Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Rapporto sui danni di Kobanê:danneggiati oltre la metà dei quartieri

AMED –Gli ingegneri che hanno riferito sui danni a Kobanê alla Conferenza sulla ricostruzione di Diyarbakır hanno annunciato le loro raccomandazioni per la ricostruzione della città.Hanno sottolineato la necessità di un piano per la città democratico ed ecologico sensibile ai bisogni sociali e psicologici della popolazione che è sopravvissuta alla guerra.

La sezione provinciale di Diyarbakir dell’Unione delle camere degli ingeneri e architetti turchi,ha presentato oggi il rapporto preliminare sui danni della città di Kobanê alla conferenza in corso di svolgimento al Centro culturale e d’arte Cegerxwîn nella principale città curda.

La città composta da 13 quartieri distribuiti su sei chilometri quadrati,ora ha più di 9.000 case danneggiate o distrutte e quasi 3.000 posti di lavoro danneggiati o distrutti.Soltanto 630 case restano indenni.

Decine di migliaia di residenti di Kobanê sono tornati in città fin dalla sua liberazione,nel mese di gennaio.Sette quartieri della città (Rojava Botan, Şehid Moro,Şehid Serhed, Şehid Akif, Şehid Firas,Rojhilat Botan,e Şehid Peyman) sono stati gravemente danneggiati.

L’elettricità dalla città è arrivata per un lungo periodo da una diga sul fiume Eufrate.Anche se prima della guerra è stata oggetto di interruzioni arbitrarie dei poteri dominanti.Anche se le cabine elettriche sono in gran parte illese,la rete elettrica è gravemente danneggiata.

I generatori di corrente (per lo più di proprietà di privati)sono in grado di fornire illuminazione a solo il 25% della città,anche se il rapporto ha affermato che il problema potrebbe essere risolto dalla fornitura di ulteriori generatori.Kobanê, che prima della guerra forniva il 35-40% del fabbisogno della Siria di cereali e granaglie,ha ora solo il 15-20% dei campi in una condizione irrigua.

I silos di grano sono rimasti intatti dato che Daesh ha fatto affidamento su di loro durante la guerra,ma le forze di Daesh hanno sequestrato un gran numero di allevamenti di animali della regione.

“Poiché la città è in qualsiasi momento  è sotto la minaccia di una guerra ha bisogno di essere sviluppato con particolare attenzione alla difesa”afferma il rapporto”ma questo deve essere fatto
in modo che non lasci ferite sulla memoria sociale e non abbia effetti negativi inconsci.

“Il rapporto ha anche ammonito che il processo di programmazione ha bisogno di coinvolgere il consenso tra gli amministratori cantonali e quelle parti della popolazione che sono state più svantaggiate dalla guerra.

Sul tema del museo proposto da realizzare nelle parti della città vecchia,la relazione raccomanda la partecipazione di architetti professionisti nel processo e dei servizi di pulizia nella conservazione delle rovine.

JINHA

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

Secondo quanto riportato, Pakhshan Azizi attivista socio-politica curda arrestata dalle forze di sicurezza iraniane a Teheran il 4 agosto 2023, è stata privata del...

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...