Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Aanes: Iniziativa per risolvere la crisi siriana

Nel 2011 è nato in Siria un movimento popolare rivoluzionario a causa dell’esclusione e dell’emarginazione che ha portato a una crisi politica in corso che non è stata ancora risolta. Sulla base della nostra responsabilità nei confronti del popolo siriano in tutta la sua diversità e conformemente ai principi e alla visione politica del Consiglio democratico siriano che mira a trovare una soluzione politica per la crisi siriana, l’Amministrazione autonoma della Siria settentrionale e orientale (AANES), che costituito da istituzioni democratiche, amministrazioni, partiti politici, forze e organizzazioni, propone questa iniziativa per raggiungere una soluzione pacifica e democratica che possa porre fine alle sofferenze di milioni di siriani.

La crisi siriana ha avuto ripercussioni politiche, economiche e sociali. Centinaia di migliaia di siriani hanno perso la vita. Milioni di persone provenienti da Jarabulus, Al-Bab, Azaz, Idleb, Afrin, Ras Al-Ain (Sere Kaniye), Tal Abyad (Girê Spî) e altre aree siriane sono state costrette a lasciare le loro case e diventare sfollati interni o rifugiati.

Un grosso numero di siriani è stato sottoposto a pratiche disumane in alcuni paesi che ospitano rifugiati. Il devastante terremoto che ha colpito la Turchia e la Siria il 6 febbraio 2023 ha esacerbato le sofferenze degli sfollati e dei rifugiati siriani.

Il governo turco guidato dal Partito della giustizia e dello sviluppo (AKP) e dal Partito del movimento nazionalista (MHP), ha discriminato i rifugiati siriani nella fornitura di aiuti umanitari. In tutta la Siria il popolo siriano sta vivendo condizioni di vita difficili e sta affrontando gravi problemi, come povertà, disoccupazione, razzismo, insicurezza e instabilità, che sono stati ulteriormente esacerbati dal terremoto.

Le diverse comunità del popolo siriano non devono continuare a soffrire a causa della catastrofica situazione umanitaria. Attendono un’urgente soluzione pacifica che garantisca sicurezza, stabilità e un futuro democratico che garantisca una vita libera e dignitosa nel loro paese.

Di conseguenza tutte le forze politiche responsabili devono lavorare insieme e compiere i passi necessari per trovare una soluzione comune basata sui fondamenti del dialogo, della cooperazione e del consenso.

L’AANES è consapevole della sua responsabilità nei confronti di tutti i siriani. Pertanto si adopererà per adottare le misure necessarie per risolvere la crisi e stabilire la pace e la stabilità, tenendo conto che le piattaforme e le iniziative internazionali e regionali, come Ginevra, Astana, il Comitato costituzionale e altri, non hanno prodotto risultati significativi nel contesto di fornire una soluzione alla crisi siriana.

Ciò può essere dovuto ai seguenti motivi principali:

1. Assenza di una corretta analisi e diagnosi della crisi siriana;

2. Assenza di un programma per una soluzione pacifica e democratica;

3. Escludere alcune forze siriane attive dal processo di dialogo e insistere su soluzioni esterne.

Inoltre l’autorità siriana non è riuscita a svolgere un ruolo positivo ed efficace che potesse portare a una soluzione politica della crisi siriana.

Avrebbe dovuto sin dall’inizio cercare una soluzione pacifica alla crisi e invitare tutte le parti a trovare una via d’uscita, ma è rimasta al di fuori di questa equazione, che ha ritardato la soluzione e prolungato la crisi, portando a ulteriori sofferenze per i siriani .

La soluzione alla crisi siriana deve essere ricercata all’interno del paese e il governo siriano deve mostrare una posizione responsabile e adottare misure urgenti che possano contribuire al successo della ricerca di una soluzione interna.

È fondamentale che tutte le forze politiche, compresi i partiti politici e le organizzazioni femminili e giovanili, indipendentemente dal fatto che siano grandi o piccole, abbiano voce in capitolo nel disegnare il futuro dell’amministrazione siriana.

Questo è della massima importanza per raggiungere la pace e la stabilità.

La Siria è un paese multietnico e multireligioso. Qualsiasi soluzione praticabile deve coinvolgere tutti i gruppi nella determinazione del loro futuro e nella risoluzione della crisi siriana.

Per raggiungere questo obiettivo, è necessario chiarire i seguenti punti:

1. L’AANES afferma l’unità delle terre siriane e ritiene che i problemi che la Siria sta vivendo possano essere risolti solo nel quadro dell’unità della Siria.

In questo contesto e al fine di raggiungere una soluzione, l’AANES afferma la propria disponibilità a incontrare e dialogare con il governo siriano e tutte le parti siriane per consultazioni e discussioni al fine di fornire iniziative per trovare una soluzione alla crisi siriana.

2. La crisi siriana è il risultato della mancanza di politiche democratiche e sociali e dell’emarginazione delle diverse comunità etniche e religiose della Siria.

Ogni gruppo etnico e religioso ha le sue caratteristiche e il diritto alla cittadinanza e all’uguaglianza. Ci sono punti in comune nazionali tra tutti i siriani e culture diverse che devono essere riconosciute e rispettate per arricchire il tessuto nazionale siriano.

Pertanto qualsiasi soluzione democratica dovrebbe riconoscere i diritti legittimi di tutte le comunità religiose ed etniche, come arabi, curdi, siro-assiri e altri.

I diritti collettivi delle comunità siriane devono essere protetti e i valori e i meccanismi democratici devono essere sviluppati per costruire un sistema politico amministrativo basato sulla democrazia, il pluralismo e il decentramento, che assicuri pari diritti a tutti i siriani.

3. Il sistema politico democratico nella Siria settentrionale e orientale (NES) ha garantito pari diritti a tutte le persone. Le persone possono vivere liberamente in un’atmosfera di sicurezza e stabilità. Possono risolvere i loro problemi attraverso le amministrazioni autonome, che consentono alle persone di gestire i propri affari per superare eventuali ostacoli e sfide che possono sorgere.

È stato dimostrato oltre ogni dubbio che l’armonia e la stabilità socialdemocratiche sono state raggiunte attraverso la partecipazione di tutti i gruppi politici, culturali e sociali nelle amministrazioni. Riteniamo che il modello di governance sociale, democratico e ambientale del NES, basato sull’uguaglianza di genere e sulla sostenibilità ambientale, sia in grado di costituire una base e un elemento fondamentale per raggiungere una soluzione alla crisi siriana. Può fornire soluzioni di successo a tutti i problemi di cui soffre la società siriana.

4. L’AANES sottolinea che la ricchezza e le risorse economiche devono essere distribuite equamente tra tutte le regioni siriane. Le risorse nel NES, come petrolio, gas e agricoltura, come altre risorse in altre regioni della Siria, appartengono a tutti i siriani. L’AANES sottolinea la necessità di raggiungere un accordo con il governo siriano per condividere le risorse attraverso il dialogo e il negoziato. Per far fronte ai bisogni primari della popolazione e fornire aiuti a tutte le aree, il valico di frontiera di Al-Yarubiyah (Tal Koçer), così come altri valichi, devono essere riaperti. La responsabilità principale in questo senso è del governo siriano. Si potrebbe trovare una soluzione ragionevole che soddisfi tutte le parti e serva l’interesse dei siriani.

5. Per ridurre e limitare i problemi e i rischi che affliggono il popolo siriano, di tutte le comunità, che sono stati sfollati dalle loro regioni o hanno cercato rifugio in altri paesi, l’AANES esprime la sua disponibilità ad accoglierli e accoglierli all’interno delle sue risorse disponibili, in quanto ha ricevuto altri siriani dall’inizio della sua costituzione. Di conseguenza adotterà le misure necessarie al riguardo.

6. L’AANES afferma che la sua lotta e i suoi sforzi nella lotta al terrorismo saranno continui per scoraggiare il terrorismo di Daesh (ISIS) e altri gruppi terroristici e per eliminare le loro minacce alla Siria, alla regione e al mondo intero.

L’AANES ha perso migliaia di suoi uomini e donne nella lotta al terrorismo e ha pagato enormi sacrifici per liberare il mondo dal terrorismo a nome del mondo intero.

7. Il governo turco ha aggravato la crisi siriana, smantellato il territorio del paese e la sua unità e sostenuto gruppi terroristici, come Daesh e altri. L’intervento del governo turco in Siria mira a distogliere l’attenzione dalle sue crisi interne e ad esportare i suoi problemi ai suoi vicini attraverso l’aggressione e l’uso di gruppi terroristici e mercenari per raggiungere i suoi obiettivi.

Le pratiche aggressive dello Stato turco hanno portato a tragedie umane e violazioni dei diritti umani che non possono essere tollerate, il che ha portato a modificare la composizione demografica della nostra regione. Le cause di tutti i problemi al confine siriano-turco possono essere attribuite alle politiche aggressive del governo di coalizione AKP e MHP, che mira a influenzare la politica interna della Siria e rimodellare la situazione politica secondo i propri interessi. I pretesti e gli argomenti che AKP e MHP adducono per giustificare la loro ostilità nei confronti dell’AANES sono assolutamente lontani dalla verità. Il tentativo di assassinare il Comandante in Capo delle Forze Democratiche Siriane (SDF) a Sulaymaniyah ne è la prova più evidente. L’AANES non ha inimicizia con il popolo turco. Lo Stato turco deve porre fine alla sua occupazione delle terre siriane. Il nostro popolo vuole vivere in pace con il popolo turco e tutti i paesi vicini, ma affermiamo che eserciteremo il nostro diritto alla legittima difesa, in caso di aggressione turca al nostro popolo e alla nostra terra.

8. Per sviluppare una soluzione democratica e pacifica in Siria, vorremmo rivolgerci ai paesi arabi, alle Nazioni Unite e a tutte le potenze internazionali attive nella questione siriana e chiedere loro di svolgere un ruolo positivo e costruttivo nella ricerca di una soluzione comune con il governo siriano, l’AANES e le forze democratiche nazionali.

9. Al fine di risolvere la crisi nel quadro dell’unità e dell’integrità della Siria e di sviluppare e attuare una soluzione politica che protegga e salvaguardi gli interessi del popolo siriano, l’AANES ha un approccio chiaro a una soluzione ragionevole che propone a tutte le parti di essere una base per il dialogo e il futuro accordo. L’AANES propone questa iniziativa come base nazionale e invita tutte le parti a parteciparvi e a contribuire, accelerando gli sforzi e gli sforzi volti a porre fine al conflitto, in un modo che non contraddica la risoluzione del Consiglio di sicurezza (2254) e tutte le pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite . L’AANES è anche pronto a discutere tutti i punti di vista e i progetti di soluzione, e ad adottare le disposizioni necessarie per svolgere colloqui per raggiungere una soluzione nazionale.

Per risolvere la crisi siriana, l’AANES ha assunto la sua responsabilità storica e umanitaria, pienamente consapevole che centinaia di migliaia di siriani hanno perso la vita e milioni vivono in una situazione umanitaria disastrosa. Per risolvere la crisi siriana, l’AANES ha assunto la sua responsabilità storica e umanitaria, pienamente consapevole che centinaia di migliaia di siriani hanno perso la vita e milioni vivono in una situazione umanitaria disastrosa.

Amministrazione autonoma della Siria settentrionale e orientale

18 aprile 2023

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Memet Sıddık Akış, il co-sindaco curdo democraticamente eletto del comune di Colemêrg, è stato arrestato lunedì 3 giugno e sostituito dal governatore di Hakkari....

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Comunicati

In occasione del primo maggio, giorno dell’unità e della solidarietà, desideriamo congratularci con tutti i popoli, in particolare con tutte le donne, con tutte...

Comunicati

La scorsa notte, intorno all’1:30, la polizia belga ha fatto irruzione nella sede di Sterk TV e MedyaHaber, due importanti canali televisivi curdi che...