Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

124 lavoratori hanno perso la vita sul posto di lavoro

L’Assemblea per la Sicurezza della Salute e dell’Occupazione dei Lavoratori (ISIG) ha detto che almeno 124 lavoratori hanno perso la vita sul posto di lavoro in incidenti legati all’attività lavorativa nel mese di giugno.Nei primi sei mesi di quest’anno, in totale hanno perso la vita 840 lavoratori.

Secondo ISIG:

90 dei 124 lavoratori che hanno perso la vita nel giugno 2019 erano dipendenti (operai e impiegati pubblici) mentre 34 lavoravano in proprio (contadini e proprietari di attività).

17 erano donne, 107 uomini. La morte delle donne si è verificata nei settori dell’agricoltura e del commercio.

6 bambini, due sotto i 14 anni, sono morti a giugno lavorando nei settori dell’agricoltura e del tessile.

13 lavoratori rifugiati/migranti hanno perso la vita nel giugno 2019. Sei di loro venivano dalla Siria, cinque dall’Afghanistan, uno dall’Iran e uno dall’Uzbekistan.

I settori agricoltura, edilizia, attività municipali/generali, trasporti, energia, chimica, tessile, commercio/lavoro d’ufficio, minerario e metalmeccanico sono i settori nei quali si sono verificate la maggior parte delle morti sul lavoro.

Le ragioni più frequenti delle morti sono state incidenti nel traffico/servizio, avvelenamento/soffocamento, rimanere schiacciati/intrappolati da macerie, shock elettrico, esplosioni/incendi, attacchi di cuore e cadute dall’alto.

Il numero più elevato di morti si è verificato a İstanbul, Kocaeli, Trabzon, Antalya, Ağrı, Bursa, Aydın, İzmir, Tekirdağ, Zonguldak.

La maggior parte dei lavoratori non era sindacalizzata

Solo uno dei lavoratori morti era sindacalizzato (0.8 percento), 123 lavoratori (99.2 percento) non erano sindacalizzati.

Il rapporto mostra che in totale 840 lavoratori sono morti in incidenti legati al lavoro nei primi sei mesi del 2019:

61 donne, 779 uomini e 33 bambini (11 sotto i 14 anni), hanno perso la vita nella prima metà del 2019. 63 dei morti erano migranti/rifugiati.

205 morti si sono verificate nel settore agricolo, 165 nell’edilizia, 107 nei trasporti, 54 in attività municipali/generali, 47 nel commercio/lavoro d’ufficio, 32 in quello metalmeccanico, 31 in quello minerario, 25 nell’energia, 25 in attività navali/cantieristica e 24 nel tessile.

Il numero più elevato di morti si è verificato nel province di İstanbul (88), Antalya (39), İzmir (38), Kocaeli (33), Ankara (28) e Aydın (28).

Solo 14 dei lavoratori morti erano sindacalizzati (1.66 percento), mentre 826 non erano iscritti ad alcun sindacato.

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Libertà per Öcalan

In una conferenza stampa tenutasi presso la sede del partito ad Ankara, la portavoce Ayşegül Doğan ha sottolineato le violazioni dei diritti umani nella...