Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Appelli

Due campi rifugiati ad Efrîn chiedono aiuti urgenti

Rappresentanti dei campi rifugiati di Rûbar e Shehba  ad Efrîn hanno rilasciato un appello urgente per gli aiuti alle organizzazioni umanitarie e dei diritti umani. Il cantone di Efrîn del Rojava, Kurdistan occidentale, è sotto la presa dei gruppi da un lato, e dello Stato turco dall’altro. Nonostante questo, i civili continuano a migrare dalle loro terre a causa dell’invasione delle bande alleate con ISIS e l’AKP/MIT nella regione di Shebba e trovano rifugio nel cantone di Efrîn che ritengono più sicuro. L’amministrazione di Afrin ha istituiti due campi rifugiati per i civili che sono migrati dalle regioni invase.

Le vittime di guerra che vivono nei campi di Rûbar e Shehba hanno fatto appello alle organizzazioni umanitarie e dei diritti umani. Per porre fine a tutto questo, le persone che vivono in entrambi i campi hanno rilasciato una dichiarazione.

Nella dichiarazione Emîne Talib  è inntervenuto per il campo di  Rûbar e Îsmayîl Hesen per il campo di Shehba. La dichiarazione è come segue:

“Il cantone di Afrin è stato sottoposto alla presa delle bande e dello Stato turco per più di quattro anni, e alle organizzazioni umanitarie non è permesso di passare attraverso la regione. Lo Stato turco non permette ai beni di prima necessità come materiale umanitario e forniture mediche di passare attraverso il confine di Bab El-Seleme verso nord di Aleppo.D’altra parte, non hanno mai smesso di fornire i bande nella regione di armi con convogli di veicoli. La crisi umanitaria e la mancanza di forniture nei campi di Rûbar e Shebba sta peggiorando.

Le organizzazioni per i diritti umani e le organizzazioni umanitarie allo stesso tempo dovrebbero rivalutare la situazione nella regione .Noi come migranti abbiamo bisogno urgente di prodotti alimentari di base, tende, vestiario invernale e forniture mediche”.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...