Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 10 dicembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

124 lavoratori hanno perso la vita sul posto di lavoro

124 lavoratori hanno perso la vita sul posto di lavoro

6 luglio 2019


L’Assemblea per la Sicurezza della Salute e dell’Occupazione dei Lavoratori (ISIG) ha detto che almeno 124 lavoratori hanno perso la vita sul posto di lavoro in incidenti legati all’attività lavorativa nel mese di giugno.Nei primi sei mesi di quest’anno, in totale hanno perso la vita 840 lavoratori.

Secondo ISIG:

90 dei 124 lavoratori che hanno perso la vita nel giugno 2019 erano dipendenti (operai e impiegati pubblici) mentre 34 lavoravano in proprio (contadini e proprietari di attività).

17 erano donne, 107 uomini. La morte delle donne si è verificata nei settori dell’agricoltura e del commercio.

6 bambini, due sotto i 14 anni, sono morti a giugno lavorando nei settori dell’agricoltura e del tessile.

13 lavoratori rifugiati/migranti hanno perso la vita nel giugno 2019. Sei di loro venivano dalla Siria, cinque dall’Afghanistan, uno dall’Iran e uno dall’Uzbekistan.

I settori agricoltura, edilizia, attività municipali/generali, trasporti, energia, chimica, tessile, commercio/lavoro d’ufficio, minerario e metalmeccanico sono i settori nei quali si sono verificate la maggior parte delle morti sul lavoro.

Le ragioni più frequenti delle morti sono state incidenti nel traffico/servizio, avvelenamento/soffocamento, rimanere schiacciati/intrappolati da macerie, shock elettrico, esplosioni/incendi, attacchi di cuore e cadute dall’alto.

Il numero più elevato di morti si è verificato a İstanbul, Kocaeli, Trabzon, Antalya, Ağrı, Bursa, Aydın, İzmir, Tekirdağ, Zonguldak.

La maggior parte dei lavoratori non era sindacalizzata

Solo uno dei lavoratori morti era sindacalizzato (0.8 percento), 123 lavoratori (99.2 percento) non erano sindacalizzati.

Il rapporto mostra che in totale 840 lavoratori sono morti in incidenti legati al lavoro nei primi sei mesi del 2019:

61 donne, 779 uomini e 33 bambini (11 sotto i 14 anni), hanno perso la vita nella prima metà del 2019. 63 dei morti erano migranti/rifugiati.

205 morti si sono verificate nel settore agricolo, 165 nell’edilizia, 107 nei trasporti, 54 in attività municipali/generali, 47 nel commercio/lavoro d’ufficio, 32 in quello metalmeccanico, 31 in quello minerario, 25 nell’energia, 25 in attività navali/cantieristica e 24 nel tessile.

Il numero più elevato di morti si è verificato nel province di İstanbul (88), Antalya (39), İzmir (38), Kocaeli (33), Ankara (28) e Aydın (28).

Solo 14 dei lavoratori morti erano sindacalizzati (1.66 percento), mentre 826 non erano iscritti ad alcun sindacato.

 


Inserisci un commento