Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Giornalista condannata in Turchia RSF denuncia gli attacchi

Le condanne, gli arresti e gli attacchi della polizia contro i giornalisti continuano in Turchia.Reporters sans frontières chiede al governo turco di fermare la persecuzione contro i professionisti dei media e ed i blogger.

La giornalista curda Hamdiye Ciftci e’ stata condannata l’8 luglio da un tribunale di Van, nel Kurdistan turco, ad un anno di carcere ai sensi della legislazione antiterrorismo.E’ stata accusata di aver rivelato l’identita della polizia antiterrorismo dopo le violenze commesse davanti alle telecamere contro un ragazzo curdo di 14 anni nel marzo 2008.(Cüneyt Ertuş )

Denunciando la sua condanna come “ingiusta”, la giornalista curda si e’ appellata alla 6 ° Corte d’Assise di Van. Già arrestata nel 2010 ,mentre lavorava per l’agenzia di stampa curda DIHA, è stata rilasciata nel mese di aprile 2012.

67 giornalisti in carcere

Secondo la Piattaforma di sostegno dei giornalisti detenuti ,il 4 Luglio erano dietro le sbarre 67 giornalisti e sei redattori comproprietari.Reporters sans frontières ha protestato contro le nuove violenze della polizia contro i giornalisti che hanno avuto luogo il 6 luglio 2013 a Piazza Taksim e nelle strade del quartiere Beyoglu di Istanbul. Professionisti dei media erano venuti per seguire la reinaugurazione del Parco Gezi in seguito alla cancellazione del progetto di costruzione nel parco. L’organizzazione ha denunciato che almeno 12 giornalisti sono stati attaccati e almeno due sono ancora detenuti.

Condanniamo gli abusi continui da parte della polizia, che continua a reprimere con lacrimogeni, getti d’acqua e proiettili di gomma, a colpire i giornalisti ed ad insultarli e a volte costringendoli a cancellare le loro immagini. Le autorità continuano ad accusare i giornalisti di fomentare le rivolte. E ‘urgente che il governo fermi la persecuzione contro i professionisti dei media ed i blogger, e punisca i responsabili di questi abusi “, lo ha dichiarato Reporters sans frontières.

“Diversi giornalisti che criticano la politica del governo di recente sono stati licenziati. Pubblicazioni sono state vietate e ai media impedito di lavorare. Molti giornalisti stranieri sono stati arrestati e hanno ordinato loro di lasciare il paese. Noi condanniamo la censura, ma anche le pratiche di autocensura, dilaganti ormai in Turchia “,aggiunge l’organizzazione.

RSF ha ricordato che una delegazione dell’Unione dei Giornalisti e l’Associazione dei giornalisti turchi ha visitato il 26 giugno il Prefetto di Istanbul Hüseyin Avni Mutlu per esprimere le loro preoccupazioni circa la brutalità della polizia contro funzionari e dipendenti di media. Secondo le organizzazioni in tre settimane di proteste 54 di loro sono stati attaccati dalla polizia  e 34 arrestati in tutto il paese.

Traduzione a cura della redazione di ReteKurdistan Italia

http://www.actukurde.fr/actualites/502/une-journaliste-condamnee-en-turquie-rsf-denonce-les-agressions.html

 
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...