Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Non dimenticheremo i massacri di Halabja, Qamishlo e Gazi

Il mese di marzo nella storia dei curdi ha un significato particolare. Perché da un lato in questo mese gli occupanti del Kurdistan hanno commesso grandi massacri contro la popolazione curda, dall’altro, marzo è il mese nel quale la popolazione esprime con particolare forza la sua richiesta di libertà, democrazia, giustizia e pace.

Il massacro di Halabja: una città viene cancellata

Un crimine terribile che è stato commesso in questo mese contro i curdi è stato il massacro di Halabja. Questo massacro rappresenta uno dei capitoli più scuri del recente passato della storia dell’umanità. Il dittatore fascista dell’Iraq, Saddam Hussein, con il sostegno delle potenze internazionali aveva proclamato una “soluzione finale” contro la popolazione del Kurdistan del sud e nell’ambito della cosiddetta campagna Anfal, massacrato sistematicamente fino a 180.000 curdi e curde. Il crudele apice di questa campagna genocida del regime Baath è stato rappresentato dal massacro di Halabja, il 16 marzo 1988. Oltre 5.000 persone all’epoca persero la vita in un attacco con gas tossici. Moltissime altre persone hanno riportato danni permanenti. Decine di migliaia di persone sono state costrette a lasciare la loro patria e fuggire di fronte ai perduranti attacchi di Saddam.

Sappiamo che Saddam Hussein e il suo regime dittatoriale non sono gli unici responsabili per questo crimine crudele. Il regime Baath a quell’epoca era sostenuto da una serie di potenze internazionali. Anche componenti del gas tossico provengono da Paesi europei. Fino ad oggi, non tutti i corresponsabili del massacro di Halabja sono stati chiamati a risponderne.

Un quartiere curdo di Istanbul nel mirino dei fascisti e dello Stato

Un altro crimine di Stato contro la popolazione curda che si è verificato nel mese di marzo, è il massacro nel quartiere di Gazi di Istanbul. Il 12 marzo 1995, forze fasciste che agivano su incarico dello Stato profondo hanno prima contrassegnato abitazioni e luoghi di lavoro della locale popolazione curda, prima di sparare con pistole automatiche in un bar, assassinando un sacerdote curdo-alevita. Nel giorno del funerale, si è sparato di nuovo sulla folla e altre persone sono state uccise nelle violenze simili a un pogrom.

Il massacro di Qamishlo e la prima pietra della Rivoluzione del Rojava

E anche il regime di Assad in Siria, nel mese di marzo si è reso responsabile di un massacro della popolazione. Il 12 marzo 2004, nella città di Qamishlo durante una partita di calcio ci furono prime provocazioni da parte di tifosi arabo-nazionalisti. Quando poi il clima si rovesciò e si arrivò alla violenza, le forze di sicurezza del regime, insieme ai tifosi arabi, attaccarono i curdi all’interno dello stadio. Le violenze si estesero a tutta la città e i curdi vennero assassinati a sangue freddo dalle forze del regime. In quei giorni dopo il massacro, la popolazione prese la decisione che da quel momento in poi si sarebbe organizzata in modo sostanzialmente clandestino per poter respingere ulteriori attacchi da parte del regime. Questa auto-organizzazione fu la prima pietra per la Rivoluzione del Rojava, che iniziò appena otto anni dopo.

I massacri ricordati fanno parte della storia di un popolo che da oltre 100 anni è esposto a persecuzioni, discriminazioni e massacri. Anche nel presente gli occupanti del Kurdistan cercano di perpetuare questa politica con ogni mezzo.

In occasione degli anniversari di Halabja, Gazi e Qamishlo, vogliamo ancora una volta condannare in modo netto i massacri. I responsabili di questi massacri devono renderne conto ed essere messi in stato di accusa di fronte alla giustizia penale internazionale per rispondere dei loro crimini contro l’umanità.

NAV-DEM – Demokratisches Gesellschaftszentrum der KurdInnen in Deutschland

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Iraq

Secondo le osservazioni dei Christian Peacemaker Teams, nel 2023, sono stati effettuati oltre 1.500 attacchi da parte delle forze armate turche nella regione del...

Diritti umani

MÊRDÎN – Nel caso KCK in corso a Mêrdîn (Mardin) dal 2014, 15 politici curdi, tra cui l’ex deputata Gülser Yıldırım, sono stati condannati...

Comunicati

Il 15 Febbraio 2024 segna il venticinquesimo anniversario del rapimento di Abdullah Öcalan, catturato a Nairobi, in Kenya, a compimento di un complotto internazionale...

Comunicati

Questa mattina il regime iraniano ha giustiziato i prigionieri politici curdi Mohsen Mazloum, Mohammad Faramarzi, Vafa Azarbar e Pejman Fatehi. Con l’ultima ondata di...