Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Le donne del Rojava sostengono la campagna “Non vado da nessuna parte”

QAMIŞLO – Le donne del Rojava hanno esaminato la campagna “Ez naçim” (Io non vado da nessuna parte) lanciata dall’Ufficio di Unità e Solidarietà del Popolo (SYPG). Le donne hanno detto, “proteggere le nostre terre ” chiamando le famiglie di chi è andato via. Le donne hanno anche detto che la rivoluzione del Rojava ha fatto diversi passi per migliorare la cultura della popolazione. Per questo le donne hanno evidenziato l’importanza della rivoluzione.

La campagna di “Ez naçim” (Io non vado da nessuna parte) è stata lanciata dall’Ufficio di Unità e Solidarietà del Popolo (SYPG) contro la migrazione che iniziata con la guerra nel Rojava e con il proposito di evitare l’assimilazione e di mantenere vive la lingua e la cultura curda. La campagna ha continuato ad avere riscontri positivi. L’insegnante di lingua madre Şilan Aqim valuta la campagna. “La nostra gente si lamenta perché “tutti se ne sono andati”, “tutti diventano migranti”. È per questo che la campagna “Ez naçim” (Io non vado da nessuna parte) è così importante. Şilan ha detto che la gente dovrebbe combattere le forze che sono contrarie alla rivoluzione del Rojava.

Şilan ha indicato che ci sono migliaia di persone che hanno lasciato le proprie case e ha detto, “Sì, molte persone sono andate via da qui, ma molte persone hanno deciso non lasciare le proprie case. Potete vedere che le scuole sono piene di allievi. Io sono contenta quando vedo questi bambini. Io spero che nessuno lasci il suo paese. Solo noi possiamo risuscitare questo Paese. O faremo risuscitare questo Paese o permetteremo che cada. Dobbiamo risvegliare il nostro Paese con il nostro linguaggio, nessuno lo farà per noi. Spero che la mia voce raggiungerà tutti e tutte le famiglie.”

Una degli amministratori dell’Accademia dell’Arte the Tirbespîyê Yekta Herekol, Gülistan Efrîn, ha chiesto alla gente che ha lasciato il Rojava ed è migrata verso altri paesi di ritornare nel proprio Paese e di proteggerlo. “Venite e proteggete il nostro Paese, uniamoci alla nostra rivoluzione. Non lasciamo le nostre terre, restiamo qui.”

Una degli amministratori del Celaded Bedirxan del cantone di Cizir, Peyman Bêrî, intanto ha dichiarato il suo sostegno alla campagna “Ez naçim” (Io non vado da nessuna parte) e ha detto, “Come personale di Celaded Bedirxan, noi sosteniamo la campagna “Ez naçim”, perché questa rivoluzione ci ha dato la nostra identità, lingua, cultura e la nostra volontà. Dobbiamo proteggere la nostra cultura e la nostra lingua. E questo significa proteggere la rivoluzione. Questa rivoluzione è per noi.” Peyman ha fatto appello alla gente di ritornare nel proprio Paese e di costruire insieme una vita nuova.

Rojda Serhat/JINHA

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Diritti umani

La giornalista Safiye Alağaş è stata arrestata ieri sera dalla polizia. Ieri sera la polizia ha intercettato il veicolo di Safiye mentre viaggiava da...

Siria

È stato affermato che 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità nella Siria settentrionale e orientale a causa degli attacchi della Turchia alle...