Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Hrw: le mine terrestri dell’esercito turco uccidono civili in fuga da Kobanê

(Diha) -Mine terrestri messe decenni fa dai militari turchi hanno ucciso almeno tre civili checercavano di fuggire in Siria e ne hanno ferite almeno altre nove,lo ha riferito oggi Human Rights Watch.

Le mine antiuomo,in una zona soggetta a restrizioni lungo il confine con la Siria, minacciano altre migliaia di rifugiati siriani. Human Rights Watch ha affermato che per evitare ulteriori vittime e proteggere i civili, la Turchia dovrebbe intraprendere sforzi immediati per trasferire in sicurezza oltre 2.000 rifugiati siriani che rimangono nei campi minati ed educare i rifugiati sul rischio posto dalle mine. Human Rights Watch ha detto.

La Turchia deve eliminare tutte le aree minate nel suo territorio,a partire dalle zone di confine con la Siria, dove i rifugiati potrebbero attraversare ed il personale di sminamento in grado di operare in sicurezza.

“Cadere vittima di una mina dopo aver perso la casa fuggendo dal vostro paese è un destino che nessuno avrebbe dovuto sopportare”, ha dichiarato Steve Goose, direttore di Human Rights Watch e presidente della Campagna internazionale contro le mine, vincitore del premio Nobel per la Pace 1997 .”La Turchia ha la capacità di cancellare i propri campi minati e dovrebbe cancellarli immediatamente”.

I combattimanti sono iniziati nel settembre 2014 attorno alla città siriana di confine di Kobani (o Ain al-`Arab in arabo) tra le forze curde e lo Stato islamico (noto anche come ISIS,gruppo militante estremista). Da allora, migliaia di siriani sono fuggiti verso il confine attraverso una stretta striscia di terreno minato appena dentro la Turchia del nord-ovest e a nord-est di Kobani.Le immagini satellitari registrate nel lontano 1968 mostrano questo lembo di terra che fa parte di una vasta fascia di campi minati che l’esercito turco aveva posato lungo il confine con la Siria nel 1950.

La Turchia ha riferito che tra il 1957 e il 1998, le forze turche hanno posato 615.419 mine lungo il confine con la Siria “per impedire attraversamenti illegali del confine.”La maggior parte dei civili in fuga da Kobani hanno attraversato in Turchia ed è stato alloggiato nei vicini campi profughi.Tuttavia, secondo gli operatori umanitari, ed evidenti immagini satellitari recenti, oltre 2.000 civili sono rimasti,a partire dal 18 novembre,in una fascia della cintura minata denominata corridoio di Tel Shair a nord ovest di Kobani,dove sono a rischio delle mine.

Rimangono nella zona minata appena all’interno della Turchia, perché la Turchia rifiutava l’ingresso alle auto o per il bestiame,e loro non volevano lasciarsi alle spalle i propri averi.Human Rights Watch ha trovato le prove nelle immagini satellitari registrate il 14 novembre, che potenzialmente centinaia di altri rifugiati siriani si trovano nella fascia minata nei pressi dei villaggi turchi di Mertismail e Canakci, a meno di 9 chilometri a est di Kobani.

La Turchia ha aderito nel 2003 al Trattato per la messa al bando delle mine,e come stato contraente aveva l’obbligo giuridico di contrassegnare il perimetro, monitorare, e recintare tutte le aree minate nel più breve tempo possibile “per garantire l’effettiva esclusione dei civili.”E aveva anche una scadenza iniziale nel trattato a Marzo 2014 per cancellare tutte le mine ,ma questo termine è stato prorogato fino a Marzo 2022.”Come anche altre zone contaminate dalle mine,i campi minati lungo la frontiera non sono sicuri per i civili e devono essere cancellati immediatamente per evitare ulteriori danni”, ha affermato Goose.

Gli incidenti a causa delle mine

Tutti gli incidenti documentati da Human Rights Watch si sono verificati all’interno del corridoio di Tel Shair, che corre lungo il lato turco del confine subito a nord ovest di Kobani.Misura tra i 300 e 400 metri di larghezza, e il corridoio si estende verso est, seguendo una linea ferroviaria in disuso che segna fisicamente il confine tra Turchia e Siria. A nord, il corridoio è delimitato da un recinto di filo spinato che limita ulteriormente il movimento in Turchia.Secondo gli operatori umanitari che hanno parlato con Human Rights Watch,la zona del corridoio di Tel Shair ha avuto almeno 70 esplosioni di mine tra il 15 settembre e il 15 novembre.

Hanno anche riferito a Human Rights Watch che civili sono morti o sono stati feriti in almeno sei di queste esplosioni, tra cui un ragazzo di dieci anni che è rimasto ucciso e altri sette bambini che sono stati feriti. Negli altri casi,hanno detto, le mine sono state fatte esplodere da bestiame.Il 7 novembre, un operatore umanitario ha riferito a Human Rights Watch che esplode una mina a Tel Shair ogni due o tre giorni a causa della fuga di civili o del loro bestiame. Hanno detto che i rifugiati in fuga attraverso l’area hanno portato almeno sei mine inesplose che loro stessi hanno eliminato ai soldati turchi.

Le lesioni e le morti si sono verificate quando le vittime erano a piedi, il che indica che hanno messo i piedi sulle mine antiuomo.Alcune auto di passaggio attraverso il corridoio minato sono state danneggiati, ma nessun ferito è stato come conseguenza segnalato.Human Rights Watch ha analizzato una serie temporale dettagliata delle immagini satellitari registrate lungo il confine, e ha individuato un totale di cinque grandi concentrazioni di civili all’interno della cintura del campo minato a nord-ovest e nord-est di Kobani.

La immagini satellitari confermano la presenza di migliaia di veicoli e di bestiame nel campo minato dal 13 novembre, l’ultima data disponibile per le immagini.Due operatori umanitari in al confine in Turchia al confine hanno dichiarato a Human Rights Watch che molti civili in fuga dal conflitto a settembre e ottobre hanno attraversato il confine nei pressi Kobani con le loro auto ev il bestiame, e sono rimasti all’interno del corridoio Tel Shair perché la Turchia rifiutava l’ingresso per le auto o il bestiame e i civili non volevano lasciare le loro cose.

Hanno affermato,sulla base di conversazioni con i rifugiati che avevano attraversato in Turchia,che alcuni degli animali – mucche e pecore – sono entrate nei campi minati non demarcati e hanno fatto esplodere le mine.Le fotografie fornite a Human Rights Watch da operatori umanitari mostrano quello che sembra essere un mina antiuomo US M2 che è stato presumibilmente rimossa dai campi minati turchi a nord di Kobani.Secondo i rapporti annuali sulla trasparenza della Turchia, che sono richiesti dall’articolo 7 del Trattato di Ottawa, la Turchia ha accumulato in passato grandi quantità di M2.Human Rights Watch ha anche individuato dalle immagini satellitari una prova evidente che la più grande concentrazione di civili nel corridoio di Tel Shair è stata colpita da più colpi di mortaio tra il 7 e il 9 novembre, e di nuovo tra il 9 novembre e il 13.

Uno degli operatori umanitari al confine ha riferito a Human Rights Watch per telefono che l’8 novembre attorno alle 8 del mattino, i combattenti di ISIS lanciato circa cinque mortai sulla zona in cui erano radunati i civili.Un attivista a Kobani che ha parlato con Human Rights Watch,ed ha anche visitato il confine, ha confermato l’attacco dell’8 novembre. L’attacco ha ucciso almeno tre persone, tra cui un bambino, e il ferimento di almeno altre 15.

Un conto delle vittime delle mine antiuomo

Human Rights Watch ha intervistato una donna curda siriana che calpestato una mina dopo che lei era antrata in Turchia,ferendo malamente se stessa e la figlia di 7 anni.

Ha affermato di non aver visto nessun segnale di avvertimento sulla presenza di mine nella zona.La donna ,”Selma”,di 35 anni, agricoltore e madre di sei figli nel villaggio di Zakariah, a circa 35 chilometri a ovest di Kobani / Ayn al-Arab, ha detto che lei e la sua famiglia fuggirono dal loro villaggio dopo che i combattenti di ISIS hanno attaccato la zona il settembre 16 e 17. La famiglia è fuggita sulle colline ad est, dove sono rimasti per tre giorni, fino a quando hanno saputo che le forze di ISIS avevano distrutto le loro case, ha detto. Dopo di che, la famiglia è andata a Kobani e si è unita ad un gran numero di persone che si stavano movendo verso il confine turco. Selma ha detto che la sua famiglia ha lasciato la propria auto e si è diretta verso il confine.

Sono passati sopra la ferrovia nel corridoio di Tel Shair e si stavano avvicinando verso l’esterno di una recinzione perimetrale, quando ha fatto un passo su di una mina: portavo mio figlio di un’anno ,mentre mia figlia di 7 anni teneva il mio vestito.Ho fatto un passo su una mina ed è esplosa. Mio figlio è caduto a terra, mentre mia figlia ha subito ustioni di primo grado sul suo viso. Selma ha stimato che dopo circa 15 minuti quattro operatori umanitari che erano andati ad aiutarla. Hanno avvolto la gamba in una benda e l’hanno portata su di un taxi diretto all’ospedale di Stato a Suruç,in Turchia, a circa 30 minuti.Ha detto a Human Rights Watch che i medici le hanno amputato la gamba.

I recenti morti e feriti a causa delle mine.

Di seguito ci sono i sei episodi in cui i rifugiati sono stati feriti o uccisi dalle mine mentre attraversavano il corrdoio di Tel Shair corridoio a ovest di Kobani, sulla base di regitrazioni di Human Rights Watch,tra di cui le foto raccolte da operatori umanitari.

Tutte le vittime erano a piedi. Il 19 settembre o il 20, “Selma,” 35 anni, e sua figlia, 7 anni, sono rimaste feriti nel campo minato di confine;

Il 21 settembre, due fratelli, di 10 e 11 anni, sono rimasti feriti nel campo minato di frontiera;Il 24 settembre, un ragazzo di 10 anni, del villaggio di Khanik è rimasto ucciso nel campo minato di confine.Due ragazzi dello stesso villaggio, di età di 12 e 13anni, sono rimasti feriti, con gravi ferite al volto, Il 24 settembre, due maschi tra i 15 e i 20 anni sono rimasti uccisi nel campo minato di frontiera – entrambi decapitati nell’esplosione;Il 24 settembre, un maschio di età compresa tra 15 e 20 dalla città di Shiran è rimasto gravemente ferito in un’esplosione in un campo minato nel corridoio di confine; e Il 24 settembre, una bambina di 5 anni, dal villaggio di Meedan e suo fratello di 6 anni,sono rimasti feriti nel campo minato di confine.

Gli operatori umanitari hanno detto a Human Rights Watch che altre nove persone sono rimaste ferite in queste sei esplosioni, ma non hanno fornito eventuali dettagli sulle vittime, e Human Rights Watch non ha potuto confermare in modo indipendente le lesioni aggiuntive.

Storia delle mine della Turchia,utilizzo delle mine della Siria

La Turchia ha aderito al Trattato di Ottawa nel settembre 2003, diventando uno Stato contraente il 1 ° marzo 2004.Un’ex produttore di mine,la Turchia non è conosciuta per avere esportato mine antiuomo,ma ha importato armi dalla Germania e dagli Stati Uniti . Nel giugno 2011,la Turchia ha completato la distruzione delle sue 2,9 milioni di mine antipersona stoccate,molto tempo dopo la scadenza del 1° marzo 2008 del mandato del trattato.

E ‘stata criticata per mantenere un elevato numero di mine antipersona – oltre 15.000 – con lo scopo della formazione nell’ individuazione delle mine,della liquidazione, e delle tecniche di distruzione. In base al Trattato di Ottawa, la Turchia è tenuta a distruggere al più presto possibile tutte le mine antiuomo nelle zone minate sotto il proprio controllo o giurisdizione.

Nel mese di dicembre 2013 gli stati del trattato hanno concesso una proroga della scadenza alla Turchia per lo sminamento fino al marzo 2014.Secondo Landmine Monitor, un’iniziativa della società civile che documenta le conseguenze umanitarie e sullo sviluppo dell’uso delle mine e l’attuazione del trattato che vieta le mine antiuomo, una legge turca del 2009 ha approvato lo sminamento dei campi minati lungo il confine del paese con la Siria di 911 Km e ha dato al Ministero della difesa della Turchia il ruolo guida e la responsabilità del processo di sminamento.

Nel Luglio 2013 il Ministero ha cancellato le gare per lo sminamento lungo il confine a causa degli sviluppi in Siria.Esso non ha fornito alcuna informazione sui suoi piani per il confine meridionale con la Siria. Human Rights Watch ha partecipato al Landmine Monitor sin dal suo inizio nel 1999.Human Rights Watch ha già documentato l’uso da parte del governo siriano di mine sul suo confine e in altri zone. Ci sono state numerose notizie di stampa sul nuovo governo siriano che ha posato mine sul confine del paese con il Libano e la Turchia alla fine del 2011 e l’inizio del 2012.

Un funzionario del governo siriano ha dichiarato alla Associated Press nel novembre 2011 che “la Siria ha intrapreso numerose misure per il controllo delle frontiere, tra cui il deporre mine. “Nel mese del marzo 2012, Human Rights Watch ha riferito l’uso di mine antiuomo PMN-2 di origine sovietica/russa e di mine anticarro TMN-46 da parte delle forze siriane nelle zone di confine vicino la Turchia.

La Siria non ha aderito al Trattato di Ottawa. Il Trattato di Ottawa vieta completamente l’uso di mine antiuomo e richiede la liquidazione di tutte le zone minate nel territorio sotto controllo o giurisdizione entro 10 anni. Un totale di 162 paesi hanno aderito al Trattato di Ottawa, tra cui Iraq e Giordania, ma non Israele o il Libano. (nt)

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...