Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Aleviti minacciati a Malatya: le case segnate

A Malatya 13 case dove vivono aleviti sono state segnate. Gli aleviti pensano che la polizia sia responsabile dell’incidente e dicono, “Non ci allontaneremo dalla via della resistenza”A Malatya, 13 case dove vivono aleviti nella Via Gökalp del quartiere di Cemal Gürsel soo state segnate con vernice rossa. Gli abitanti della zona hanno detto che la polizia è arriva e ha indagato sulle case al mattino e hanno aggiunto quanto segue:

Non sapevano delle segnalazioni. La polizia è venuta a casa nostra la mattina preso e ci ha informati. È interessante che lo abbiamo appreso dalla polizia, anche se la casa contrassegnata era la nostra. Noi pensiamo che sia stata la polizia a fare i segni. Gli autori devono essere individuati subito, altrimenti continueremo ad accusare la polizia dell’incidente.

Continueremo a vivere nella nostra fede

Il Presidennte dell’Associazione Pir Sultan Alevi (PSDK) locale, Mehmet Topal, ha detto: “Nel processo futuro possiamo immaginare a quali massacri potrebbero essere esposti nostri cittadini aleviti. Noi aleviti, dei quali si cerca continuamente di mettere limitare, filosofia e stile di vita, non dobbiamo conformarci alla fede di altri. Continueremo a vivere la nostra cultura e la nostra fede e mantenerle vive.”

La polizia è sospetta

Topal dice che gli aleviti lottano costantemente per costruire la pace e che non si allontaneranno dalla via della resistenza, nonostante tutti i tentativi di attacco. Mehmet Topal ha sottolineato che non resteranno in silenzio a fronte del fatto che le case vengono segnate e ha aggiunto: “E’ sospetto e significativo che la polizia è arrivata per indagini prima che i residenti si fossero resi conto dell’episodio. Per questo gli aleviti chiedono che i funzionari spieghino immediatamente questa situazione e ne scoprano gli autori. Altrmenti i funzionari della sicurezza e la polizia verranno ritenuti responsabili dell’incidente.”

 

ANF Malatya

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...