Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

I curdi siriani chiedono il riconoscimento del progetto federale del Rojava come condizione per combattere per Raqqa

I curdi siriani sono pronti a partecipare nell’imminente battaglia per la città di Raqqa a condizione che la coalizione a guida USA riconosca il loro progetto federale nel Rojava e rmi direttamente le Unità di Difesa del Popolo (YPG), così gli ufficiali.

La coalizione a guida USA sta pianificando una nuova offensiva mirata a liberare Raqqa – la capitale di fatto di Stato Islamico (ISIS) in Siria. Questo piano è ostacolato da una fase discendente nelle relazioni tra le Forze Democratiche Siriane (FDS) a guida curda e gli USA di cui la causa immediata p il sostegno di Washington all’intervento della Turchia.

Hanifa Hussein, un ufficiale curdo e componente del Movimento per una Società Democratica (TEV-DEM), ha detto che i curdi sono pronti a partecipare nell’operazione anti-ISIS proposta.

“Ma prima ci dobbiamo accertare del fatto che il nostro progetto federale verrà accettato da Washington e dai componenti della coalizione, che le forze delle YPG ricevano armi direttamente e che i curdi vengano invitati ufficialmente ai colloqui di pace di Ginevra,” ha detto Hanifa mercoledì ai giornalisti.

Jordan Matson, un volontario statunitense nelle YPG curde ha detto ad ARA News che nel piegarsi alle richieste di Erdogan, l’amministrazione Obama ha effettivamente fermato la guerra contro ISIS. Jordan ha ragionato sul fatto che è imminente una stasi dato che le FDS a guida curda non si impegneranno in un’operazione a Raqqa senza vengano tagliate le linee di rifornimento di ISIS tra Siria e Turchia.

“Nel restare in stallo hai salvato Raqqa probabilmente per anni a venire dato che nessun altro la prenderà,” ha detto.

Per guadagnare il sostegno curdo, l’amministrazione USA ora sta pensando di armare direttamente le FDS a guida curda, nonostante l’ardente opposizione della Turchia. La Turchia attualmente sta facendo lavoro di lobbying per minare il sostegno ai curdi all’estero e giovedì il Presidente Erdoğan ha detto di avere riserve sui piani degli USA.

Secondo Hanifa di TEV-DEM la coalizione a guida USA “ha sostenuto tribù arabe a Deir ez-Zor con armi per milioni di dollari e alla fine tutto è finito nelle mani di ISIS,” in un evidente riferimento al Nuovo Esercito Siriano (NES) sostenuto dal Pentagono. Il NES ha perso la battaglia per al-Bukamal alla fine di giugno di quest’anno.

“Le YPG sono l’unica forza che ha liberato aree siriane importanti da ISIS e sacrificato oltre 4000 dei loro combattenti in questa lotta,” ha detto Hussein.

Report di: Wladimir van Wilgenburg

ARA News

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Siria

È stato affermato che 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità nella Siria settentrionale e orientale a causa degli attacchi della Turchia alle...

Siria

Il Rojava Information Center (RIC) ha compilato un rapporto dettagliato sulle 18 località colpite dallo Stato turco il giorno di Natale nella Siria settentrionale...

Siria

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”. Da...