Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

La speranza democratica più grande del Medio Oriente ha appena subito una strage orribile

La mattina del 27 luglio un camion carico di esplosivo è esploso in una zona affollata di Qamişlo nel Rojava (Siria settentrionale).Questa strage terrorista è stata rivendicata da Daesh (Isil/Isis) uccidendo almeno 44 persone e ha provocato più di 150 feriti.Molti edifici circostanti sono stati distrutti, e tra le vittime c’erano un certo numero di bambini e di donne.

Perchè Qamişlo è stata presa di mira?

La città di Qamişlo è stata nominata come capitale del progetto del sistema federale di auto-proclamato del “Rojava” e all’inizio del 2016 della Siria del Nord.Una città multietnica di curdi, di arabi, di assiri e di armeni, si trova dall’altro lato del confine turco dalla città di Nusaybin-una delle comunità più ampiamente curda in Turchia che nei mesi scorsi è stata distrutta dal secondo esercito della NATO.

Daesh ha rapidamente rivendicato la responsabilità della strage del 27 luglio, sostenendo che era in rappresaglia per l’operazione militare condotta dal Rojava volta a chiudere il collegamento finale tra Daesh e Turchia in Siria.L’attacco ha colpito una zona vicino ad un locale centro di polizia e a un vicino edificio governativo, ma molti di coloro che sono morti erano civili.A partire dalla fine di maggio, le Forze Democratiche Siriane(SDF) – l’esercito del Rojava e della Siria del Nord -hanno circondato e sono entrati nella città di Manbij, che è ancora sotto il controllo di Daesh.

L’attenzione di sconfiggere Daesh a Manbij è di tagliare fuori la capitale siriana del gruppo-Raqqa- dalla Turchia. Questa offensiva è stata riportata recentemente dai media occidentali, ma con un’attenzione minima sulla lotta progressista e democratica dell’SDF.Così come per ritorsione, l’attacco a Qamişlo può essere anche servito come una distrazione dall’offensiva di Manbij o, come il Coordinamento Generale dei Cantoni del Rojava ha sostenuto, un tentativo di oscurare i successi del Rojava – come la parità di genere, la laicità e la democrazia diretta.

Ma il Rojava è stato sotto attacco da parte di Daesh e di altri gruppi jihadisti in Siria da molto tempo prima che i leader mondiali hanno iniziato a riconoscere la loro esistenza nel 2014.

E secondo il Movimento per una Società Democratica (TEV-DEM), che è la coalizione politica più influente dietro il progetto Rojava:

“La nostra gente darà la risposta più ideale a questi gruppi terroristici disumani e alle potenze che li sostengono, rafforzando la loro unità e abbracciando ulteriormente i valori della rivoluzione.”

L’importanza dell’offensiva di Manbij

La SDF era pronto a lanciare un attacco contro Manbij nella fase iniziale nel 2016, ma gli Stati Uniti ha incoraggiato a non farlo in gran parte a causa dell’opposizione turca alla sua presenza attorno a Manbij.Mentre il Rojava è stato bloccato dalla Turchia fin dal 2012,le SDF si basano molto sulla cooperazione tattica di attacchi aerei con gli Stati Uniti per incrementare l’impatto delle sue forze di terra.Per questo motivo,hanno fatto attenzione il parere americano.

Ma poichè respingere Daesh in Siria sarebbe stato accolto come un grande risultato negli Stati Uniti durante la fase pre-elettorale, l’amministrazione Obama alla fine ha ignorato le richieste della Turchia e ha dato il via libera alla fine di maggio alle SDF. Mentre l’offensiva a Manbij è essenzialmente un’operazione delle SDF, che è guidata da 3.500 combattenti del Consiglio militare di Manbij (MMC),di cui 3000 sono arabi di Manbij.Come le SDF, il Consiglio militare di Manbij è un organizzazione multietnica, e include anche curdi, circassi e turcomanni.

Il 27 luglio, mentre le forze del MMC si avvicinavano al centro di Manbij, un combattente ha affermato:

“Altri giovani di Manbij si sono uniti a noi mentre avanzavamo. La gente si è unita perche hanno visto che la forza delle bande di ISIS è stata spezzata”

Infatti, le persone della zona hanno parlato della loro felicità dopo la liberazione da Daesh.E una ragione di ciò è che, anche se Daesh ha ritardato l’offensiva utilizzando i civili come scudi umani,molti combattenti del MMC hanno aperto corridoi umanitari per soccorrere i civili – molte centinaia dei quali sono stati portati in salvo e lontano dalla zona di guerra nelle ultime settimane.

Secondo il portavoce del MMC Servan Derwêş:

“Stiamo cercando di essere preciso e sensibile a causa dei civili. Stiamo per liberare la città quando è il momento giusto “.

Il terrorismo non fermerà la liberazione di Manbij, e lotta del Rojava contro Daesh continuerà

Parlando alla fine di giugno, Derwêş aveva affermato:

“Dopo Raqqa, Manbij è la seconda città più grande città occupata dallo Stato Islamico in Siria.Militarmente ed n termini di contatto con il resto del mondo, Manbij è di importanza strategica.Per questa ragione la nostra offensiva per liberare questa città è un passo avanti verso la liberazione di [Raqqa].”

L’attacco terrorista a Qamişlo non cambierà nulla.La popolazione della Siria settentrionale continuerà a liberare le loro comunità dal dominio oppressivo di Daesh.E non mancheranno di resistere ai semi della divisione e dell’odio che questi jihadisti sciovinisti cercano di seminare.Questa è la natura del modello politico del Rojava,che non è solo di auto-difesa, ma del forgiare una alternativa inclusiva, democratica, ed egualitaria.

Così, mentre Daesh cerca di uccidere e schiavizzare tutti coloro che si trovano sulla strada della sua missione sciovinista, le forze del Rojava continueranno a liberarli e a rafforzarli.E nessuna quantità di terrorismo li fermerà dal sognare e lottare per un futuro migliore.

di Ed Sykes

 

Giornalista “Autore di”Rojava: An Alternative to Imperialism, Nationalism, and Islamism in the Middle East”

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Opinioni e analisi

«Il contratto è il prodotto della partecipazione di tutta la società civile» Si chiama “Claw-Sword“, l’operazione delle forze militari turche colpevoli degli attacchi aerei...

Siria

È stato affermato che 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità nella Siria settentrionale e orientale a causa degli attacchi della Turchia alle...

Siria

Il Rojava Information Center (RIC) ha compilato un rapporto dettagliato sulle 18 località colpite dallo Stato turco il giorno di Natale nella Siria settentrionale...