Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Iniziativa del popolo del Kurdistan: Non rispettate il coprifuoco

L’Iniziativa del Popolo del Kurdistan ha rilasciato una dichiarazione chiedendo al popolo curdo e ai loro amici di non rispettare il coprifuoco proclamato dalla Turchia nel Kurdistan settentrionale e di continuare le loro azioni di solidarietà con il Rojava e le proteste contro gli attacchi a Kobanê.

L’Iniziativa ha detto che il popolo curdo sta esercitando il loro legittimo diritto a protestare contro gli attacchi a Kobane da parte delle bande di ISIS sostenute dallo stato turco, osservando che in questo contesto il popolo curdo dai 7 ai 70 anni si è sollevato per protestare in tutto il Kurdistan, in Turchia e in Europa.

“Ovunque si trovi il nostro popolo, eserciterà il suo legittimo diritto all’autodifesa contro gli attacchi. Va capito che verrà data una risposta agli attacchi al nostro popolo che si è sollevato, da ovunque e da chiunque provengano”, ha sottolineato.

L’iniziativa ha anche evidenziato che il governo dell’AKP ha dichiarato uno stato di emergenza e la legge marziale nelle province del Kurdistan per paura della sollevazione e per impedirla attraverso divieti e che vuole che la popolazione resti a casa e stia a guardare gli attacchi a Kobane e un possibile massacro.

Prosegue; “Come component di un movimento che ha demolito il sanguinoso regime fascista del 12 settembre, noi dichiariamo che non riconosceremo alcuna legge di emergenza o decreti della legislazione marziale. Queste decisioni non sono nulle e sono prive di valore o effetto su di noi. Le strade, gli spazi pubblici e i campus universitari sono nostri. Le camere di tortura, le stazioni di polizia e gli uffici governativi sono loro. È questo regime dittatoriale e i suoi componenti che dovrebbero sedersi e non uscire.”

“Quindi il nostro popolo di fatto non riconosce questa decisione e continua le sue manifestazioni di solidarietà contro le bande di ISIS “, ha affermato l’Iniziativa ed ha chiesto a tutto il popolo curdo di ignorare questo decreto e di renderlo privo di significato e nullo continuando con le azioni.

ANF – AMED 08.10.2014 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Rassegna Stampa

Majidi, reporter e sceneggiatrice, subirà il processo immediato. In carcere dallo sbarco, fa lo sciopero della fame. Ieri ha scritto a Mattarella «Il mio...