Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Un corridoio è essenziale per gli aiuti ai civili

KOBANÊ (DİHA) – Il Dr. Menaf Kitkanî, responsabile di Heyva Sor a Kobanê ha dichiarato che i civili che vivono a Kobanê hanno bisogno di un “corridoio umanitario”in modo che la loro salute ed i loro bisogni vengano soddisfatti.

La mezza luna rossa curda Heyva Sor,ha riavviato le sue attività a Kobanê a seguito dell’avanzata delle forze delle YPG in città.Heyva Sor sta fornendo cure sanitarie di base a migliaia di persone a Kobanê città e sulla linea di Tel Shair.

Il Dr. Menaf ha risposto alle domande di ANF a riguardo della situazione in città e dei bisogni dei civili.

Abbiamo riavviato il nostro lavoro a seguito dell’avanzata delle YPG e del ritorno dei civili.

* Dopo gli attacchi di ISIS a Kobanê Heyva Sor aveva sospeso le sue attività.Cosa ha permesso di riavviare il vostro lavoro?

Heyva Sor aveva cominciato a lavorare a Kobanê dopo la rivoluzione.Ha cercato di soddisfare le esigenza sanitarie e altri bisogni basilari della popolazione che era assediata e sotto attacco.Dopo che il 15 Settembre sono iniziati gli attacchi di ISIS abbiamo sospeso il nostro lavoro.L’edificio di Heyva Sor è stato distrutto dalle bande di ISIS.

Nell’ultimo mese l’avanzata delle forze delle YPG/YPJ ha costretto le bande a ritirarsi e  la loro spinta ha creato un ambiente relativamente sicuro,così Heyva Sor ha ricominciato le sue attività a Kobane con 15 volontari.

In quanto più civili tornano in città,i bisogni da soddisfare aumentano

L’attacco del 29 Novembre con un veicolo carico di esplosivo dal confine di Mürşitpınar ha causato danni alle nostre medicine e ad altro materiale.Così abbiamo abbiamo riavviato il nostro lavoro senza questi elementi essenziali.

I civili sono la priorità

*In che tipo do lavoro siete coinvolti e quali sono le vostre priorità?

La nostra priorità è soddisfare le esigenza sanitarie dei civili.Le medicine provengono dal Kurdistan del nord e da altrove,distribuiamo gli aiuti ed effettuiamo controlli sanitari mobili.Questo aiuta ad alleggerire il carico sugli ospedali.

*Siamo consapevoli che la gente che vive sulla linea di Tel Shair sta vivendo in aspre condizioni.

Che lavoro state facendo per loro?

La popolazione in quell’area ha seri problemi sanitari in considerazione del freddo e per essere malnutrita.Abbiamo iniziato ad effettuare controlli sanitari giornalieri,a distribuire pannolini e altri elementi essenziali.

Un corridoio è essenziale per gli aiuti ai civili

Di cosa Heyva Sor ha bisogno per rispondere alle esigenze dei civili qui?

C’è bisogno di medicine,di riscaldamento,pannolini e cibo per bambini.E ‘essenziale che un corridoio umanitario venga aperto per consentire agli aiuti di passarvi attraverso.La mancanza di un corridoio impedisce agli aiuti internazionali di arrivare a noi.Chiediamo alle organizzazioni internazionali di aumentare gli aiuti.Qui il conflitto continua e ci vorrà del tempo prima che le cose tornino alla normalità.

Vogliamo dare per il ritorno dei civili

* Che cosa si intende fare per migliorare il lavoro di Heyva Sor?

Vorremmo ricostituire il nostro stock di forniture mediche.Aumenteremo il numero di volontari e speriamo di spostarci in un edificio più grande.Il nostro obiettivo è quello di soddisfare tutte le esigenze dei civili che torneranno dopo che ISIS è stata mandata via da Kobanê.Vogliamo fare in modo che Heyva Sor si sviluppi e qui abbia una presenza duratura qui.

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...