Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

La costruzione della diga di Ilisu può continuare dopo una battuta d’arresto di 4 mesi

Fermare Ilisu – fermare la distruzione e l’instabilità!

Lo stato turco opere idrauliche(DSI) ha annunciato alcuni giorni fa,dopo quattro mesi di interruzione, che la costruzione della fortemente criticata diga di Ilisu e del progetto di centrale idroelettrica continueranno immediatamente.

Se la costruzione riparte,la diga di Ilisu sul fiume Tigri protrebbe essere finita il prossimo anno,il che porterebbe ad una enorme distruzione sociale,culturale ed ecologica e anche ad una maggiore instabilità politica.

La diga di Ilisu,la cui costruzione è stata avviata interamente nel 2010 dopo che un nuovo finanziamento è stato assicurato,è stata fermata nel 2014 dopo che tutti i lavoratori si sono dimessi.

In precedenza due importanti appaltatori della costruzione della diga erano stati arrestati dalle forze di difesa del popol(HPG).I guerriglieri del PKK li avevano avvertiti di non proseguire con la loro partecipazione nel progetto della diga di Ilisu e li hanno rilasciati dopo pochi giorni.

Tra gli altri, il PKK considera la diga di Ilisu come uno strumento contro di sé che approfondisce l’assimilazione della cultura curda.

Dopo le dimissioni dei lavoratori nell’agosto 2014 la costruzione della diga era stata completamente interrotta.Secondo il DSI 80% per cento della diga era stato completato prima dell’interruzione.

Alcuni metri di altitudine del corpo diga e una parte del canale di scarico e la maggior parte del lavoro della centrale idroelettrica non sono ancora state finite.

Il DSI ha informato che se la costruzione riparte, il sito della diga sarebbe protetto da un più alto numero di soldati di prima.Anche tutto il trasporto di materiale da costruzione al sito della diga sarebbe protetto dai militari.

Una visita al sito a metà novembre 2014 della nostra iniziativa ha affermato che le persone reinsediate del villaggio di Ilisu vivono in cattive condizioni.

Sono in debito perché le nuove case sono due volte più costose di quelle vecche.Erano abituati ad avere qualche opportunità di lavoro durante il periodo della costruzione,ma ora non sanno come guadagnare soldi.Non ci sono opportunità di reddito – in particolare perché non hanno più terra – nel loro quartiere.

Le infrastrutture sociali sono scarse.Quasi nessuna delle promesse è stata realizzata.C’è solo una scuola elementare e un parco giochi per bambini che sono stati costruiti.Oggi quasi nessuno dalle 45 famiglie a Ilisu considera la diga di Ilisu come un investimento positivo.

Dal 20006 nel contesto regionale tutti gli enti locali interessati hanno espresso che non vogliono la diga di Ilisu progetto.Tuttavia, il governo centrale ha cominciato a costruire questa diga, nonostante la maggior parte della popolazione regionale.

Chiediamo al DSI di prendere in considerazione che la continuazione della diga di Ilisu sarebbe un disastro per 80.000 persone colpite direttamente e per più persone nella più vasta regione.La natura unica e straordinaria del patrimonio culturale verrebbe distrutta in modo irreversibile.

Potrebbe anche portare ad un’instabiltà politica della Turchia perchè un’intervento militare del PKK può ripetersi.Questo può interessare negativamente il processo di negoziazione in corso tra il governo turco ed il PKK.Potrebbe essere interessato anche l’Iraq.

La guerra in corso negli ultimi mesi tra le diverse potenze mostra come i grandi progetti di infrastrutture idriche potrebbero accrescere il potenziale di conflitto.

Non c’è nessun altro progetto in Turchia in termini di potenziale di distruzione e di creazione di instabilità come la diga di Ilisu.

Di conseguenza, chiediamo in particolare alla società civile e ai responsabili politici in Turchia,in Iraq,in Medio Oriente e in Europa di protestare contro la decisione di DSI di continuare ccon questo progetto che potrebbe avere benefici solo per alcune aziende e gli interessi ristretti della Turchia a potenza regionale. La pressione politica sulla Turchia è più che mai necessaria.

In allegato ci sono le foto scattate durante la visita al sito delle diga di Ilisu a metà novembre 2014. Se necessario le abbiamo in dimensioni maggiori. Ti invitiamo a pubblicarle con i diritti d’autore della nostra iniziativa.

Ercan Ayboga

Iniziativa per mantenere in vita Hasankeyf

Email: hasankeyfgirisimi@gmail.com

5-12-2014

 

 

[su_slider source=”media: 9719,9718,9717,9714″ link=”lightbox”]

 

*immagini a cura di Hasankeyf girismi

 

 

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...