Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Il governo utilizza il sistema legale come strumento per creare una società sottomessa

Un nuovo pacchetto di leggi discrimina sistematicamente i prigionieri politici e consente il rilascio dopo pochi mesi o anni di persone che hanno commesso omicidi o reati di violenza sessuale.

Il governo turco ha introdotto un nuovo pacchetto legislativo che include sia la riforma fiscale che quella delle forze dell’ordine. Mentre i “reati terroristici” sono esenti, l’omicidio, il traffico di droga e la violenza sessuale, in particolare, saranno trattati come reati minori. Ad esempio, una persona che ha ricevuto 20 anni per omicidio dovrà rimanere in una prigione chiusa solo per tre anni e cinque mesi. Una persona che ha ricevuto dodici anni e sei mesi per traffico di droga dovrebbe uscire dal carcere chiuso dopo cinque mesi. Nel caso di una pena detentiva di dieci anni per violenza sessuale, l’autore del reato può essere rilasciato dopo soli nove mesi. In un’intervista con l’Agenzia stampa ANF, l’avvocata Elif Taşdöğen dell’Associazione degli avvocati per la libertà (ÖHD), ha parlato del nuovo pacchetto legislativo.

Il nuovo atto di esecuzione si chiama amnistia mascherata. Secondo te è vero?

Per fare una valutazione sana, è necessario guardare indietro a un regolamento. La legge n. 7242, approvata il 14 aprile 2020, ha modificato l’atto di esecuzione 5275. Questo nuovo regolamento ha violato il principio di uguaglianza e il divieto di discriminazione sancito dalla Costituzione. Inoltre, sono state introdotte nuove norme che hanno conferito poteri molto ampi alle amministrazioni penitenziarie. Il motivo per cui lo abbiamo sottolineato all’inizio è ciò che ci si può aspettare dalla legge che è stata creata sulla base di queste contraddizioni precedenti. In un momento di crisi come la pandemia è stata varata una legge che distingueva i detenuti. Il diritto alla vita era attribuito e modellato alle persone secondo la natura del reato per il quale erano incarcerate. Sebbene tutti i detenuti fossero ugualmente a rischio di pandemia, questo regolamento è stato emanato in violazione del principio di uguaglianza. Tutti i prigionieri politici, sebbene tra loro vi fossero molti detenuti gravemente malati, sono stati esonerati e non rilasciati. Molti prigionieri malati hanno perso la vita a causa di questo. Il pacchetto legislativo presentato al Parlamento il 12 luglio 2023 è una continuazione del discriminatorio atto di esecuzione e approfondisce il regime discriminatorio di esecuzione nei confronti dei prigionieri politici.

Le lunghe pene detentive per omicidio, violenza sessuale e traffico di droga saranno notevolmente ridotte nell’ambito del pacchetto. A cosa porta questo?

Se guardiamo alla definizione in diritto penale, si dice che la reclusione è “la sanzione per la condotta definita dalla legge come un reato. La pena è inflitta per assecondare il delinquente e per impedirgli di commettere nuovamente illeciti (deterrenza)…” Ovviamente non si tratta solo di deterrenza. Sarà necessario considerare altri obiettivi perché diverrà evidente che il regime è contrario allo scopo del diritto penale nel suo complesso. Il secondo scopo delle sanzioni è quello di accogliere la controparte, cioè la parte lesa. Il terzo scopo è quello di reintegrare i condannati nella società. Se guardiamo al regime attuale, possiamo chiaramente prevedere che è incompatibile con lo scopo del diritto penale e avrà conseguenze molto rischiose. Prima di tutto, verrà meno l’effetto deterrente, che è lo scopo principale delle sentenze. Inoltre, le persone che pensavano di essere condannate a una pena pesante si accordavano in via extragiudiziale con le parti lese o con le loro famiglie prima di essere condannate. Ciò ha consentito alle vittime di ottenere i propri diritti senza dover intentare una causa per il risarcimento. Tali accordi non saranno più possibili perché con questa ordinanza gli imputati non saranno quasi mai incarcerati. In altre parole, le sanzioni non avranno più effetto deterrente. Inoltre, le persone che comprendono il sistema dell’impunità penseranno di prendere in mano la legge. Ciò scuoterebbe le dinamiche della società.

Le persone accusate secondo i “paragrafi di terrore”, che sono particolarmente diretti contro politici e giornalisti, sono esenti da queste norme. Perché?

Infatti, dopo ogni nuovo regolamento, vediamo molto chiaramente che tutti i detenuti che provengono dall’opposizione sono esclusi dal campo di applicazione. L’attuale governo vuole avere una popolazione intimidita e impaurita. Vuole una società in cui nessuno alzi la voce contro i suoi regolamenti e le sue leggi, che deve accettare tutto come vuole il governo. Non vuole vedere una popolazione che mette in discussione le illegalità e le combatte se necessario. Di conseguenza, il governo continua il suo regime oppressivo per creare una società sottomessa. Per fare questo, utilizza il sistema legale come strumento. Poiché questo approccio è diventato permanente, uno degli articoli più importanti della costituzione, il “principio dello stato di diritto”, viene violato. Va anche notato che l’apparato statale è responsabile della fiducia dei cittadini nella magistratura. La magistratura deve soddisfare le effettive aspettative della società e non l’attuale disegno di legge. Nella sua forma attuale, questa bozza necessita di un completo rinnovamento a causa delle disuguaglianze e delle ingiustizie che contiene, nonché del diritto penale nemico intrinseco dello Stato turco.

È imperativo abrogare le norme che portano a doppi standard in detenzione. La riduzione della pena detentiva deve essere in linea con il diritto alla speranza. Si devono creare cambiamenti reali e duraturi per i detenuti malati. Tutto questo deve essere fatto in base al principio di uguaglianza. Noi, avvocati, difensori dei diritti umani, attivisti e tutte le persone emarginate dobbiamo parlare con una sola voce e unirci nella lotta comune contro questa e tutte le altre nuove leggi simili che colpiscono l’intera società.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Interviste

Per i popoli e le donne della Siria settentrionale e orientale, il nuovo Contratto sociale rappresenta un’altra pietra miliare, ha affermato Foza Yûsif. La...

Interviste

L’esercito israeliano ha dichiarato ufficialmente guerra per la prima volta dopo 50 anni. Gaza, una città di due milioni di abitanti, viene bombardata pesantemente...

Interviste

ANKARA – Affermando che il confederalismo democratico è l’unica soluzione per i problemi del Medio Oriente, la copresidente di HEDEP Tülay Hatimoğulları ha affermato:...

Interviste

La parlamentare e avvocato Newroz Uysal descrive la privazione del diritto alla speranza di liberazione, come praticata contro Abdullah Öcalan, come una misura contro...