Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Bayik: La questione curda e quella palestinese sono le questioni più importanti e le dinamiche democratiche in Medio Oriente

L’esercito israeliano ha dichiarato ufficialmente guerra per la prima volta dopo 50 anni. Gaza, una città di due milioni di abitanti, viene bombardata pesantemente dall’aria. C’è un esodo massiccio mentre l’esercito israeliano è entrato nel centro di Gaza. È in atto un piano israeliano di genocidio per Gaza. Secondo quanto riferito, molte opzioni sono sul tavolo di Israele, tra cui il de-popolamento di Gaza e l’espulsione dei palestinesi nel deserto del Sinai o in altri Paesi. Come valuta l’andamento della guerra?

La guerra contro i palestinesi non è un fatto recente. Ci sono state politiche di guerra e genocidio per decenni. Quello che si sta facendo ora ne è una parte e una continuazione. La dichiarazione di guerra può essere fatta per realizzare il piano che è stato preparato, per dare legittimità a ciò che verrà fatto e per ottenere sostegno all’interno e all’esterno del Paese. Al di là di questo, non ha senso dichiarare la guerra. Essa può avere un significato solo per le potenze egemoniche come gli Stati Uniti, la NATO, ecc. e per gli Stati della regione che cercano un potere regionale. Perché queste potenze hanno i loro problemi e interessi nella regione. Anche lo Stato di Israele fa parte di queste potenze. Pertanto, ciò che è stato fatto e ciò che si intende fare non è indipendente da questa situazione. La dichiarazione di guerra può essere valutata solo all’interno di questo quadro. Altrimenti, non ha alcun significato per la Palestina e i palestinesi.

Il popolo palestinese resiste da decenni all’occupazione e al genocidio, lottando per la libertà e la liberazione. Come i curdi, la lotta del popolo palestinese dura da un secolo. In Palestina c’è stata una guerra per un secolo e questa guerra non è mai finita. Ora, naturalmente, sono emersi nuovi sviluppi e questa rappresenta una nuova situazione. A nostro avviso, la conclusione più generale è che la mancanza di una soluzione non può più essere sostenuta. La soluzione del problema si impone in ogni aspetto. Questo non può essere ignorato. Questa realtà non può essere eliminata dichiarando guerra e aggravando i massacri e i genocidi in corso. Ora le potenze globali e regionali, in particolare lo Stato di Israele, non si avvicinano a questa realtà. In quanto tale, non c’è soluzione al problema. Le forze della modernità capitalista aggravano i problemi e rendono più difficile la loro soluzione. Le politiche delle forze della modernità capitalista sono alla radice dei problemi del Medio Oriente, in particolare delle questioni curda e palestinese.

L’obiettivo tradizionale dello Stato di Israele sono chiari. È quello di cancellare i palestinesi dai loro territori storici. Gli attuali attacchi a Gaza sono il quadro di questo obiettivo. Finora, lo Stato israeliano non si è discostato da questa politica, poiché la mentalità corrente non lo permette. Sia la mentalità statale tradizionale che i giochi e gli interventi delle potenze globali e regionali impediscono lo sviluppo di un nuovo approccio e la soluzione della questione. Ciò che sta accadendo a Gaza è il risultato di questa mentalità e di questi interventi. Se non fosse stato per questi, ci sarebbero stati progressi nella soluzione del problema. I risultati di oggi non sarebbero emersi. Il popolo palestinese non è mai stato antisemita. Ha lottato contro lo Stato e la mentalità che hanno creato e perpetuato l’occupazione e il genocidio e ha visto la salvezza nel superamento di questa mentalità. È possibile affermare che tra il popolo israeliano sta gradualmente emergendo un approccio democratico che riconosce la realtà. Anzi, si può dire che sta diventando molto forte. Per mesi ci sono state proteste contro l’amministrazione Netanyahu e le sue politiche. Queste azioni del popolo israeliano che danno priorità alla soluzione della questione palestinese sono estremamente importanti. È noto che questo atteggiamento del popolo non è cambiato.

Lo Stato israeliano e l’amministrazione Netanyahu stanno cercando di usare le azioni di Hamas, che prendono di mira i civili e provocano reazioni, per cambiare questo atteggiamento della popolazione. Ma nonostante ciò e in mezzo a tutta questa guerra e a questa propaganda bellica, è molto importante che la popolazione non cambi atteggiamento e mantenga la sua posizione a favore di una soluzione democratica.

La giusta causa del popolo palestinese è sostenuta da tutti i popoli oppressi, dai socialisti, dai movimenti democratici e libertari. Tutte queste dimensioni rafforzano la lotta democratica del popolo palestinese e la soluzione democratica del problema esistente. Ma l’approccio degli Stati e delle forze sotto la loro influenza ha l’effetto opposto. Approfondiscono il problema e ne rendono più difficile la soluzione. Si avvicinano e intervengono nel problema non con un approccio democratico, ma sulla base di interessi politici, economici e di altro tipo. Questo è l’approccio degli Stati Uniti e degli Stati europei, nonché degli Stati regionali, in particolare Turchia e Iran. Soprattutto l’approccio della Turchia è estremamente pragmatico. Il suo approccio si basa sul mantenimento delle sue politiche di genocidio dei curdi. Anche l’approccio degli Stati arabi non è stato finora risolutivo. Questo perché le attuali amministrazioni perseguono politiche in funzione degli interessi di Stato. In Medio Oriente, lo Stato si è allontanato troppo dalla società. Gli interessi dello Stato sono completamente basati sull’antisocietà. Leader Apo ha analizzato a fondo questa situazione in Medio Oriente. Inoltre, sia gli Stati arabi che gli altri Stati regionali non hanno una mentalità democratica. In questa situazione, non è possibile per loro affrontare il problema palestinese nel modo giusto, mostrare un reale interesse per esso e mettere in campo la volontà di realizzare una soluzione al problema. Questo vale non solo per gli Stati arabi, ma per tutte le potenze e gli Stati. Non è possibile che chi non ha una mentalità democratica sia il potere della soluzione.

Il quadro che sta emergendo oggi è molto doloroso. A Gaza si sta consumando un massacro molto straziante e brutale. Lo critichiamo e condanniamo con forza. Affermiamo chiaramente che i popoli chiederanno conto a questi Stati e a queste mentalità genocide. Critichiamo e condanniamo con forza anche le forze che stanno a guardare e sostengono queste politiche genocide dello Stato israeliano. Esprimiamo lo stesso approccio nei confronti delle potenze che assumono posizioni false e fingono di essere dalla parte del popolo palestinese. L’approccio di tutte queste potenze globali e regionali è essenzialmente lo stesso. Non sono amiche né del popolo israeliano né di quello palestinese. Ognuna di loro affronta la questione per mantenere le proprie politiche. Questi approcci sono inaccettabili. Tutti dovrebbero adottare il giusto approccio, nessuno dovrebbe opporsi alla lotta dei popoli, in particolare alle giuste cause del popolo palestinese e curdo. Lo Stato e il governo israeliano devono cambiare immediatamente il loro attuale approccio e fermare i loro attacchi. Devono abbandonare le loro politiche di guerra, genocidio e massacro.

I possibili scenari che avete menzionato sono orribili e inaccettabili. Nessun popolo o comunità può essere sfollato. Questo è letteralmente un genocidio. Non c’è alcuna giustificazione per questo, non può esserci. Questo è ciò che è sempre stato imposto al popolo palestinese. Il popolo palestinese è stato sfollato e le sue terre sono state occupate e annesse. Milioni di palestinesi vivono oggi in esilio. Ora la stessa cosa viene imposta al popolo di Gaza e al popolo curdo. Questo è ciò che lo Stato turco sta cercando di fare in Rojava. È una situazione che non potrà mai essere accettata. Ciò che sosteniamo per il popolo curdo, lo sosteniamo anche per il popolo palestinese. Qualunque cosa accada, i popoli non dovrebbero essere costretti a lasciare la propria patria.

Le organizzazioni palestinesi hanno atteggiamenti diversi nei confronti della guerra in corso. Fino ad oggi, c’è stata una contraddizione tra Fatah e Hamas e un doppio governo. In che modo questa situazione, le contraddizioni delle organizzazioni palestinesi influenzano la lotta del popolo palestinese? Un’altra questione importante è la cosiddetta guerra “controllata” tra Hezbollah libanese e Israele. Il leader di Hezbollah, Nasrallah, ha detto che Hamas ha preso la decisione di attaccare il 7 ottobre, ma dopo gli attacchi israeliani a Gaza ha aperto un nuovo fronte. Cosa significa il coinvolgimento di Hezbollah? Come influenzerà il corso della guerra? C’è il rischio che la guerra tra Israele e Hamas si trasformi in una guerra regionale?

In Medio Oriente c’è sempre stata una guerra regionale. La regione è in guerra da oltre un secolo. Questo perché i problemi sono numerosi e interconnessi. Non c’è problema che non abbia conseguenze regionali. Tutto è molto intrecciato e si influenza a vicenda. Dall’inizio alla metà del XX secolo, il mondo ha vissuto due grandi guerre: la Prima e la Seconda guerra mondiale. Dopo queste esperienze, le guerre in Europa sono diminuite, ma non è stato così in tutto il mondo. Soprattutto in Medio Oriente, le guerre non sono mai finite. Le guerre tra gli Stati e contro i popoli sono sempre continuate. In Kurdistan e in Palestina c’è stata una guerra di genocidio imposta dallo Stato per oltre un secolo. A fronte di ciò, c’è la resistenza e la lotta sviluppata dalla popolazione. Pertanto, a nostro avviso, sarebbe più corretto parlare e valutare come il Medio Oriente ne uscirà, non come sarà trascinato in una guerra regionale. D’altra parte, finché ci saranno i problemi esistenti, finché i problemi saranno affrontati con la mentalità esistente e finché i problemi non saranno risolti, la guerra e il conflitto non finiranno e il Medio Oriente non sarà in grado di evitare una guerra regionale che coinvolgerà il resto del mondo.

Naturalmente, l’incapacità delle organizzazioni palestinesi di raggiungere una forte unità tra loro influisce negativamente sulla lotta del popolo palestinese. Ma è importante conoscere e capire il perché di questa situazione e come si è arrivati a questa situazione. Il problema non sono solo le contraddizioni tra Hamas e Fatah. Il movimento palestinese in generale è indebolito e frammentato. Fatah e le altre fazioni sono frammentate al loro interno e in una posizione di debolezza. Questa situazione non è solo il risultato della repressione statale. Ci sono ragioni ideologiche, politiche e storiche alla base di questa situazione. Solo comprendendo e risolvendo queste cause il movimento palestinese potrà superare la situazione attuale. È importante saperlo per comprendere la situazione del popolo e del movimento palestinese.

Come è noto, dalla fondazione dello Stato di Israele, ci sono state molte guerre tra Israele e gli Stati arabi. Con il sostegno delle forze della modernità capitalista, lo Stato di Israele non è stato sconfitto in queste guerre e ha mantenuto la sua esistenza. In linea con la sua mentalità e ideologia, ha attuato politiche di occupazione e genocidio in Palestina. Nell’approccio degli Stati arabi, l’idea di distruggere lo Stato di Israele era in primo piano. La liberazione della Palestina era vista nella distruzione di Israele. Quando ciò è fallito, hanno perso interesse per la causa palestinese. In realtà, questo approccio e le politiche degli Stati arabi hanno causato il danno maggiore alla causa palestinese. È noto il modo in cui alcuni Stati arabi trattano i rifugiati palestinesi. Ora, gli Stati arabi non hanno un approccio corretto e coerente. Poiché affrontano il problema con una mentalità statalista, non possono essere una forza risolutiva. Dopo che è diventato chiaro che gli Stati arabi non potevano risolvere il problema palestinese, il movimento palestinese ha acquisito forza e la causa del popolo palestinese ha fatto progressi. Dopo la Guerra dei Sei Giorni, il movimento palestinese si è sviluppato e rafforzato in una politica indipendente. Ha ottenuto un sostegno significativo dai popoli del Medio Oriente e del mondo intero ed è riuscito a mettere all’ordine del giorno il riconoscimento e la soluzione della questione palestinese. Anche gli Stati non potevano rimanere indifferenti alla causa del popolo palestinese, che ha acquisito forza e ha ricevuto un’attenzione e un sostegno significativi da parte dei diritti del mondo.

Ci sono molte ragioni per cui le organizzazioni palestinesi sono oggi così deboli e divise. Bisogna tenere a mente perché sono state così forti in passato e cosa è successo loro. Ciò che essenzialmente ha reso il movimento palestinese così forte e diffuso è stato il suo legame con il paradigma socialista. Il fatto che la Palestina abbia raggiunto sviluppi e progressi negli anni ’60 e ’70 è essenzialmente legato a questo. Naturalmente, non tutti i movimenti dell’epoca seguivano il paradigma socialista, ma anche quelli che abbracciavano un’ideologia diversa erano in un modo o nell’altro influenzati dal socialismo e beneficiavano delle esperienze socialiste in politica e nell’organizzazione sociale. Questi sviluppi si sono verificati anche in altri Paesi del Medio Oriente, compreso il Kurdistan. Non c’è dubbio che l’ascesa dei popoli in tutto il mondo, ma soprattutto in Medio Oriente, rappresentava una grande minaccia per l’esistenza della modernità capitalista. Per limitare la diffusione del socialismo nel mondo, gli Stati Uniti d’America, in particolare, si impegnarono a sostenere le organizzazioni che seguivano le ideologie religiose o le fondavano in luoghi dove prima non esistevano. A seguito di questa politica, in Medio Oriente emersero gruppi che aderivano all’Islam radicale. Attraverso di essi si voleva impedire l’ulteriore sviluppo del socialismo. Dopo che il blocco sovietico è crollato e con esso l’influenza e la tradizione del socialismo, la missione affidata ai gruppi islamici radicali è stata portata a termine.

La politica perseguita dagli Stati Uniti era un concetto della NATO noto come “Cintura Verde”. Ad esempio, la Turchia è stata accettata nella NATO per usarla contro i movimenti sociali e democratici. La Turchia ha creato organizzazioni religiose e le ha trasformate in strutture di contrasto. I quadri che la Turchia guida oggi sono stati originariamente addestrati dagli Stati Uniti e dalla NATO. Ciò significa che gli slogan che queste organizzazioni pronunciano oggi contro gli USA, Israele e la NATO non sono altro che slogan vuoti. Perché quello che vogliono ottenere con la loro pratica è che ci sia una maggiore accettazione degli obiettivi e dei metodi di USA, Israele e NATO e che queste forze ricevano un maggiore sostegno.

Come molti altri gruppi religiosi, Hamas è stato fondato in quel periodo. Fu fondato essenzialmente per dividere e indebolire il movimento palestinese esistente e godeva del sostegno diretto degli Stati Uniti e di Israele. Oltre all’obiettivo di distruggere il movimento palestinese esistente, si trattava anche di seppellire completamente le aspirazioni del popolo palestinese. Con lo sviluppo dell’ideologia religiosa, la lotta del popolo palestinese contro l’oppressione e il genocidio è stata messa da parte. La lotta per la libertà è stata trasformata in una lotta per la religione. Questo era prevedibile, dal momento che lo stesso Stato israeliano è soggetto a una mentalità religiosa. Hamas è stata creata come organizzazione basata sull’ideologia religiosa per distrarre il popolo palestinese da una giusta lotta per i propri diritti. Quello a cui assistiamo oggi è una guerra di religioni, un armageddon e altri sviluppi del genere. Questo è il risultato di grandi bugie, di errori e di ciò che significa smarrirsi. Mentre il primo ministro israeliano Netanyahu si presenta davanti alle telecamere e dichiara che gli eventi di oggi sono scritti nella Torah, il presidente iraniano si presenta alle Nazioni Unite e dichiara che il Mahdi è tornato sulla terra. Questo dimostra quanto ci siamo allontanati dal sentiero.

Sotto questi discorsi e approcci si nasconde un conflitto di interessi tra Stati. Purtroppo, va detto che dopo che Hamas ha schiacciato l’avanguardia palestinese e ha fatto deragliare la lotta del popolo palestinese, quest’ultimo ha perso la propria voce. Gli sviluppi odierni non sono sviluppi del movimento palestinese, ma sono per lo più dinamiche provenienti dall’esterno.

Un altro aspetto che sta indebolendo il movimento palestinese è la convinzione che il successo possa essere raggiunto solo attraverso la diplomazia. Invece di affidare il movimento e la sua leadership a una lotta unitaria, insieme alla lotta comune del popolo palestinese e israeliano per la democrazia, tutto si basa sulla diplomazia di Stato. Questo rappresenta un errore storico e questo falso approccio ha già causato gravi perdite. Se ci si fosse concentrati sulla creazione di un’unione democratica dei popoli palestinese e israeliano, la questione palestinese avrebbe potuto essere risolta molto tempo fa e la democratizzazione di Israele sarebbe potuta iniziare molto tempo fa. Tuttavia, queste aspirazioni sono mancate e il movimento palestinese è stato infine passivizzato dai negoziati di Oslo. Questo ha permesso all’oppressione e al genocidio di svilupparsi ulteriormente.

Ciò che è stato fatto al popolo palestinese è stato fatto anche al popolo curdo e al movimento di libertà curdo. Per fermare la lotta dei curdi per la libertà, lo Stato turco sviluppò tariqat, strutture di contra sotto il nome di JITEM e fu introdotto il “sistema di guardia del villaggio”. Una di queste strutture era l’Hüda Par. Queste strutture sono ancora oggi sostenute dallo Stato turco e attraverso di esse si cerca di minare la lotta per la libertà e di espandere lo Stato. Ci sono alcuni discorsi di precedenti ministri degli Interni che dipingono un quadro chiaro su questo tema.

Come il movimento palestinese, anche il movimento per la libertà dei curdi ha tentato di arrendersi sotto l’etichetta dei colloqui e dei dialoghi. Ma questo è stato impedito da Rêber Apo [Abdullah Öcalan] sviluppando una soluzione nel quadro della “nazione democratica” e ponendo la lotta su una nuova base di alleanze democratiche e di lotta democratica comune dei popoli. Questo ha permesso di continuare la lotta per la libertà e la democrazia. Le speranze di libertà in Kurdistan e in Medio Oriente poterono essere difese e alla fine si poterono compiere passi importanti in Turchia e in Siria. In Turchia è stato aperto un fronte importante grazie all’alleanza democratica fondata dal popolo curdo insieme alle forze democratiche turche. La rivoluzione in Rojava è riuscita e le relazioni tra il popolo curdo e quello arabo sono state ristabilite sulla base della nazione democratica. Passi importanti in questa direzione sono stati compiuti di recente anche nel Kurdistan orientale e in Iran.

Per tornare alla domanda, gli sviluppi in Medio Oriente sono interconnessi. Molte forze regionali e internazionali diverse sono coinvolte in questa guerra. La cosiddetta guerra tra Israele e Hamas è diventata da tempo una guerra regionale. Questo è anche il modo in cui dovrebbe essere gestita la situazione di Hezbollah in Libano e la questione del suo coinvolgimento in questa guerra. L’influenza che l’Iran esercita sugli Hezbollah libanesi e su altre forze locali è ben nota. Se Hezbollah e le altre forze continuano a comportarsi così, non si separeranno dall’Iran. Sono noti anche i rapporti dello Stato turco con Hamas e i tentativi del governo AKP-MHP e di Erdoğan di sfruttare Hamas e la questione palestinese a proprio vantaggio. È lo Stato che cerca più di tutti di usare il conflitto a proprio vantaggio. Gli Stati Uniti e le altre forze internazionali della modernità capitalista esercitano la loro influenza attraverso Israele. Tutte queste forze stanno cercando di ribaltare il conflitto israelo-palestinese per poter realizzare i propri interessi. Da questo punto di vista, si può affermare che esiste la probabilità e il pericolo che questa guerra si espanda ulteriormente. In ogni caso, si può affermare che gli attuali sviluppi fanno parte della Terza guerra mondiale. C’è una lotta per il potere e il dominio tra le forze della modernità capitalista. Una lotta per le rotte energetiche, le rotte commerciali, la terra, ecc. Per indebolirsi a vicenda, sono pronte a usare qualsiasi mezzo e a sfruttare qualsiasi problema per i propri interessi.

Si dice che gli Stati Uniti stiano cercando di convincere Israele ad adeguarsi. Cosa stanno cercando di ottenere gli Stati Uniti, quali obiettivi stanno perseguendo le forze egemoniche? Ci sono sforzi per rinnovare il “Greater Middle East Project”?

A questo proposito, vorrei sottolineare in particolare quanto segue. Soprattutto l’approccio degli Stati Uniti, ma anche di tutte le altre forze, non deve servire ad approfondire la guerra. Qualsiasi approccio militare non fa che aumentare il problema e ritardare una possibile soluzione. Le forze che partecipano ai conflitti devono indirizzare tutti i loro sforzi verso la fine della guerra e la soluzione del problema fondamentale. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario dimostrare una volontà politica che corrisponda ai valori democratici. Tutte le forze che si muovono esclusivamente sulla base dei propri interessi a livello globale e regionale e prendono posizione di conseguenza ostacolano una soluzione democratica.

È in atto un genocidio contro il popolo palestinese. Questo è ciò che stiamo vedendo a Gaza in questo momento. Questi sforzi devono essere fermati e anche l’ulteriore occupazione della terra di Palestina deve essere fermata. A quel punto si potrà cercare una soluzione e ci si potrà impegnare in questa direzione. Solo allora si potrà stabilire la sicurezza di Israele, di cui oggi si parla tanto. Naturalmente, vediamo che l’atteggiamento della modernità capitalista, e quindi anche degli Stati Uniti, è diverso. Non agiscono in senso democratico per trovare una soluzione, ma agiscono piuttosto in base ai loro interessi, approfondendo così le fratture e le contraddizioni. Gli Stati Uniti lo fanno in quanto attuale egemone della modernità capitalista. Sono la forza più forte della terza guerra mondiale e per il loro ruolo e le loro caratteristiche non possono essere parte di una soluzione democratica.

Si dice che vogliano fermare Israele, ma sono le politiche degli Stati Uniti, della NATO e degli Stati capitalisti che per molti anni hanno portato Israele al punto di poter perseguire una politica così bellicosa e genocida. Pertanto, anche queste forze devono essere fermate. Solo quando si porranno dei limiti alla modernità capitalista, di cui gli USA sono i pionieri, e si limiterà la politica guidata dagli interessi, si potrà limitare lo Stato israeliano. È una politica che gli Stati Uniti possono e vogliono condurre? Non è quindi necessario analizzarla. Gli Stati Uniti non limitano Israele. La mentalità e la politica degli Stati e di tutte le forze della modernità capitalista contraddicono la soluzione dei problemi esistenti. Per costringere la modernità capitalista ad agire, è necessaria una lotta sociale. Se la società prende una posizione chiara e mostra linee rosse condivise, allora gli Stati Uniti e le forze della modernità capitalista possono essere costretti a prendere provvedimenti. Una soluzione può emergere solo dalla forza della società.

È ovvio che gli Stati Uniti e tutte le altre forze, compresi gli Stati del Medio Oriente, operano in un quadro di terza guerra mondiale. La terza guerra mondiale è una guerra tra le forze egemoniche della modernità capitalista per la leadership a livello regionale e globale. È una guerra di riorganizzazione delle rotte energetiche, commerciali e geopolitiche strategiche. Allo stesso tempo, questa guerra mostra anche la profondità della crisi del sistema della modernità capitalista. Le forze della modernità capitalista stanno cercando di prolungare la loro esistenza attraverso la guerra mondiale. Ecco perché, per quanto questa guerra sia una guerra di governanti, tra Stati, è anche una guerra contro la società e i popoli.

Le vittime di questa guerra sono la società e i popoli. La guerra a Gaza ne è il miglior esempio. Gli Stati Uniti, la Turchia, l’Iran, la NATO e molti altri Paesi stanno sfruttando la lotta palestinese per i propri interessi. Anche lo Stato israeliano e il suo governo stanno facendo lo stesso. Anche lo Stato israeliano fa parte della modernità capitalista, usa la paura, la repressione e la cospirazione contro la popolazione israeliana e cerca di imporre gli interessi del proprio sistema. È ovvio che questi metodi e queste politiche non possono creare una vita libera e una sicurezza per gli ebrei. Come potrebbe il popolo ebraico vivere in libertà e sicurezza mentre la Palestina è occupata e i palestinesi sono sottoposti a genocidio? È possibile creare un Paese ebraico su queste basi? Ovviamente è impossibile. Crediamo che il popolo israeliano veda e riconosca questa realtà. Attribuiamo grande importanza a questo fatto.

Il Medio Oriente è un centro importante. Nessun sistema o governante può assumere un ruolo di primo piano se non prende posizione in Medio Oriente. Questa è una realtà che era vera in passato come lo è oggi. Come alcuni sostengono, il Medio Oriente non sta perdendo la sua importanza. Al contrario, l’importanza del Medio Oriente nel sistema della modernità capitalista, che ha raggiunto lo stadio del consumismo totale, è aumentata ancora di più. Se oggi diciamo che non c’è più nessuna geografia a cui non venga data importanza, non è certo un’affermazione falsa. Il Medio Oriente ha un significato importante nella geopolitica. Qui si trovano fonti energetiche essenziali e importanti rotte commerciali attraversano questa regione. Oltre a forze come gli Stati Uniti e la Russia, sempre più spesso si aggiungono anche la Cina e l’India. L’Iran e la Turchia cercano sempre più di stringere nuove alleanze per acquisire maggiore influenza. L’Arabia Saudita e altri Stati simili perseguono sempre più spesso aspirazioni simili. L’Iran ha creato gruppi legati a se stesso a un livello ampio e sta cercando di assicurarsi la propria influenza. In questo modo, cerca anche di vivere i conflitti con gli Stati Uniti senza dover affrontare i problemi del proprio Paese. È stato creato un sistema in cui la guerra viene combattuta lontano.

La Turchia sta cercando di diventare una forza attraverso il genocidio dei curdi. Per ottenere il sostegno necessario, è pronta a stringere qualsiasi alleanza. Naturalmente, gli Stati Uniti sono una forza con una grande influenza, come in tutto il mondo, anche in Medio Oriente. Vogliono progettare il Medio Oriente fondamentalmente secondo i propri interessi. Agiscono e si muovono con questa mentalità. Ci sono anche i conflitti tra Stati Uniti e Cina, che inizialmente sono stati combattuti nella regione dell’Asia-Pacifico e ora si stanno diffondendo sempre di più in tutto il mondo. Ciò è ora evidente anche in Medio Oriente. Si può notare che le relazioni della Cina con il Medio Oriente sono aumentate di recente. Hanno compiuto passi strategici. La mossa essenziale è stata quella di avvicinare l’Iran e l’Arabia Saudita. Le relazioni tra i due Stati, storicamente in conflitto tra loro, sono notevolmente migliorate. La Cina ha anche annunciato che lavorerà sulla questione palestinese.

In Medio Oriente tutto è interconnesso e tutto si influenza a vicenda. Chiedersi se l’attacco di Hamas del 7 ottobre e il successivo attacco dello Stato israeliano a Gaza porteranno a un’espansione della guerra nella regione dimostra una mancanza di comprensione della politica del Medio Oriente. Al vertice del G20 che si è recentemente svolto in India, sono state prese decisioni riguardanti nuove rotte energetiche e commerciali, per cui la Cina non può attuare i propri piani. Come è noto, non solo la Cina, ma anche l’Iran, la Turchia, la Russia e altre forze sono arrabbiate per questa decisione. Sono tutte forze della modernità capitalista che guardano il mondo e la vita dalla loro prospettiva e fanno tutto per i propri interessi. Così la lotta del popolo palestinese è stata sacrificata alla lotta per gli interessi, il potere e la partnership tra queste potenze. Questa è una situazione chiara. È lo stesso quadro in cui si avvicinano ai curdi. L’importante è che ne siamo consapevoli e che basiamo la nostra lotta per la libertà e la democrazia sulla forza e sull’unità dei popoli.

Egitto, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Iraq, Paesi del Golfo… c’è un traffico diplomatico che coinvolge tutti i Paesi della regione in questo momento. C’è una richiesta importante di cessate il fuoco nei Paesi arabi. Qual è l’approccio degli Stati arabi alla questione palestinese? Come influisce questo approccio sul popolo palestinese e sulla sua lotta?

Lo Stato di Israele ha sempre cercato di realizzare l’obiettivo previsto dall’ideologia sionista. Secondo questa, la geografia designata come terra ebraica deve essere ripulita da qualsiasi altra comunità e deve essere trasformata in un luogo abitato interamente da ebrei. Ciò significa l’occupazione della Palestina e il genocidio del popolo palestinese, da cui hanno origine tutti i problemi. Questa idea è stata la politica ufficiale dello Stato israeliano e del suo governo. Anche se la lotta e la pressione del popolo arabo in generale, e in parte degli Stati arabi, e la lotta organizzata e la resistenza del popolo palestinese in particolare hanno costretto lo Stato israeliano a mettere in agenda alcuni compromessi, questa idea e questa politica non sono cambiate. Questo è l’obiettivo e la politica che Israele sta perseguendo ora. Questa ideologia e questa politica sono sempre state sostenute dalla modernità capitalista, in particolare dagli Stati Uniti. Pertanto, la mentalità e le politiche perseguite dallo Stato di Israele non sono solo il risultato di dinamiche interne. La modernità capitalista ha un ruolo per Israele in Medio Oriente e ci si aspetta che Israele lo svolga. Sappiamo che alcuni non la pensano così e pensano addirittura che Israele stia svolgendo un ruolo per altri. Ma questa non è la realtà.

Lo Stato di Israele è stato condannato a un’ideologia e a una politica chiamata sionismo. Questo può cambiare solo attraverso una seria lotta sociale interna e la conseguente trasformazione. Non sarebbe sbagliato dire che tale coscienza e movimento stanno gradualmente emergendo all’interno della società israeliana. Questo dovrebbe essere visto come uno sviluppo corretto e positivo. Saranno sviluppi di questo tipo a trasformare Israele e a porre fine alla contraddizione e al conflitto arabo-ebraico, compresa la soluzione della questione palestinese. Pertanto, è necessario attribuire importanza a questo aspetto e impegnarsi per il suo sviluppo. Senza questo, Israele, sostenuto dagli Stati Uniti, dalla NATO e da altre forze della modernità capitalista, non sarà in grado di abbandonare la sua politica di occupazione, annessione e genocidio. D’altra parte, questa situazione rende anche il suo avversario simile a se stesso. Coloro che si oppongono a Israele e alle sue politiche hanno bisogno degli Stati Uniti e della NATO per combattere contro questo Israele. Questo li rende dipendenti dagli Stati Uniti e dalla NATO o da forze che hanno alcune contraddizioni con gli Stati Uniti e la NATO, ma che non sono fondamentalmente diverse da questi ultimi, che perseguono il potere economico-politico come loro e che pensano ai loro interessi globali e regionali. Riteniamo che questo sia uno dei maggiori punti di stallo. Purtroppo, questa è la situazione in cui si trovano per lo più le organizzazioni palestinesi. Sono diventate dipendenti dagli Stati Uniti e dalla NATO o dalle potenze che sono in conflitto con loro.

Per quanto riguarda i Paesi arabi, sarebbe più corretto chiamarli Stati arabi, perché l’approccio del popolo e quello degli Stati differiscono l’uno dall’altro. Al momento della creazione dello Stato di Israele, esistevano Stati arabi governati da regni. Si sa come sono stati creati questi Stati. Questi regni erano stati istituiti dalla Gran Bretagna e dipendevano da essa. Anche Israele è uno Stato fondato con il consenso della Gran Bretagna. Questi regni, scollegati dal popolo, non sarebbero stati in grado di fermare lo Stato di Israele, a cui la Gran Bretagna e quindi la modernità capitalista hanno dato un ruolo strategico. Questa situazione non è cambiata nemmeno dopo lo sviluppo del nazionalismo arabo e il cambiamento dei regimi secondo questa ideologia. Già negli anni ’70, gli Stati arabi persero interesse per la questione palestinese. Le loro contraddizioni interne si sono approfondite e Israele e le potenze straniere hanno approfittato di queste contraddizioni. Anche se non a livello ufficiale, da allora molti Stati arabi hanno sviluppato relazioni con Israele. Il loro sostegno al movimento palestinese, invece, è stato limitato. Gli interessi e gli equilibri statali sono stati messi in primo piano. Queste preoccupazioni sono in primo piano anche ora. Anzi, gli interessi e gli equilibri statali sono ancora più evidenti che in passato. Prima dell’inizio di questi sviluppi, c’erano dialoghi ufficiali tra Israele e molti Stati arabi. Tra loro è stato raggiunto un compromesso e un accordo sotto il nome di Patto di Abramo-Ebreo. Si afferma che questo processo è stato interrotto a causa della situazione attuale, ma nessuno Stato arabo parte di questo processo ha preso posizione per confermarlo.

L’accordo tra gli Stati arabi e Israele non prevede una soluzione al problema palestinese. Non è facile che un accordo che non risolve il problema palestinese o che non prevede tale soluzione abbia successo. Ora, una parte molto importante degli Stati arabi ha relazioni con gli Stati Uniti. In un certo senso, dipendono dagli Stati Uniti e da Israele. Esistono e fanno politica in base all’equilibrio che gli Stati Uniti hanno stabilito in Medio Oriente. Nella situazione attuale, tutti hanno occhi e orecchie puntati principalmente sugli Stati Uniti. Né la Lega Araba, né l’Organizzazione della Cooperazione Islamica, né qualsiasi altra organizzazione può fare qualcosa nonostante gli Stati Uniti e la NATO. Gli appelli al cessate il fuoco e le reazioni verbali non hanno alcun valore reale. Sono fatti per salvare la faccia, per placare la reazione del popolo arabo. La potenza che gestisce questo processo sono gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno calcoli e piani globali e regionali. Agiscono di conseguenza. Indubbiamente, una seria reazione e pressione sociale potrebbe costringere gli Stati Uniti, Israele e persino gli Stati arabi a fare qualche passo e questo potrebbe portare a cambiamenti nel piano. A parte questo, il piano statunitense è quello che funzionerà.

È opinione diffusa che Iran e Turchia siano coinvolti di fatto, se non ufficialmente, in questa guerra. Qual è l’approccio di questi due Paesi alla questione palestinese, che tipo di calcoli hanno? Come influisce la questione palestinese sulle relazioni tra questi due Paesi? Influirà sulle loro posizioni e politiche in Siria e in Iraq? Come influirà questa guerra sulla questione curda?

L’Iran e la Turchia sono due Stati che cercano di aumentare la loro influenza nella regione. Sebbene i loro interessi siano diversi, sono uniti in questo obiettivo. Questo li spinge a competere e a lottare per il potere l’uno con l’altro e rende necessario che si tengano d’occhio a vicenda. In definitiva, ovviamente, uno cerca o vuole ridurre il più possibile l’efficacia dell’altro e, se possibile, azzerarlo e portarlo sotto la propria sovranità. Questa è una caratteristica fondamentale degli Stati. Spesso cercano di bilanciarsi o dominarsi a vicenda attraverso relazioni sviluppate con altre potenze. Fagocitarsi e distruggersi a vicenda è raro. Anche quando ciò accade, può essere il risultato di una politica e di un piano che si sviluppa nel tempo. Tuttavia, oltre alla contraddizione e alla lotta tra le due potenze, esistono anche le relazioni tra di esse. Uno non può ignorare l’altro senza stabilire una superiorità assoluta sull’altro. Esiste una dialettica di questo tipo tra Iran e Turchia. C’è sia una lotta tra loro per diventare una potenza regionale sia una relazione tra loro. Dal momento che uno non può stabilire una supremazia assoluta sull’altro, essi perseguono una politica equilibrata che si prende cura l’uno dell’altro.

L’Iran non è una potenza esterna al sistema. Fa parte del sistema della modernità capitalista e partecipa alla lotta di potere all’interno del sistema. È quindi una forza attiva nella Terza guerra mondiale. Se viene categorizzata, nelle contraddizioni e nei conflitti USA-Europa-Russia-Cina, fa politica schierandosi con il fronte Russia-Cina. Cerca di neutralizzare o di respingere le pressioni politiche ed economiche degli Stati Uniti schierandosi con questo fronte. A questo si aggiunge il fronte sviluppato dall’Iran nella regione, definito Mezzaluna sciita. Ci sono forze in Iraq, Siria, Libano, Yemen e altrove che fanno parte di questo fronte. Queste forze fanno parte dei governanti di questi Stati. Ma questi Stati sono anche in uno stato di disintegrazione. O sono in uno stato di guerra civile o sono in uno stato di disintegrazione e frammentazione. Poiché si trovano già in questa situazione, l’Iran li ha avvicinati a sé o ha reso influenti nello Stato coloro che gli sono vicini. Ciononostante, sono potenze importanti. È noto che l’Iran fa politica nella regione sulla base di queste forze e ne ricava un potere significativo. Attraverso queste forze, l’Iran cerca di bilanciare le politiche degli Stati Uniti e di Israele contro se stesso nella regione. Sta anche ottenendo alcuni risultati. Tuttavia, nonostante ciò, l’Iran non ha creato un ambiente che abbia superato il pericolo e fatto accettare la sua politica nella regione. Proprio come lo Stato di Israele, anche lo Stato iraniano vede la propria esistenza in pericolo.

Come in ogni altra cosa, il suo approccio alla causa palestinese rientra in questo quadro. L’Iran si preoccupa innanzitutto di preservare la propria esistenza come Stato. Poiché sente molto questa preoccupazione, è molto cauto nel compiere passi che potrebbero aumentare il pericolo. Lo Stato iraniano vuole essenzialmente essere accettato nella regione con la sua attuale posizione e politica. A questo scopo utilizza le sue relazioni e alleanze nella regione. Anche le relazioni con Hamas rientrano in questo quadro. Poiché Hamas non ha un’essenza democratica, ha bisogno di forze come l’Iran e la Turchia per combattere contro Israele, per essere efficace o per proteggere la propria esistenza. Sebbene abbia relazioni con altre potenze, spera di essere efficace soprattutto attraverso le relazioni che sviluppa con Turchia e Iran. Ciò rende Hamas parte degli interessi regionali, delle rivalità e delle lotte di potere. Questo, ovviamente, danneggia la causa palestinese, poiché diventa parte delle contraddizioni regionali, la linea di lotta democratica regredisce e si allontana da una soluzione.

Tuttavia, lo sviluppo può essere raggiunto solo prendendo come base la linea di lotta democratica e rafforzandola. Il movimento palestinese si è sviluppato e rafforzato dopo la Guerra dei Sei Giorni, quando si è capito che gli Stati arabi non avevano il potere di trovare una soluzione. La lotta del popolo palestinese ne è uscita rafforzata. Ma ora questa posizione indipendente e democratica è andata perduta. È rimasta indietro anche rispetto al vecchio periodo. Naturalmente, questo non significa che il movimento palestinese non svilupperà relazioni e non riceverà sostegno dagli Stati. L’importante è prendere come base la resistenza e la lotta popolare. Se non si parte da questa base, nessun sostegno ricevuto sarà utile alla lotta. Inoltre, il sostegno degli Stati dipende dalle politiche che essi perseguono. L’Iran, la Turchia e tutti gli Stati arabi seguono una politica basata sui loro interessi. Nessuno di questi Stati può essere una relazione strategica per i popoli oppressi. Come si può vedere, nessuno Stato, compreso l’Iran, ha compiuto passi concreti. L’Iran gestisce gli anelli che ha creato all’esterno secondo la propria politica. Dopo che il piano di Israele contro Gaza è diventato chiaro, molti ambienti si aspettavano che l’Iran si sarebbe mosso mobilitando attivamente Hezbollah e altri e intervenendo in prima persona, ma non è stato così. Questo perché né l’Iran né nessun altro è in grado di rischiare una mossa che sconvolgerebbe l’equilibrio. Indubbiamente, i problemi in Medio Oriente sono profondi e hanno il potenziale per scuotere e cambiare gli equilibri. Uno dei fattori che porteranno a questo è senza dubbio il conflitto israelo-palestinese.

L’approccio della Turchia agli sviluppi della regione è puramente utilitaristico. Poiché il sistema statale turco è completamente svincolato da un’essenza democratica, in altre parole, poiché la società non ha alcuna influenza sullo Stato, è in grado di agire con un pragmatismo di gran lunga superiore alla norma. Ciò che oggi è sbagliato può essere definito giusto domani, e ciò che considera un nemico può essere abbracciato domani. Indubbiamente, lo Stato turco è in grado di condurre una simile politica sfruttando la sua posizione geopolitica. Se così non fosse, non sarebbe in grado di perseguire una simile politica. Lo Stato turco sta facendo tutto questo per portare avanti la sua politica di genocidio dei curdi.

La politica principale dello Stato turco è quella del genocidio dei curdi. Conduce tutte le sue politiche e relazioni di conseguenza. Questo è anche il suo approccio alla causa palestinese. Vuole approfittare della situazione fingendo di difendere la causa palestinese. In realtà, la Turchia si preoccupa di sviluppare i mezzi per continuare la sua politica di genocidio dei curdi e aumentare così il suo potere nella regione. Per questo motivo si mostra dura nella retorica, ma non compie alcun passo concreto. Perché lo Stato turco sa bene che non può continuare le sue politiche di genocidio curdo senza il sostegno di Stati Uniti, Israele, Europa e NATO. Fino ad oggi, è stato in grado di portare avanti le sue politiche di genocidio curdo grazie al sostegno ricevuto da queste potenze. Pertanto, questo sostegno è importante per lo Stato turco.

I disturbi e le obiezioni di Tayyip Erdoğan mirano ad aumentare questo sostegno. Il governo dell’AKP-MHP non si è realmente interessato alla causa palestinese perché ha ricevuto questo sostegno fino ad oggi. Poco prima dell’inizio della guerra, Tayyip Erdoğan ha avuto un incontro con Netanyahu negli Stati Uniti. Quando sono iniziati gli attacchi su Gaza, Tayyip Erdoğan ha detto: “Stavo per andare in Israele, ma ora ho rinunciato a questo piano”. Tuttavia, tra la Turchia e Israele esistono accordi militari, commerciali ed economici del valore di miliardi di dollari e questi accordi continuano ad essere mantenuti. È noto che persino i proiettili dell’esercito israeliano sono fatti di acciaio proveniente dalla Turchia. L’esercito, gli aerei e i carri armati di Israele svolgono esercitazioni nei loro centri di Konya, alcuni dei quali sono prodotti in Turchia. Ecco quanto la Turchia è coinvolta in questa guerra, è parte di questa guerra. Stanno cercando di coprire l’ipocrisia nascondendo questi fatti al pubblico. Facendo alcune cose molto ipocrite; ad esempio, non acquistando e consumando prodotti israeliani in parlamento, si suppone che si sviluppi una reazione contro lo Stato di Israele. Ma le relazioni militari, le linee energetiche e commerciali sono perfettamente funzionanti, milioni di dollari continuano ad entrare e uscire quotidianamente. Questo è il massimo della distorsione e della guerra speciale! Purtroppo, la situazione patetica in cui si trovano i cosiddetti esponenti dell’opposizione offre al governo il terreno per questi giochi.

Uno dei motivi per cui lo Stato turco ha sviluppato un certo discorso contro Israele è il fattore iraniano. Finché il problema palestinese rimarrà irrisolto, le reazioni contro Israele nei Paesi arabi e islamici non cesseranno. L’Iran approfitta dell’ambiente creato da queste reazioni. È impensabile che la Turchia, che ha contraddizioni con l’Iran nella regione ed è impegnata in una lotta di potere regionale tra di loro, si tenga fuori da tutto questo e lasci l’area interamente all’Iran. Sviluppando una certa reazione e raccogliendo una parte della reazione intorno ad essa, la Turchia impedisce un completo spostamento dell’attenzione sull’Iran. Pertanto, l’approccio della Turchia è altamente politico e questo non è al di là del consenso degli Stati Uniti. Un’altra ragione è l’opinione pubblica turca interna. Il governo dell’AKP-MHP governa lo Stato e il Paese stabilendo una stretta manipolazione e un controllo sulla società. A tal fine, è diventato molto importante creare e gestire le percezioni. Considerando che presto si terranno le elezioni amministrative, è ovvio che il governo dell’AKP-MHP vorrà trasformare questa situazione in un’opportunità. In effetti, nella manifestazione tenutasi a Istanbul per la Palestina e Gaza, è stato detto alle masse dell’inimicizia contro i curdi e il Rojava, ed è stato affermato che saranno effettuate nuove invasioni. In Turchia, le masse sono agitate dal nazionalismo, dal religionismo e dall’ostilità curda. L’ostilità curda è coperta da discorsi islamico-religiosi. In realtà, la Turchia ha una sola politica, quella del genocidio curdo. Lo Stato turco calcola e desidera diventare una potenza nella regione attraverso l’inimicizia e il genocidio dei curdi. A questo scopo usa la religione, l’Islam e il nazionalismo. Usa Hamas e la causa palestinese a questo scopo. Al di là di questo, lo Stato turco non ha alcun interesse e sostegno per la causa palestinese.

La situazione di ansia dello Stato turco è dovuta al fatto che l’equilibrio si sta spostando a suo sfavore e che questo danneggia le sue politiche di genocidio curdo. Tutti gli sforzi di Tayyip Erdoğan sono finalizzati a impedire che ciò accada e, inoltre, a ottenere risultati a favore delle sue politiche di genocidio. È un dato di fatto che la Turchia ha sempre beneficiato dell’aumento delle contraddizioni e dei conflitti nel mondo e nella regione. Il vantaggio che ha tratto dall’ambiente e dagli equilibri creati dalla situazione di conflitto è stato decisivo per portare avanti le sue politiche di genocidio curdo. Senza questi fattori, lo Stato turco non sarebbe stato in grado di portare avanti le sue politiche di genocidio curdo basandosi sul proprio potere. Pertanto, lo Stato turco non è turbato dallo sviluppo della situazione di conflitto in Medio Oriente. Al contrario, intende creare opportunità per sé dalla situazione di conflitto. In questo modo, prevede di ottenere maggiore sostegno nella guerra contro i curdi e di effettuare nuove invasioni in Rojava e in Siria.

Valutando le guerre e i conflitti in Medio Oriente, Abdullah Öcalan afferma che le ideologie religiose e il nazionalismo non possono creare una soluzione, anzi: “Finché la mentalità dello statalismo nazionale, sotto forma di nazionalismo religioso o laico, continuerà, è inevitabile che queste società si scontrino ancora di più”. E ha aggiunto che questa mentalità è la causa principale di guerre e problemi. Come modello di soluzione, propone la “nazione democratica”. Come si può adattare questa soluzione al conflitto israelo-palestinese?

Storicamente, i problemi sociali sono aumentati con lo sviluppo del sistema statalista. Con lo sviluppo dello Stato, l’umanità si è allontanata dall’uguaglianza, dalla libertà, dalla fraternità e dalla convivenza pacifica. Al contrario, lo sfruttamento e la guerra sono diventati dominanti. Questa è una realtà storica. Il sistema dello Stato-nazione è il sistema con il più alto livello di conflitto, guerra e sfruttamento. La prima e la seconda guerra mondiale, e le centinaia di guerre locali e regionali che hanno preceduto e seguito queste due grandi guerre, sono state guerre create e combattute dagli Stati nazionali. I conflitti, le guerre e lo sfruttamento degli ultimi due secoli sono centinaia di volte superiori alla negatività sperimentata in decine di migliaia di anni di storia umana. Non si tratta di una questione di sofisticazione degli strumenti di guerra, ma di mentalità. Il Medio Oriente è uno dei luoghi in cui lo Stato-nazione ha causato i danni maggiori e non ha alcun potere risolutivo. Lo Stato-nazione ha moltiplicato i problemi esistenti in Medio Oriente. Ora, tutti i problemi del Medio Oriente hanno origine dallo Stato-nazione. Il principale ostacolo allo sviluppo è lo Stato-nazione. Rêber Apo ha trattato ampiamente il carattere, la mentalità e le conseguenze dello Stato in generale e dello Stato-nazione in particolare all’interno della realtà sociale storica. Le conseguenze dello Stato nazionale, sia esso laico o religioso, sono le stesse. In entrambi i casi, aumenta i problemi e approfondisce la mancanza di soluzioni.

Uno dei migliori esempi di forme laiche e religiose dello Stato-nazione è la Turchia. Alla sua fondazione, la Turchia aveva una forma laico-nazionalista, mentre oggi si basa sul nazionalismo religioso. In entrambi i casi, non è stata trovata una vera soluzione ai problemi della Turchia. Perché non è possibile risolvere i problemi della società con lo Stato-nazione. Lo Stato-nazione è essenzialmente una dottrina di guerra e di genocidio. Oltre alla guerra condotta contro la società, ciò che accade all’interno dello Stato-nazione è più brutale, predatorio, pieno di intrighi e cospirazioni di ciò che accadeva prima nei regni e nelle dinastie. È assolutamente sbagliato pensare che un tale sistema possa illuminare la società e garantire il progresso. Questa è soprattutto l’opinione di coloro che in Turchia si basano sull’idea di laicità. Quando il nazionalismo religioso sale al potere e si radica nello Stato, si presume che il nazionalismo laico condurrà una vita corretta e risolverà i problemi. Tuttavia, lo Stato-nazione è un ostacolo all’illuminazione, alla democratizzazione e a una vita giusta e libera. Pertanto, i problemi possono essere risolti e il progresso può essere raggiunto superando entrambe le forme di nazionalismo.

La vera soluzione ai problemi del Medio Oriente si trova nella politica della nazione democratica. La nazione democratica è un modo di vivere in cui la realtà nazionale è vissuta nelle sue vere dimensioni, senza gli aspetti accecanti e fuorvianti del nazionalismo. La nazione democratica è il sistema in cui i popoli, le società, le comunità di fede e le donne possono vivere ed esprimersi nel modo più corretto e libero. Allo stesso tempo, lo Stato-nazione è la forma più cristallizzata di potere e autorità, che è il prodotto della mentalità maschile. Il nazionalismo laico e quello religioso sono solo forme diverse dello Stato-nazione. In un sistema del genere, non è possibile per la società, i popoli e le donne esistere, vivere liberamente ed esprimersi. Che non sia possibile è già evidente nella pratica.

Il nazionalismo è alla base della contraddizione e del problema arabo-ebraico. Pertanto, il superamento di questo problema e la convivenza in pace possono essere possibili solo superando il nazionalismo, superando entrambe le versioni dello Stato-nazione, il nazionalismo religioso e quello laico. Questo è il metodo di soluzione che sosteniamo. Non pensiamo che i problemi si risolvano con la creazione di altri Stati nazionali. Questa viene attualmente presentata come la soluzione più avanzata al problema palestinese. Naturalmente, anche lo Stato israeliano non lo accetta. Ma una soluzione fondamentale al problema non può essere raggiunta con la creazione di uno Stato per i palestinesi. Prima di tutto, è necessario superare la mentalità dello Stato-nazione. Se ciò non avviene, la contraddizione e il conflitto non avranno fine. Una soluzione non può essere raggiunta separando geografie, montagne, fiumi e città con la mentalità dello Stato-nazione. La soluzione per Gerusalemme è dividere la città in due. Può accadere una cosa del genere? In queste antiche terre convivono molti popoli, comunità e credenze. In una geografia così diversa, non è possibile risolvere i problemi attraverso il nazionalismo e lo statalismo nazionale. Questo non farà altro che portarci l’uno contro l’altro. Di fatto, questo è ciò che sta accadendo da cento anni. Questo può essere superato solo con una mentalità e una soluzione da nazione democratica, dove tutte le differenze possono convivere e tutte le comunità nazionali, culturali e religiose possono esprimersi. Il luogo in cui la soluzione della nazione democratica troverà maggiore spazio è la geografia in cui vivono Israele e il popolo palestinese.

Quanto è importante la soluzione della questione curda e della questione palestinese per la soluzione dei problemi in Medio Oriente, per lo sviluppo della democratizzazione e perché i popoli possano vivere in libertà, sicurezza e pace?

Infatti, nel corso dell’intervista ho cercato di spiegare l’importanza di questi due problemi e la giusta soluzione che immaginiamo. L’ordine creato dalle forze della modernità capitalista in Medio Oriente è andato a scapito dei popoli. La negazione e il genocidio dei popoli curdo e palestinese sono il risultato di questo ordine. La situazione problematica del Medio Oriente è stata mantenuta lasciando questi due problemi irrisolti e abbandonandoli al genocidio. In questo modo, gli Stati-nazione del Medio Oriente sono stati messi l’uno contro l’altro e al loro interno, controllati dalle potenze egemoniche e quindi il Medio Oriente è stato reso completamente dipendente. I popoli del Medio Oriente hanno subito grandi sofferenze e danni. Il popolo curdo e quello palestinese sono quelli che hanno sofferto di più. La mancanza di una soluzione a questi due problemi ha portato non solo a questi popoli, ma anche allo sviluppo del dominio delle potenze colonialiste, degli imperialisti, sulla regione, come abbiamo detto, e al danno di tutti i popoli.

Si può affermare che se questi due problemi saranno risolti, si verificheranno importanti sviluppi in tutto il Medio Oriente, i conflitti e le guerre cesseranno e sarà possibile raggiungere una vera pace. La questione curda e quella palestinese sono i due maggiori problemi del Medio Oriente. Ma sono anche le due maggiori dinamiche di democratizzazione in Medio Oriente. Poiché la soluzione di questi due problemi richiede una mentalità e un approccio democratici, è necessario superare il nazionalismo, il religionismo, lo statalismo nazionale e tutti i tipi di fanatismo, che sono le fonti dei problemi in Medio Oriente. Il fatto che Iran, Iraq, Siria, Turchia e Israele abbiano subito alcune trasformazioni democratiche come risultato della soluzione permanente di questi due problemi è sufficiente per comprendere l’importanza e la portata degli sviluppi. D’altra parte, le basi per tutti i disegni, le operazioni e le cospirazioni progettate in Medio Oriente saranno eliminate. Non solo la regione, ma anche il mondo sarà influenzato positivamente dalla soluzione dei problemi curdi e palestinesi.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Interviste

Per i popoli e le donne della Siria settentrionale e orientale, il nuovo Contratto sociale rappresenta un’altra pietra miliare, ha affermato Foza Yûsif. La...

Interviste

ANKARA – Affermando che il confederalismo democratico è l’unica soluzione per i problemi del Medio Oriente, la copresidente di HEDEP Tülay Hatimoğulları ha affermato:...

Interviste

La parlamentare e avvocato Newroz Uysal descrive la privazione del diritto alla speranza di liberazione, come praticata contro Abdullah Öcalan, come una misura contro...

Interviste

Perché l’esperienza delle donne a Jinwar ci riguarda? Ne parliamo con l’esperta Fabiana Cioni, architetta, dottorata presso l’Istituto Universitario di architettura di Venezia IUAV...