Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Muslim: I civili vengono colpiti dalle armi della Nato

Il rappresentante per le relazioni estere di TEV-DEM Salih Müslim ha tenuto una conferenza stampa a Berlino sugli attacchi dello stato turco e il tentativo di invasione di Afrin. La stampa tedesca e internazionale ha mostrato grande interesse per la conferenza stampa. Müslim ha affermato di sapere sin dall’inizio che la Turchia sostiene gruppi terroristici e ha dichiarato: “Con questo attacco, il governo turco punta ad aumentare le aree che essi controllano. Parlano di “confini nazionali” che includono Aleppo ed il Rojava e continuano fino a Kirkuk-Mosul. Vogliono usare questa guerra come scusa per porre queste regioni sotto il loro controllo “.

Le persone di Afrin stanno difendendo Afrin

Müslim ha sottolineato che la Turchia sostiene gruppi come Al Nusra e ISIS e ha proseguito: “Per dirla senza mezzi termini, hanno fondato l’ISIS e l’hanno coltivato. Essi ammettono che dopo che ISIS ha invaso Mosul hanno sviluppato una relazione con loro. Dopo l’attacco contro Afrin, la Turchia ha portato 50 autobus pieni di membri delle bande nella regione, compresi ex membri dell’ISIS”.

Müslim ha affermato che la gente di Afrin sta cercando di difendersi: “In questo momento c’è solo la gente di Afrin che difende Afrin. Afrin è sotto assedio. Ci sono 800.000 persone di Afrin nella regione, e poi ci sono circa 400.000 rifugiati che hanno trovato rifugio nella regione. Le persone che difendono quella regione non sono solo curdi, anche altri popoli stanno anche e difendendo la loro regione “.

Il rappresentante del TEV-DEM Müslim ha affermato che questa volta armi e carri armati tedeschi stanno attaccando i civili ad Afrin e ha aggiunto: “Ci sono regole della NATO per l’uso di queste armi, ma la Turchia non rispetta queste regole. La lotta contro l’ISIS non è ancora finita, ma alcune unità che combattono a Deir Ez Zor sono partite per Afrin perché lì hanno le loro famiglie”.

L’Europa dovrebbe sostenere i propri valori

Müslim ha sottolineato che i rifugiati vogliono tornare ad Aleppo e Homs: “Non vogliono andare ad Afrin, la Turchia sta imponendo questo su di loro”. Müslim ha affermato che sono contrari alla frammentazione della Siria e che favoriscono un’amministrazione federale che continuano a proporre e prosegue: “Fin dall’inizio, abbiamo discusso per il federalismo. Ci sono molti esempi al mondo, ma la Turchia non vuole questo. Quindi abbiamo invitato il governo centrale siriano “vieni e difendi i tuoi confini”. Ma gli attacchi della Turchia sono continuati e il regime non ha risposto. Abbiamo fatto alcuni appelli al regime , ma questi non si sono tradotti in un accordo. Sottolineo questo: non c’è accordo con il regime di Afrin.

Nessuno sta reagendo agli attacchi della Turchia. Per noi non reagire significa sostenere gli attacchi. Non vogliamo che nessuno venga a proteggerci, non abbiamo tali aspettative. Vogliamo solo che l’Unione europea si pronunci contro questo attacco entro i limiti dei propri principi.

La Turchia è in trattative con l’UE e riceve aiuti finanziari. La Turchia compra le armi con i fondi che ricevono e le usano contro di noi. Vogliamo che l’Europa sostenga i suoi stessi valori democratici “.

ANF
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Siria

È stato affermato che 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità nella Siria settentrionale e orientale a causa degli attacchi della Turchia alle...

Siria

Il Rojava Information Center (RIC) ha compilato un rapporto dettagliato sulle 18 località colpite dallo Stato turco il giorno di Natale nella Siria settentrionale...

Interviste

Per i popoli e le donne della Siria settentrionale e orientale, il nuovo Contratto sociale rappresenta un’altra pietra miliare, ha affermato Foza Yûsif. La...

Siria

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”. Da...