Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 gennaio 2020

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Interviste

Şervano: La canzone della resistenza

Intervista all’artista Şêro Hindê. Dopo l’inizio dell’invasione dello Stato turco in Siria del Nord e dell’Est la resistenza del popolo curdo continua senza sosta. Curde e curdi in tutto il mondo Leggi tutto

Vivere come Sara

La comandante HPG Amara Gulistan ricorda Sakine Cansız: „Le sue ultime parole non sono ancora dette.Quando parlava con te ti toccava e con questo tocco ti guariva. Ti capiva e te lo faceva sentire.“ Leggi tutto

Mercenari pagati da Erdoğan davanti alle porte dell’Europa

Loqman Ehmê come portavoce dell’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est si è pronunciato sul trasferimenti di truppe del regime di Erdoğan dalla Siria in Libia. Leggi tutto

Şebnem Korur Fincancı: La resistenza è un diritto

La Presidente della fondazione per i diritti umani TIHV Şebnem Korur Fincancı chiede di rafforzare la resistenza in Turchia e la solidarietà contro la guerra e la politica di intimidazione siano rafforzate. Leggi tutto

Bahoz Erdal: O i curdi si liberano o perdono – Parte 2

Nel contesto della politica espansionista turca l’unità nazionale è la necessità più importante per il futuro del popolo curdo, dice Bahoz Erdal (HPG). „Ci attente un futuro comune. O ci liberiamo o Leggi tutto

Iran: “La polizia non si aspettava che la situazione diventasse così seria”

Athena, 30 anni, è una Social Media Manager e attivista per i diritti umani e i diritti delle donne proveniente dall’Iran che vive in Turchia. Leggi tutto

Cemil Bayik: Impegnarsi solo per il Rojava non è una soluzione

In tutto il mondo persone solidarizzano con il Rojava, ma questo non basta. Anche per il Kurdistan del nord deve essere fatto qualcosa, perché è qui che ha il suo punto di partenza la crociata di Leggi tutto

«Bisognerebbe mettere Erdogan sotto accusa per crimini di guerra»

Carla Del Ponte ha indagato su crimini di guerra in Jugoslavia, Ruanda e Siria. Ora spiega perché i reati diventano sempre più gravi, perché è stata una cattiva madre e perché nonostante tutto ha ancora speranza. Leggi tutto

Accetto
Navigando in questo sito accetti l'uso di Cookies e altri sistemi funzionali al funzionamento del sito web.Puoi negare il consenso tramite le impostazioni del tuo browser -Maggiori info