Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Cultura

UIKI : Alla stampa e all’opinione pubblica

Lo stato turco e il governo dell’AKP continuano a compiere attacchi militari in Kurdistan, vengono distrutte città e vengono giustiziati civili indifesi. Il coprifuoco militare di 12 giorni a Silvan ha lasciato la città in macerie. Case e attività commerciali sono state deliberatamente prese di mira, bruciate, distrutte e metà della città è diventata inagibile. 15 civili sono stati uccisi durante il coprifuoco e dozzine sono stati i feriti. Questi attacchi non erano attacco qualunque, hanno usato carri armati, cannoni ed elicotteri.

Negli ultimi 7 giorni eventi analoghi si sono verificati nella provincia di Mardin di Nusaybin. Mentre è in corso il coprifuoco militare contemporaneamente accelerano gli attacchi. Il 15 novembre 2015, Selamet Yeşilmen, incinta e madre di cinque bambini stava scendendo le scale dal secondo piano per il giardino con le sue due figlie Sevcan e Fikret (di 13 e 14 anni). Un Cobra blindato stazionato davanti alla loro casa in via Fırat Başyurt – Çağçağ, ha sparato contro di loro. La madre incinta SelametYeşilmen è morta sul momento e le sue due figlie sono state gravemente ferite. Hanno sparato anche contro Yilmaz Tutak mentre cercava di soccorrere le bambine e anche lui è rimasto gravemente ferito.

Un evento simile ha avuto luogo a Silopi, una provincia di Sirnak, il 12 novembre 2015. Nella via Şehit Harun, la gendarmeria distrettuale ha lanciato bombe con munizioni dette “bombaatar” (significato “lancia una bomba”). Dopo gli attacchi Servet Cin, Hişyar Konur, Fatma Yiğit, Evin Harput e un altro civile non identificato sono rimasti feriti in varie parti del corpo.

Questi e altri eventi simili continuano a verificarsi quotidianamente a Diyarbakır, Cizre, Gever, Şırnak, Hakkâri, Van e nella maggior parte del Kurdistan. È corretto dire che in Kurdistan è in corso una Guerra tra le forze di guerriglia e l’esercito turco e che si tratta di una guerra armata. Tuttavia le forze dello stato turco non sono in guerra solo con le forze della guerriglia, stanno deliberatamente mirando a civili e distruggendo le città. Le forze militari turche stanno violando le leggi di guerra. Lo stato turco sta commettendo crimini di guerra in Kurdistan.

La Turchia sta negando i curdi, stanno cercando di sterminare i curdi attraverso l’assimilazione e politiche repressive. Ignorano appelli e proposte di soluzioni pacifiche da parte dei curdi. Questo conduce al conflitto armato. Lo abbiamo detto in precedenza, la soluzione non è il conflitto, al contrario sta nel dialogo e nel negoziato.

Non si può non vedere la situazione dei curdi e del Kurdistan e la loro richiesta di pace non deve rimanere inascoltata. Per questo chiediamo a tutte le organizzazioni e a tutti gli individui che sostengono la pace e la democrazia di opporsi alla brutale campagna in atto contro i curdi e chiediamo a tutte e tutti di contribuire a una soluzione pacifica del conflitto curdo.

Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia Onlus &
Commissione Affari Esteri del Congresso Nazionale del Kurdistan KNK
19.11.2015

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...