Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Enver Muslim invita alla solidarietà con Kobanê

Dopo la liberazione della città di Kobanê,mentre continuano i lavori per la ricostruzione,gli abitanti che ritornano incontrano diffuse carenze di beni fondamentali.Il co-presidente del cantone di Kobanê  Enver Müslim ha affermato:”È un dovere umano soddisfare i bisogni della popolazione di Kobanê.”

Dopo che il 14 settembre 2014 le bande di ISIS avevano lanciato attacchi contro la città di Kobanê,le YPG e le YPJ hanno portato avanti una resistenza epica durata più di quattro mesi.

La gente in tutto il Kurdistan e da più lontano,si era mobilitata a sostegno della resistenza.I residenti di Kobanê che avevano trovato rifugio nel distretto di Suruç nella provincia di Urfa ed in altre città hanno iniziato a ritornare.

È stato riferito che circa 70 mila delle 100.000 persone che hanno trovato rifugio nelle tendopoli di Suruç sono tornate a Kobanê.Poichè la fornitura di aiuti è diminuita,gli aiuti nei depositi a Kobanê e a Suruç si stanno pericolosamente riducendo.

Il co-presidente del cantone di Kobanê ha dichiarato che mentre la città di Kobanê è stata liberata,il conflitto continua  su tre fronti fuori dalla città.

Muslim ha aggiunto che vi è una diffusa carenza di risorse fondamentali come cibo ed acqua.

“Non c’è latte per i bambini”,ha dichiarato,aggiungendo che a causa della guerra in corso quest’anno la gente non è in grado di impegnarsi nell’agricoltura.Ha detto anche che necessitano di sementi e di carburante.

Kobanê ha bisogno del sostegno internazionale

Muslim ha detto che ISIS ha fatto saltare in aria le torri dell’acqua a Kobanê conducendo a una grave carenza di acqua.Ha aggiunto che al fine di superare la distruzione prodotta dalla guerra, Kobanê ha bisogno della solidarietà della popolazione del Kurdistan e del sostegno internazionale.Ha affermato che mentre le popolazioni e le municipalità del Kurdistan del nord avevano fatto il massimo per aiutare,si è lamentato delle organizzazioni dei diritti umani che non hanno fatto abbastanza.

I depositi si svuotano,nessun aiuto sta raggiungendo le popolazioni

Muslim ha affermato che la popolazione del Kurdistan del nord ha fornito gran parte degli aiuti durante gli ultimi 8 mesi,ma che adesso i depositi si sono esauriti e che la gente non sta più ricevendo gli aiuti.Ha chiesto un maggiore supporto dalle organizzazioni internazionali ed in particolare che venga aperto al confine un corridoio per gli aiuti.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...