Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Mehmet ha ospitato un migliaio di persone da Kobanê in tre mesi

Mustafa Can, un giornalista svedese nato nel Nord Kurdistan, è andato a Suruç a riferire sulla situazione dei curdi che sono stati costretti a fuggire da Kobanê per Svenska Dagsbladet, uno dei più grandi giornali in Svezia.

In un articolo dal titolo: “Mehmet accoglie più rifugiati della Norvegia”, Can descrive i sacrifici fatti dal settantenne Mehmet per assistere i rifugiati di Kobanê.

Can fa notare che questo povero abitante di villaggio in tre mesi ha offerto ospitalità a tanti profughi, quanti la Norvegia ne accoglie in un anno.

Mehmet ha risposto alla domanda di Can su come è riuscito ad accogliere così tante persone nella sua casa indicando le bande di ISIS oltre il confine, dicendo: “Come mi potete chiedere questo? Prendete questi binocoli e troverete la risposta negli occhi dei serpenti di ISIS “.

Can ha detto che quando guardando attraverso il binocolo vedeva membri di ISIS entrare e uscire da case a 500 metri dal confine, mentre la battaglia continuava a un chilometro di distanza da Kobanê, e che si poteva sentire il suono dell’artiglieria e le bombe sganciate dagli aerei americani creavano spirali di fumo nell’aria.

Ha descritto la scena in un campo profughi a sei chilometri dal villaggio di Mehmet, Zehvan, dove decine di bambini, molti dei quali a piedi nudi, erano riuniti attorno al fuoco. Molte donne con tatuaggi clanici sui loro volti si aggiravano lì intorno mentre uomini giovani e vecchi erano accovacciati davanti a una tenda a fumare.

Can ha raccontato di aver preso la lista dei regali che la figlia gli aveva chiesto di comprare prima di partire dalla Svezia e di averla rimessa in tasca prima di iniziare a camminare nel campo. “In una tenda vicino alla strada principale, una bambina era nata morta due ore prima. Aveva i capelli castani. Nessuno aveva pianto. La madre ha detto: “Devo pulire il fango dalla tenda, poi cucinare il bulgur per i bambini”, ha scritto.

Ha citato una ragazza di tredici anni che vive in una tenda con altre sette persone che aveva fame e sete, ma non pensava al cibo, bensì di tornare a casa. Contava le persone che la sua famiglia aveva perso, sei in tutto…

Can ha aggiunto di aver chiesto come Mehmet fosse riuscito ad accogliere un migliaio di persone in tre mesi. Mehmet ha detto di aver ospitato 80 persone in due grandi stanze, e che queste 80 persone avevano soggiornato per alcuni giorni o una settimana prima di passare in una tendopoli; poi, dopo che erano andati via, altri erano arrivati ed erano rimasti per un tempo simile.

Mehmet ha reagito arrabbiandosi alla domanda di Can sul perché avesse aiutato i profughi. “Cosa intendi? Hai mai visto la paura negli occhi dei bambini o l’ansia delle persone che sono state costrette ad abbandonare le loro case? È una questione di coscienza. Dovevo fare qualcosa. Tu cosa avresti fatto?”, ha chiesto a Can.


ANF – Stoccolma 24.12.2014

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...