondata di...

Diritti umani

Dicle Müftüoğlu, co-presidente della DFG, che ha annunciato di aver iniziato uno sciopero della fame, ha dichiarato: “Come giornalista le cui attività professionali sono...