Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Appelli

Salih Muslim (PYD): le potenze internazionali intervengano subito per scongiurare un genocidio nel cantone di Kobanê in Siria

Il co-presidente del PYD Salih Muslim ha lanciato un appello urgente alla NATO, all’Unione europea e a tutte le potenze internazionali per intervenire rapidamente e concretamente al fine di scongiurare un genocidio nel cantone a maggioranza curda di Kobanê in Rojava (Siria).

Al momento Kobanê è sotto attacco da tre fronti da parte di carri armati e artiglieria pesante da parte di ISIS, con il supporto della Turchia che oltre a fornire armi e supporto logistico a ISIS, avrebbe anche cominciato a effettuare bombardamenti aerei contro le postazioni delle forze di difesa curde delle YPG. “Sembra che tutte le forze internazionali abbiano deciso la caduta di Kobanê”, ha detto Salih Muslim.

Chiediamo al Governo italiano, al Parlamento, e a tutte le forze politiche e della società civile di agire subito per evitare un bagno di sangue e proteggere la popolazione.

Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia

UIKI-Onlus

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Iran

Le violazioni dei diritti umani contro civili e attivisti curdi nella regione curda dell’Iran sono continuate nel febbraio 2024. Nei suoi rapporti mensili, la...

Diritti umani

MÊRDÎN/İZMİR – 1 persona è stata arrestata durante le perquisiszioni domestiche a Nisêbîn (Nusaybin). A Izmir è stato arrestato Koray Kesik, direttore artistico del documentario...

Diritti umani

Lo sciopero della fame iniziato dai detenuti nelle carceri che chiedono “la libertà per Abdullah Öcalan e una soluzione politica al problema curdo” prosegue...