Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

I soldati aprono il fuoco sulla popolazione:un morto e 13 feriti

Un bambino di otto anni è stato ucciso e tredici persone sono rimaste ferite quando i soldati turchi hanno aperto il fuoco su migliaia di persone che si erano radunate in serata sui due versanti del confine di Qamishlo-Nusaybin.

Migliaia di persone si sono radunate nella città di Qamishlo e hanno marciato verso il confine di Nusaybin per protestare contro gli attacchi in corso,con il sostegno dello stato turco, delle bande di ISIS su Kobanê .Il corteo al confine è stato anche affiancato da dirigenti dell’Amministrazione democratica autonoma del cantone di Cizre.

In serata migliaia di persone hanno marciato verso il confine anche da Nusaybin.

I soldati turchi hanno attaccato le popolazioni con gas lacrimogeni e la folla ha risposto all’aggressione con le pietre.

Beşîr Remezan Arîf (Beşîr Mirîşko) di otto anni è stato ucciso e 13 persone sono rimaste ferite durante l’attacco.

ANF – QAMISHLO 09.10.2014

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...