Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Siria

Sulla situazione dellle donne a Efrîn

Dopo l’occupazione di Efrîn le donne vengono espulse in modo mirato dalla vita pubblica. Quotidianamente si verificano violenze, stupri e sequestri.  Sotto l’occupazione turco-islamista a Efrîn ogni giorno si verificano nuovi casi di maltrattamenti, stupri, saccheggi e deportazioni. L’agenzia stampa ANHA ha pubblicato nuove informazioni su quello che succede alle donne.

Nei distretti di Şera e Raco sono state sequestrate diverse donne. Si tratta di Roşîn Hebeş del villaggio Dêr Sewan, di due donne di Gemrok e di Emîna Daûd Ekaş di Meydan Ekbes a Raco.

Di dozzine di donne che sono state sequestrate dall’inizio dell’invasione militare, continua a mancare qualsiasi traccia. I sequestri con le armi in pugno, in particolare di donne giovani, avvengono in modo aperto. I parenti vengono ricattati per ottenere un riscatto, molte donne vengono stuprate.

Secondo quanto viene riferito dalla regione, i sequestri quotidiani a Efrîn sono aumentati. Nei controlli stradali le donne sono esposte a continue violenze. Queste azioni vengono considerate una misura mirata con la quale si vogliono espellere le donne dalla vita pubblica.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

I resti di 139 persone che si ritiene siano state massacrate dall’Isis sono stati ritrovati in una fossa comune a Tal Afar, a ovest...

Siria

Trentatré partiti e organizzazioni politiche si sono espressi contro gli ultimi tentativi di riavvicinamento dello Stato turco e del governo di Damasco, affermando che...

Rassegna Stampa

MEDIO ORIENTE. Un caso di violenza sessuale scatena attacchi che si estendono a molte città. Negozi, case e auto distrutte, violenze: 3 milioni di profughi...

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...