Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

IHD: 113 persone sono state uccise nella regione curda negli ultimi 78 giorni

IHD (Associazione dei diritti umani) ha annunciato che 113 persone sono state uccise nella regione curda negli ultimi 78 giorni.

IHD ha rilasciato un rapporto sull’uccisione di civili e le violazioni dei diritti commesse nella regione curda durante il periodo tra il 24 luglio e l’8 ottobre.Il rapporto è stato reso pubblico in una conferenza stampa a cui hanno partecipato dirigenti dell’associazione nella capitale turca Ankara.

Intervenendo il presidente generale di IHD Öztürk Türkdoğan ha invitato la Croce Rossa,il Commissario del Consiglio d’Europa per i diritti umani e l’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite a visitare il Kurdistan per osservare sul luogo gli avvenimenti.

Le forze dell’ordine dello stato hanno assassinato civili

Descrivendo il riavvio del conflitto del 24 luglio come una situazione veramente pesante e inaccettabile,Türkdoğan ha affermato che delle 113 persone che da allora sono state uccise 5 erano militanti armati affiliati al Pkk e altri sono stati uccisi in casi non identificati,mentre tutti gli altri erano civili che sono stati uccisi dagli attacchi forze dello stato.

Türkdoğan ha dichiarato che  questa situazione ha costituito un crimine di guerra e una esplicita violazione delle Convenzione di Ginevra,affermando che la maggioranza delle moerti di civili si è verificato nelle città dove è stato imposto il coprifuoco.Ha sollecitato la realizzazione di un’indagine efficace per quelli che hanno ordinato questi coprifuoco,se si trattasse di governatori o del Ministro degli Interni.

Ricordando che oltre al coprifuoco,molte persone hanno perso la vita durante questo sviluppo a causa del diniego dell’accesso all’assistenza medica,Türkdoğan ha chiesto anche un’indagine e un processo per i responsabili a questo riguardo.

Appello alle istituzioni internazionali

Türkdoğan ha sottolineato che la Croce Rossa,il Commissario del Consiglio d’Europa per i diritti umani e l’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite devono visitare la Turchia perconstatare le esecuzioni extragiudiziali.Ha aggiunto che assumeranno un iniziativa per assicurarsi questo.

Chiedendo indagini efficaci e la fine della politica dell’impunità a riguardo dell’assassinio di civili,Türkdoğan ha affermato che il parlamento turco deve istituire una commissione d’indagine per esporre la verità su tutte queste gravi violazioni dei diritti.

“Le violazioni dei diritti commesse che sono state commesse contro i civili mostrano che il conflitto riavviato deve essere fermato immediatamente e il processo di dialogo e di trattativa deve essere avviato per assicurare un silenzio permanente delle armi.In questa occasione,vogliamo ricordare a entrambe le parti che le armi devono esser messe a tacere nel più breve periodo possibile”ha affermato.

Chi sono le unità mobili che pattugliano in veicoli senza targa ?

Indicando la presenza di unità speciali in relazione all’uccisione di civili nella regione curda,il presidente di IHA ha affermato:”In molti casi c’è una questione di alcune unità mobili che indossano
passamontagna,che è stato detto sia polizia per operazioni speciali,ma non si sa esattamente chi sono.

“Chi sono queste persone?Sono membri dell’organizzazione della contro-guerriglia all’interno dello stato che in passato avevano agito con il nome di Jitem?”Si è chiesto Türkdoğan facendo appello per una esposizione di questo caso.

Appello a entrambe le parti per un cessate il fuoco

Richiamando l’attenzione sul dibattito sul cessate il fuoco che è stato dichiarato dal PKK l’11 ottobre,Türkdoğan ha criticato l’ex Primo ministro Yalçın Akdoğan che ha recentemente messo in evidenza un’obiezione sul cessate il fuoco reciproco.Il presidente di IHD ha affermato che Akdoğan deve riconsiderare questa questione e ha chiesto una dichiarazione immediate di cessate il fuoco e una ufficiale obbedienza ad esso da parte dello stato.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Il Comitato esecutivo centrale del partito DEM ha avvertito che gli attacchi contro gli operatori della stampa libera in Turchia e in Europa sono...

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...