Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Chomsky: Un massacro di grandi conseguenze potrebbe interessare Kobanî

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe contribuire a stabilire un cessate il fuoco per impedire un massacro dei combattenti curdi che difendono Kobanî dai militanti dello Stato islamico dell’Iraq e Sham (ISIS), ha detto il pensatore politico e accademico di fama mondiale, Noam Chomsky.

“Per quanto riguarda Kobanê, è una situazione sconvolgente. Il quotidiano di questa mattina descriveva le operazioni militari turche non contro ISIS, contro i curdi in Turchia, un paio di chilometri oltre il confine dove sono in pericolo di essere massacrati. Penso che qualcosa dovrebbe essere fatta alle Nazioni Unite in termini di una risoluzione forte per chiedere il cessate il fuoco”, ha detto Chomsky ai giornalisti presso la sede delle Nazioni Unite.

‘Kobanî potrebbe essere un grande massacro con enormi conseguenze.’

“E’ difficile imporre l’uso della forza, ma nella misura in cui si può fare per proteggere Kobanê dalla distruzione per mano dell’ISIS, che potrebbe essere un grande massacro con enormi conseguenze”, ha detto Chomsky, aggiungendo che “l’importanza strategica della città nella regione curda è abbastanza evidente, e il ruolo turco è fondamentale in questo.”

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...

Diritti umani

Lo sciopero della fame iniziato dai detenuti nelle carceri che chiedono “la libertà per Abdullah Öcalan e una soluzione politica al problema curdo” prosegue...