Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Assemblea delle donne: La Turchia è il più grande ostacolo alla pace

Lina Berekat: La Turchia è colpevole di crimini di guerra. L’Assemblea delle donne ha rilasciato una dichiarazione stampa dopo l’incontro di lunedì. La coordinatrice dell’Assemblea siriana delle donne Lina Berekat ha affermato che l’Assemblea ha deciso che il dialogo dovrebbe essere la base di ogni soluzione di questo complicato processo in Siria.

In riferimento all’occupazione di Afrin attuata dallo Stato turco e dai mercenari alleati, Berkat ha affermato che i criminali devono essere puniti e ha aggiunto che l’Assemblea è pronta a fornire documenti alle istituzioni internazionali pertinenti sui maltrattamenti e le pratiche di stupro attuate dalle forze di invasione.
La guerra turca in Siria si sta approfondendo
Lina Berekat ha parlato degli stupri e dei maltrattamenti attuati ad Afrin da parte dello Stato turco e dei mercenari alleati e ha dichiarato che ” questi crimini non accadono solo ad Afrin ma in tutti i territori occupati dalla Turchia nella Siria settentrionale. La guerra in Siria si sta approfondendo grazie all’addestramento e all’aiuto che la Turchia sta dando ai terroristi”.
Ha inoltre sottolineato che il presidente turco Tayyip Erdogan ha ordito una complotto contro la Siria. “Questa cospirazione- afferma Berekat- è veramente pericolosa per tutti i popoli della Siria perchè l’intento definitivo è quello di espandere la guerra in Siria”.
L’Assemblea delle donne in Siria ha resistito all’occupazione, sostiene Lina Berekat e ha lottato contro questa invasione: ” Dopo l’invasione d Afrin, aggiunge, la Turchia ha iniziato ad attuare sporche pratiche, le principali sono il sequestro, lo stupro, l’assassinio e il cambiamento demografico”.
La Turchia è il principale ostacolo alla pace
Lina Berekat nella sua dichiarazione ha affermato che la Turchia ha costretto i cittadini di Afrin ad emigrare e ha trasferito terroristi e le loro famiglie da Hota, Idlib, Damasco, Homs e Hama. ” La Turchia- aggiunge Lina rappresenta un grosso pericolo per i popoli siriani che vogliono vivere in pace. Quello che la Turchia sta facendo ad Afrin è un crimine di guerra”.
Ha inoltre sottolineato che coloro i quali che hanno sofferto di più attualmente sono le donne, che sono state sottoposte a tutti i tipi di abusi da quando la guerra in Siria è iniziata sette anni fa. ” Le donne sono state deprivate del loro diritto all’istruzione e alla salute e sono state costrette a migrare. Le donne hanno sofferto e soffrono ancora di maltrattamenti, stupri, assassinii e vengono vendute come schiave”.
L’Assemblea delle donne siriane domenica ha dichiarato che ad Afrin 119 donne sono state rapite dalle forze di occupazione turche e dai mercenari e che finora 6.000 mercenari e le loro famiglie sono state insediate ad Afrin.
ANF
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Diritti umani

La giornalista Safiye Alağaş è stata arrestata ieri sera dalla polizia. Ieri sera la polizia ha intercettato il veicolo di Safiye mentre viaggiava da...

Siria

È stato affermato che 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità nella Siria settentrionale e orientale a causa degli attacchi della Turchia alle...