Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Libertà di stampa in Turchia: 894 giornalisti arrestati in 22 anni

IZMIR – Durante il periodo dell’AKP sono stati arrestati almeno 894 giornalisti, i media sono stati monopolizzati e la censura è diventata legge. A causa di questa situazione, il paese è sceso al 165° posto nell’indice della libertà di stampa.

A seguito alla decisione presa dall’Assemblea generale delle nazioni unite nel 1993, il 3 maggio è stato dichiarato in tutto il mondo come la Giornata mondiale della libertà di stampa. Tuttavia la pressione, la censura, la detenzione e l’arresto dei giornalisti non sono mai cessati da 31 anni.

La Turchia è uno dei paesi in cui i giornalisti subiscono il maggior numero di violazioni dei diritti umani.Mentre la pressione sulla stampa aumentava, soprattutto durante il governo dell’AKP, la libertà di stampa in Turchia regrediva. Secondo l’indice mondiale sulla libertà di stampa del 2023 preparato dall’International Reporter Without Borders (RSF), La Turchia è al 165° posto su 180 paesi. A seguito alla frenesia di detenzioni e arresti contro la stampa libera, la Turchia è passata dalla categoria “problematica” a quella “grave”. Secondo il rapporto, il 90% dei media nazionali in Turchia è sotto il controllo del governo.

Arrestati 894 giornalisti

Almeno 894 giornalisti sono stati arrestati da quando l’AKP è salito al potere nel 2002. 17 giornalisti sono stati arrestati nel 2002 e 15 giornalisti sono stati arrestati nel 2003. Non sono disponibili dati per il 2004 e il 2005.

Sono stati arresati 22 giornalisti nel 2006, 9 nel 2007, 23 nel 2008, 37 nel 2009, 9 nel 2010, 36 nel 2011, 5 nel 2012, 1 nel 2013, 2 nel 2014, 8 nel 2015. Dopo la dichiarazione dello stato di emergenza dopo la rivolta militare del 15 luglio 2016, la pressione sui giornalisti è aumentata. Ne sono stati arrestati 145 nel 2016, 206 nel 2017, 56 nel 2018, 130 nel 2019, 87 nel 2020, 3 nel 2021, 32 nel 2022, 43 nel 2023 e 8 nei primi 4 mesi del 2024. Secondo i dati dell’Associazione dei giornalisti Dicle Fırat (DFG), attualmente ci sono 45 giornalisti in carcere, mentre centinaia di giornalisti continuano a essere processati per le notizie che hanno prodotto.

Giornalisti assassinati

Durante il periodo dell’AKP, molti giornalisti sono stati sottoposti a violenze o uccisi perché presi di mira. Il caporedattore del giornale Agos, Hrant Dink, il distributore del giornale Azadiya Welat Metin Alataş, il proprietario del giornale Bandırma Güney, Marmara Yaşam İsmail Cihan Haysever, il proprietario del giornale Kocaeli Ses Gönür Arslan, il redattore di Azadiya Welat, Rohat Aktaş, il distributore di Azadiya Welat, Kadri Bağdu, lo scrittore della rivista Devrimci Hareket, Önder Babat e il distributore della rivista Yürük. Engin Ceber sono state assassinati in date diverse.

I media sono diventati un monopolio

La Direzione presidenziale delle comunicazioni (CIB), istituita nel 2018, ha cancellato le tessere di centinaia di giornalisti e ha ignorato i diritti fondamentali degli operatori dei media mantenendo in sospeso centinaia di richieste di tessere di giornalista. L’AKP ha utilizzato molti metodi per monopolizzare i media. Nel 2004, Star TV e il quotidiano Star appartenenti al gruppo Uzan sono stati interrotti. Questi posti furono venduti ad Aydın Doğan e poi al Gruppo Doğuş, noto per la sua vicinanza al governo.

Nel 2007 il quotidiano Sabah e l’ATV appartenenti al gruppo Ciner sono stati sequestrati dal Fondo di assicurazione dei depositi di risparmio (TMSF). Il giornale ATV e Sabah furono venduti al gruppo Çalık, il cui direttore generale all’epoca era Berat Albayrak.

Al Gruppo Doğan, di cui fa parte la Doğan News Agency (DHA), che è in conflitto con il governo, è stata inflitta una multa fiscale di 4,8 miliardi di lire. A seguito di questa sanzione, il gruppo Doğan ha iniziato a ridursi nel campo dei media e nel 2011 i giornali Milliyet e Vatan all’interno del DHA sono stati venduti alla partnership Demirören-Karacan. Con il ritiro del Gruppo Karacan dalla partnership, 2 giornali sono passati nelle mani del Gruppo Demirören. Nel 2018, tutti i giornali e i televisori di proprietà di Doğan Media sono stati venduti al gruppo Demirören.

Giornali e televisioni chiusi

L’AKP ha continuato a reprimere i media, che non poteva monopolizzare. Con i decreti statutari (KHK) emessi durante lo stato di emergenza dichiarato dopo il 15 luglio, un totale di 16 televisioni, 3 agenzie di stampa, 23 stazioni radio, comprese organizzazioni di stampa come l’ agenzia stampa Dicle Haber, Gündem, İMC e Hayat TV, 45 giornali, 15 riviste, 29 case editrici e canali di distribuzione sono state chiuse.Tutti i beni delle istituzioni mediatiche chiuse sono stati confiscati.

Con i decreti statutari emanati nel 2017, Dihaber, Gazete Şûjin e Rojeva Media sono stati chiusi. Sono stati nominati amministratori del giornale Özgürlükçü Demokrasi e della tipografia Gün. Con i decreti statutari emanati periodicamente dopo lo stato di emergenza sono state chiuse complessivamente 170 organizzazioni mediatiche. Tutti i diritti, le licenze e i trasmettitori delledei canali chiusi Samanyolu TV, Kanaltürk TV e Radyo Mehtap, Radyo Cihan, Burç FM, Kanaltürk Radio sono stati successivamente venduti al Turkuvaz Media Group, vicino al governo.

Multa per mancata chiusura

Il governo ha cercato di intimidire altri giornali e canali televisivi dell’opposizione con oscuramenti dei media, multe e divieti di pubblicità. Il Consiglio Supremo della Radio e della Televisione è emerso come istituzione di regolamentazione e supervisione durante il periodo dell’AKP ed è diventato un’arma contro i canali dell’opposizione. In risposta a un’interrogazione parlamentare del Ministro della Cultura e del Turismo Mehmet Nuri Ersoy, al quale è affiliata RTÜK, nel 2023 sono state adottate 570 sanzioni contro i canali. Sempre secondo la pagella 2022 di RTÜK, Halk TV, TELE1, KRT, Fox e Flash TV sono stati multati per un totale di 17 milioni e 335mila TL. Giornali dell’opposizione come Evrensel e Birgün hanno cercato di essere messi a tacere dall’Istituzione per la pubblicita sulla stampa (BİK). BİK ha cercato di intimidire e chiudere questi giornali non inserendovi annunci pubblicitari per molti anni.

Dopo le pubblicazioni scritte e visive, è stata la volta dei media virtuali. Le piattaforme di media virtuali hanno avuto la loro parte di censura e di ostacoli di accesso nel nuovo periodo. Secondo il rapporto EngelliWeb dell’Associazione Libertà di Espressione, nel 2022 è stato bloccato l’accesso a 6mila 528 notizie, mentre 5mila 388 notizie sono state rimosse dalla pubblicazione e censurate. Tra il 2006 e il 2023 è stato bloccato l’accesso a 712mila 558 siti web con 616mila 239 contenuti. I siti delle agenzie e dei giornali della stampa libera sono stati bloccati più volte.

Alcuni articoli della “Legge sulla regolamentazione delle pubblicazioni effettuate su Internet e sulla lotta ai crimini commessi attraverso tali pubblicazioni”, adottata dal Parlamento il 29 luglio 2020, sono entrate in vigore il 1° ottobre 2020. Di conseguenza, sono diventate obbligatorie affinché i fornitori di reti virtuali con più di 1 milione di utenti abbiano rappresentanti in Turchia. Nell’ambito della legge sono state inflitte sanzioni graduali che vanno dalle multe ai divieti di pubblicità, che possono comportare un restringimento del raggio d’azione, anche per coloro che non hanno aperto un ufficio di rappresentanza in Turchia.

La censura è diventata legale

Il colpo finale del governo AKP alla libertà di stampa è stata la “Legge sulla disinformazione”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale il 18 ottobre 2022 ed entrata in vigore. Dopo l’entrata in vigore della legge, che i giornalisti hanno descritto come la “Legge sulla censura”, il diritto all’informazione e la libertà di espressione sono stati radicalmente modificati. Con la legge è stato aggiunto al codice penale turco un nuovo reato chiamato “diffusione pubblica di dichiarazioni errate”. Le misure amministrative includono multe per le organizzazioni dei media e sanzioni per la limitazione della larghezza di banda per le reti di media virtuali; Hanno cominciato a essere inflitte condanne al carcere a persone a cui piacciono notizie o post sui media virtuali che si ritiene siano “inesattezze” sulla base della “diffusione pubblica di dichiarazioni errate”. Le indagini e le azioni legali intentate contro i giornalisti che hanno riferito della distruzione avvenuta in seguito al terremoto del 6 febbraio nella zona di Mereş continuano ancora.

MA / Tolga Güney

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...