Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Chiesto l’ergastolo per due persone a causa del loro sostegno a Kobanê

Un’ ergastolo aggravato è stato chiesto per due persone che sono state arrestate con l’accusa di essersi unite alle manifestazioni del mese scorso in solidarietà con Kobanê nel quartiere
Zeytinburnu di Istanbul.

Particolari stanno emergendo dall’atto d’accusa che è stato preparato contro decine di persone che sono state arrestate ad Istanbul, a seguito di un’ampia operazione sulla scia delle manifestazioni di protesta in solidarietà con la resistenza di Kobanê il 6-7 Ottobre.

L’atto d’accusa redatto dal procuratore capo ha chiesto l’ergastolo aggravato e più di 255 anni di carcere per Nihat Tunç e Yusuf Özdemir con l’accusa di “distruggere l’integrità dello stato”.

Descrivendo il PYD come un’ala del PKK e della KCK ,l’atto d’accusa ha sostenuto che il PKK aveva subito pesanti perdite dopo che ISIS aveva iniziato ad attaccare Kobanê,e che “istruzioni impartite da Cemil Bayik sono state eseguite dalla YDG-H, l’organizzazione giovanile del PKK e della KCK,i cui membri hanno messo in scena manifestazioni illegali con molotov e fuochi d’artificio ad Istanbul il 4 Ottobre,eseguendo attacchi contro diversi posti di lavoro, istituzioni pubbliche, e anche usando armi contro le unità di polizia, lasciando un ufficiale ferito “.

Affermando che 62 persone lese da queste manifestazioni di protesta avevano presentato una denuncia in quanto i loro beni sono stati danneggiati e una banca è stata danneggiata,l’atto d’accusa ha chiesto l’ergastolo aggravato per Tunç e Özdemir con l’accusa di “distruggere l’integrità dello stato”,e più di 255 anni di carcere di condanna per “aver messo in pericolo deliberatamente la sicurezza generale”,per”appartenenza a un’organizzazione terroristica armata”,per i” beni danneggiati “di ciascuno dei 62 denuncianti,per il “rifiuto di disperdersi,nonostante un avvertimento” e per la “diffusione di propaganda per una organizzazione terroristica”.

ANF – 27.11.2014 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....