Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Saleh Moslem: 50 tonnellate di munizioni consegnate, altre in arrivo

Il co-presidente del PYD, Saleh Moslem, ha confermato di aver recentemente ricevuto armi dalle Forze Usa e ha dichiarato “Noi non attaccheremo nessuno ma ci difenderemo contro coloro che ci attaccano” in risposta alle minacce pronunciate dal Primo Ministro turco Ahmet Davutoğlu.

Il co-presidente del PYD, Saleh Moslem, ha risposto alle domande di ANF riguarda ai recenti paracadutaggi di armi nella regione curda da parte degli Stati Uniti e alla minaccia del Primo Ministro turco: “Potremmo intervenire contro il PYD”.

Moslem ha riferito ad ANF che le armi inviate loro sono utilizzate contro l’ISIS e non saranno utilizzate in nessun altro posto che non sia il Rojava, e ha invitato la Turchia ad “abbandonare la politica di ostilità”.

“50 tonnellate di munizioni già pervenute, altre in arrivo”

Nel dare informazioni sulle armi paracadutate dalle forze statunitensi alla regione sotto il loro controllo, Moslem ha riferito che “Un totale di 50 tonnellate di munizioni è stato paracadutato per noi e per i gruppi con cui siamo alleati. Questo è solo l’inizio, verranno inviate altre armi”

“Le armi saranno utilizzate in Rojava”

Rimarcando che il PM turco Davutoğlu farebbe meglio ad abbandonare le minacce inutili, Moslem ha dichiarato: “Queste armi sono state date non solo a noi ma anche ai gruppi arabi con cui agiamo. Dichiarare che le armi saranno usate contro la Turchia o in qualche altro posto sono solo una distorsione. Queste armi sono appena sufficienti per le nostre necessità. Con queste armi ci difendiamo dall’ISIS e non andranno in alcun modo al PKK né saranno utilizzate in Turchia “.

“Minacce da parte di Davutoğlu”

Riguardo alle minacce del Primo Ministro turco Davutoğlu di “intervenire contro il PYD”, Moslem ha affermato: “Se la Turchia attacca il Rojava, ci difenderemo. Noi non attaccheremo nessuno ma ci difenderemo contro chi ci attacca. Abbiamo sempre richiamato la Turchia alla fraternità e non abbiamo mai tenuto un atteggiamento sfavorevole nei loro confronti.”

“Operazioni contro Raqqa e Jarabulus in agenda”

In relazione alla domanda se il PYD e la Turchia avessero avuto alcun contatto recente, Moslem ha chiesto “Come potremo mai avere colloqui con chi ci definisce “terroristi” tutti i giorni?”

Il Co-presidente del PYD, infine, ha dichiarato che le operazioni contro Raqqa e Jarablus sono già in agenda e che stanno solo lavorando sui tempi delle operazioni, al momento. Egli ha aggiunto che la Russia sarebbe favorevole all’operazione.

ANF – AMED DİCLE

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Siria

È stato affermato che 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità nella Siria settentrionale e orientale a causa degli attacchi della Turchia alle...

Siria

Il Rojava Information Center (RIC) ha compilato un rapporto dettagliato sulle 18 località colpite dallo Stato turco il giorno di Natale nella Siria settentrionale...

Siria

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”. Da...