Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Il corpo di Evin Öz uccisa a Cizre restituito alla famiglia 21 mesi dopo

Il corpo di Evin Öz, una delle decine di persone che sono state assassinate mentre aspettavano un anbulanza in uno degli scantinati dell’atrocità a Cizre, è stato restituito alla famiglia 21 mesi dopo. Evin Öz era uan delle decine di persone che erano state bruciate a morte dalle forze dello Stato turco mentre aspettava un ambulanza in uno dei scantinati dell’atrocità ne distretto di Cizre a Sirnak durante il coprifuoco tra il 14 dicembre 2015 e il 2 marzo 2016.

La famiglia è venuta a conoscenza della morte della figlia in uno degli scantinati di Cizre tre mesi fa e si è rivolta alla Procura di Cizre con un campione di sangue per l’identificazione. Dopo l’analisi del DNA del campione, il corpo di  Evin Öz è stato riesumato da cimitero dei senza nome a Silopi distretto di Sirnak dove era stato seppellito.Il corpo è stato ricevuto dalla famiglia e secondo quanto riferito sarà sepolto nel distretto di Nusaybin a Mardin.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Rassegna Stampa

Majidi, reporter e sceneggiatrice, subirà il processo immediato. In carcere dallo sbarco, fa lo sciopero della fame. Ieri ha scritto a Mattarella «Il mio...