Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Siria

Saleh Moslem: Ad Afrin la Turchia uccide i curdi con armi europee

Il funzionari  delle relazioni estere di TEV-DEM ed ex segretario del PYD Saleh Muslim ha affermato: “Nessuna ha il diritto di dire alla popolazione di Afrin di andarsene. La terra appartiene alla popolazione di Afrin. I ragazzi stanno proteggendo la loro terra. Perchè dovrebbero abbandonarla? “

L’incontro dove i partiti curdi, le istituzioni, le organizzazioni professionali e gli individui hanno espresso la loro solidarietà con Afrin ad un livello nazionale, continua a l’Aja. L’incontro è stato organizzato dal Congresso Nazionale del Kurdistan (KNK) e dal Comitato per la protezione di Afrin.

 ” Intervenendo, il funzionario relazioni estere di Tev-Dem ed ex segretario del PYD Saleh Moslem ha sottolineato che: “Lo stato turco sta massacrando la popolazione ad Afrin con le armi dell’Europa. Questo è inaccettabile.”
 
In riferimento ai massacri dello Stato turco in Kurdistan, Moslem ha affermato: ” Lo Stato turco, che ha attaccato Kobane, Shengal e Kirkuk per mezzo delle sue bande, oggi sta attaccando Afrin. Essi adeso vogliono completare il massacro ad Afrin.  Per noi non c’è differenza tra Afrin e le altre regioni del Kurdistan. Afrin è la continuazione del massacro a Sur. Cizre. Nusaybin e Shengal. Lo Stato turco cerca di completare i suoi massacri contro gli armeni, i siriaci ed i curdi nel 20° secolo. Questa per i curdi non è una questione personale. Per noi è una questione di onore e di dignità.”

Facendo appello ai popoli d’Europa. Moslem ha proseguito: ” La resistenza messa in atto in Medio Oriente oggi è anche per la vostra sicurezza. Gli attentati che hanno avuto luogo in Europa hanno mostrato tutto. Vogliono prendere Afrin dai curdi e darla a quei terroristi.  Oggi stiamo difendendo l’Europa e l’umanità. Vogliamo che l’Europa attui le sue stesse leggi mentre la popolazione di Afrin viene massacrata con le armi dell’Europa. Carri armati tedeschi vengono utilizzati nell’attacco ad Afrin. La Nato e L’Unione Europea hanno leggi, normative e convenzioni che oggi sono state calpestate. Noi non vogliamo che essi “vengano e combattono per noi” ma che ” mettano in pratica le loro stesse leggi e regolamenti”. Non è umano che veniamo massacrati da armi europee, noi non accettiamo questo.”

Sottolineando che la popolazione di Afrin sta resistendo agli attacchi, Moslem ha affermato: ” Nessuno ha il diritto di dire alla popolazione di Afrin di andarsene o meno. La terra appartiene alla popolazione di Afrin. I ragazzi stanno proteggendo le loro terre, stanno lottando. Perchè dovrebbero abbandonare le loro terre? Non dovrebbero farlo mai e tutti dovrebbero saperlo. Abbiamo bisogno di fare quello che è degno per l’onore curdo. È tempo dell’unità e tutti dovrebbero agire conseguentemente. Questo è il motivo per la cui questo incontro è di grande importanza perchè centinaia di organizzazioni curde sono qui rappresentate. Saluto tutti.”

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Siria

È stato affermato che 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità nella Siria settentrionale e orientale a causa degli attacchi della Turchia alle...

Siria

Il Rojava Information Center (RIC) ha compilato un rapporto dettagliato sulle 18 località colpite dallo Stato turco il giorno di Natale nella Siria settentrionale...

Siria

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”. Da...