Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Un rapporto dalla città assediata di Kobanê

Da quasi due mesi i miliziani dello Stato Islamico (IS) assediano la città curda di Kobanê nel Rojava. Ersin Çaksu è uno dei pochi giornalisti che quotidianamente riferiscono dalla città assediata.

Sono arrivato a Kobanê il 19 settembre, quattro giorni dopo l’inizio degli attacchi di IS. La maggior parte di civili che ho visto sono scomparsi. Alcuni di loro sono fuggiti in Turchia, altri purtroppo sono rimasti uccisi nei combattimenti.

A Kobanê e nei 360 villaggi circostanti vivono circa 400.000 persone. Ora sono rimaste solo 4.000 persone nelle zone sicure del centro cittadino. Altri 5.000 civili vivono a Til Sheir, un villaggio a est di Kobanê. La zona è fittamente minata e si trova tra il filo spinato lungo il confine con la Turchia e una via ferroviaria.

Quando IS ha iniziato con gli attacchi, molte persone sono fuggite in questa zona con i loro averi. Ci sono intere famiglie, ma i loro occhi sono rivolti a Pîrsûs (Suruç), la città di confine sul lato turco.

L’unica modalità di collegamento tra Kobanê e Pîrsûs è possibile con il cellulare. Le persone su entrambi i lati si preoccupano le une per le altre. Mentre i civili a Kobanê sono parte della lotta contro IS, i loro parenti a Pîrsûs come profughi lottano per la sopravvivenza.

L’est di Kobanê per via degli attacchi con i mortai e degli attacchi suicidi di IS con veicoli carichi di esplosivo e degli attacchi aerei della coalizione anti-IS sembra una montagna di detriti. Prima della guerra l’est faceva parte delle aree benestanti della città.

Anche se parte sud della città non è danneggiata quanto la parte est, ovunque è visibile la distruzione. In queste aree della città ci sono stati intensi combattimenti strada per strada e nessuna delle porte di queste case è stata aperta. Tutte le cose sono collegate tra loro tramite enormi buchi nelle pareti. È possibile passare da casa a casa attraverso questi buchi e di arrivare in un’altra parte della città, quattro o cinque strade più in la.

In ogni strada ci sono veicoli distrutti. Dall’inizio dei combattimenti le strade in città non sono state pulite e la città è stata assaltata dalle mosche. Ma ora il tempo qui è diventato più fresco e la puzza nelle strade non è più così intensa. La fame e la carenza di acqua hanno significativamente peggiorato la situazione per i cani randagi e altri animali che vivono in strada. La maggior parte dei civili sono o persone anziane o donne con bambini piccoli. Anche se non gli è permesso andare al fronte e combattere contro IS, alcuni infrangono il divieto.

Xale Osman, 67, si è armato e combatte al fianco dei suoi due figli. „Mentre qui muoiono i giovani, credi davvero che io abbia paura della morte?“, mi chiede.

Di notte i civili lasciano le loro case solo in casi di emergenza. Se qualcuno si ammala vengono avvisate le milizie locali e un veicolo delle unità di difesa (YPG/YPJ) viene e porta le persone dove ci si prende cura di loro.

Se c’è minaccia di un attacco o di altri pericoli da parte di IS, le YPG/YPJ proclamano rapidamente un’emergenza e portano le persone in altre case fino a quando è passato il pericolo.

A Kobanê c’è un’enorme solidarietà. Spostarsi per la città diventa più facile di giorno in giorno perché il primo veicolo che si incontra per strada si ferma e offre un passaggio.

Forse proprio questa solidarietà spiega perché Kobanê ha resistito così a lungo. Ci sono solo poche persone che ancora vivono nelle proprie case. Se necessario, le porte delle case sono aperte per persone bisognose in ogni momento. Quelli che ancora vivono nelle proprie case si dividono con le persone bisognose formaggio, cetrioli sottaceto, martellata e frutta secca che avevano messo da parte per l’inverno.

Anche se la gente ha poco per sopravvivere lo dividono tra loro. Quando ad esempio serve una macchina, le YPG/YPJ aprono un garage e annotano il nome del proprietario del veicolo e la targa e la macchina può essere usata.

Non ci sono attività commerciali in città. L’unico negozio che è ancora aperto è il forno. Il pane che viene cotto li viene distribuito gratuitamente alla gente. Altri generi alimentari, soprattutto i cibi in scatola provenienti dalle riserve e dagli aiuti umanitari vengono distribuiti in determinati giorni in modo uniforme. L’acqua viene distribuita in grandi bottiglie. L’amministrazione locale ogni tre giorni distribuisce anche farina. Cinque famiglie si dividono un sacco da 50 kg di farina.

Ci sono civili che vanno volontariamente al fronte per svolgere lavori di utilità comune. Aggiustano veicoli, armi e generatori in una città che da 18 mesi è senza corrente elettrica.

In molti casi aiutano i medici a trasportare i feriti, portano armi e munizioni al fronte, cucinano per i combattenti o gli cuciono vestiti.

Mentre qui piano piano arriva l’inverno le malattie e l’igiene sono diventate un problema vero.

In tutta la città ci sono solo cinque medici e per via dalla carenza di equipaggiamento sanitario e di medicine, i medici nella maggior parte dei casi possono curare le ferite solo con mezzi di fortuna. I tre ospedali nella città di Kobanê sono stati distrutti dai bombardamenti e i medici curano i feriti in un piccolo edificio.

Molti che si ammalano si rifiutano di andare dal medico. Un’anziana donna in proposito spiega che l’equipaggiamento sanitario è già scarso. „La medicina non va sprecata per noi. I nostri figli combattono e vengono feriti. Le cure sanitarie, le medicine, vanno usati per loro.“

Intanto che il cimitero di Kobanê è diventato un campo di battaglia, i morti vengono sepolti in altre parti della città. Xatun, una donna, dopo il funerale di una parente – una giovane combattente – mi dice che non hanno tempo per osservare davvero il lutto. „Non piangeremo ora. Quando Kobanê sarà liberata piangerò due volte. Una volta le lacrime scorreranno per la tristezza per i giovani che abbiamo sepolto. E poi lacrime di gioia perché hanno sacrificato la propria vita e in questo hanno liberato Kobanê.“

Ersin Çaksu, giornalista, Özgür Gündem, 07.11.2014

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

Secondo quanto riportato, Pakhshan Azizi attivista socio-politica curda arrestata dalle forze di sicurezza iraniane a Teheran il 4 agosto 2023, è stata privata del...

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...