Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

La Turchia è uno dei cinque Paesi con il più alto numero di morti tra i civili

NEWS CENTER- Secondo un documento presentato rispetto alla Convenzione ONU su determinate armi convenzionali (CWW), la Turchia è uno dei cinque Paesi che hanno il più alto numero di morti tra i civili. Nella lista ci sono anche Siria, Iran, Yemen e Afghanistan.

I paesi membri dell’UE hanno sollecitato gli Stati a prevenire e ridurre il “danno devastante” ai civili dovuto ad attacchi aerei e bombe in aree urbane per via dell’aumento dei civili colpiti da armi esplosive nei conflitti a livello mondiale. Il documento è stato preparato dalla Germania e dall’Austria ed afferma che Turchia, Syria, Iran, Yemen e Afghanistan hanno il numero più elevato di morti tra i civili.

Il documento parla di oltre 32,000 civili uccisi o feriti a causa di armi esplosive nel 2016.

Il documento mette in evidenza anche le preoccupazioni per il numero di vittime civili causate dall’uso di armi da parte di forze governative che sono cresciute dal 18% al 31% nel 2016. Ad attacchi condotti da milizie con l’uso di dispositivi esplosivi improvvisati sono da attribuire la metà delle morti e dei feriti tra i civili nei conflitti civili.

È la prima volta che nell’ambito della CCW si discute di danni causato da esplosivi in aree popolose.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...