Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Protesta ad Hasankeyf contro gli ingiusti piani di reinsediamento e la diga di Ilisu

Domenica 31 maggio 2015 l’iniziativa per mantenere in vita Hasankeyf ha organizzato un incontro di protesta ad Hasankeyf,contro una nuova dichiarazione riguardo il reinsediamento degli abitanti nella città di Hasankeyf, pubblicata il 5 maggio.Cinque giorni prima una causa legale è stata avviata contro questa dichiarazione al Tribunale amministrativo di Batman da due abitanti di Hasankeyf.

Più di cento persone di Hasankeyf e diversi attivisti dell’Iniziativa provenienti da Batman,si sono radunati all’ingresso del castello di roccia,il quale è stato chiuso dal governo nel 2010 e ha condotto alla diminuzione del turismo ad Hasankeyf.

Nel primo intervento di Cetin Kurtay, attivista dell’Iniziativa di Hasankeyf, la dichiarazione è stata criticata perché viola in diversi modi i diritti della popolazione dell’antica città .In primo luogo la dichiarazione è stato approvata dal governo e non dal Parlamento,il quale è uno dei motivi per cui il livello della violazione è così forte.

Poi si differenzia tra le persone non sposate e sposate.Il non coniugato ha meno diritti relative ai crediti nella Nuova Hasankeyf.I ragazzini non vengono considerati in nessun modo.Inoltre ci sono incertezze circa i negozi dell’attuale proprietario del negozio promesso nella nuova zona d’insediamento;come funzionerà la nuova via turistica?

In generale, nella dichiarazione e in tutti i documenti ufficiali del governo non è determinato quali saranno le opportunità di reddito per la gente della Nuova Havankeyf.La situazione dei nuovi insediamenti previsti per gli altri villaggi è peggiore.Infine, gli importi per i nuovi appartamenti nella Nuova-Hasankeyf sono significativamente più elevati rispetto alle case nella città di Hasankeyf.

Nella seconda parte del suo intervento Cetin Kurtay ha affermato che questa dichiarazione dichiarazione purtroppo, non è una sorpresa, perché il governo non ha mai mostrato alcun rispetto per le persone colpite.

Gli abitanti di Hasankeyf sono ancora principalmente contro il progetto della diga di Ilisu che sarebbe una catastrofe per decine di migliaia di persone,per la cultura e la natura.”La nostra lotta continuerà e noi dichiareremo al presidente della Turchia: Non permetteremo la costruzione della diga di Ilisu”.

Di seguito i primi due candidati del partito HDP (Partito democratico dei popoli) Ali Atalan e Ayse Acar Basaran hanno fatto brevi interventi e hanno mostrato la loro solidarietà con la lotta contro la diga di Ilisu.

Poi una breve manifestazione si è svolta attraverso le vie turistiche di Hasankeyf in cui i partecipanti hanno gridato slogan come “Hes hes, bes edi” (Dighe,dighe, questo è abbastanza) e “Hasankeyf è la storia e rimarrà la nostra storia”.

Dopo la fine della protesta la metà dei partecipanti si è unito a una passeggiata nella natura sulle colline sopra la città.

Initiative to Keep Hasankeyf Alive

Tel: 0 488 214 37 50
www.hasankeyfgirisimi.net
hasankeyfgirisimi@gmail.com
facebook: www.facebook.com/hasankeyfiyasatmagirisimi

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Memet Sıddık Akış, il co-sindaco curdo democraticamente eletto del comune di Colemêrg, è stato arrestato lunedì 3 giugno e sostituito dal governatore di Hakkari....

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...