Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Il bilancio pubblicato dall’Organizzazione per i diritti umani di Afrin, in Siria, rivela la situazione ad Afrin

L’Organizzazione per i diritti umani di Afrin, in Siria, ha pubblicato un rapporto sui crimini di guerra e le violazioni dei diritti commessi dalle forze turche e dalle fazioni alleate ad Afrin negli ultimi 3 anni.

Il 20 gennaio 2018, la Turchia ha lanciato la cosiddetta campagna aerea e terrestre “Ramo d’ulivo” ad Afrin, in Siria, e dopo 59 giorni di scontri con le Unità di difesa del popolo (YPG) e le Unità di difesa delle donne (YPJ) guidate dai curdi siriani ha preso il controllo della città il 18 marzo 2018. Da allora, ci sono state una serie di segnalazioni riguardanti “crimini di guerra” e “violazioni dei diritti” della popolazione di Afrin da parte della Turchia, inclusi rapimenti, stupri, torture e omicidi.

Almeno la metà della popolazione a maggioranza curda della città di Afrin, che ha una popolazione di 300.000 abitanti è stata sfollata con la forza nei campi di fortuna di Shehba. Secondo un bilancio diffuso dall’Organizzazione per i diritti umani di Afrin, dopo che la Turchia ha preso il controllo della regione, ad Afrin la percentuale di curdi ad Afrin non supera il 23%.

Dal 2011 all’inizio della crisi siriana la struttura demografica del distretto di Afrin è cambiata notevolmente e il rapporto dell’organizzazione per i diritti umani afferma che questo cambiamento è causato dalla Turchia unitamente alle potenze internazionali e locali.

Secondo l’organizzazione, la Turchia ha portato più di 400.000 persone dall’estero e le ha insediate nei villaggi e nei distretti di Afrin. I nomi curdi delle strade, dei villaggi e delle aree pubbliche di Afrin sono stati cambiati e nelle istituzioni ufficiali sono state appese bandiere turche e fotografie di Erdoğan.

Le case di decine di migliaia di civili costretti ad andarsene sono state sequestrate. I luoghi santi, i santuari e i luoghi di culto degli yazidi sono stati saccheggiati. L’organizzazione ha riferito che le bande hanno rapito 7.754 civili in tre anni e da allora di quasi la metà di loro non si è più saputo nulla.

Più di 646 civili sono stati uccisi, 500 di essi dai bombardamenti e almeno 82 dalla tortura. Inoltre, 705 civili sono rimasti feriti. Di questi, 306 erano bambini e 216 erano donne. Anche le risorse naturali di Afrin sono state decimate: sono stati abbattuti 327.330 ulivi e altre specie di alberi.

Più di 17.000 ulivi e di altre specie sono state bruciate. Inoltre, 11.600 ettari di terreno boschivo sono stati dati alle fiamme. Le olive vengono ora portate in Turchia e vendute in mercati internazionali come Spagna e Stati Uniti.Ci sono 96 colline storiche ad Afrin. La maggior parte di queste colline sono state scavate con pale e saccheggiate.Almeno 28 siti storici e magazzini sono stati distrutti e almeno 15 cimiteri saccheggiati. Secondo il rapporto, un cimitero è stato trasformato in un mercato del bestiame.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

MÊRDÎN – Nel caso KCK in corso a Mêrdîn (Mardin) dal 2014, 15 politici curdi, tra cui l’ex deputata Gülser Yıldırım, sono stati condannati...

Diritti umani

Dicle Müftüoğlu, co-presidente della DFG, che ha annunciato di aver iniziato uno sciopero della fame, ha dichiarato: “Come giornalista le cui attività professionali sono...

Diritti umani

La giornalista Safiye Alağaş è stata arrestata ieri sera dalla polizia. Ieri sera la polizia ha intercettato il veicolo di Safiye mentre viaggiava da...

Siria

È stato affermato che 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità nella Siria settentrionale e orientale a causa degli attacchi della Turchia alle...