Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Donne di Kobanê: Raccogliamo il cotone per tornare nelle nostre terre

DİYARBAKIR – Kevser Nebi, che è stata costretta a migrare da Kobanê a Diyarbakır sta cercando di vivere lavorando nei campi di cotone. Le donne di Kobanê, che sanno che il loro lavoro viene sfruttato, fanno notare che sopportano molte ore di lavoro nella speranza di ritornare nelle loro terre.

Le donne di Kobanê che stanno cercando di vivere lavorando nei campi di cotone si avviano nelle prime ore del mattino verso i campi nel villaggio di Bağıvar nel distretto di Sur di Diyarbakır. Le donne, che sono andate a vivere a Diyarbakır per via dell’assedio di Kobanê da parte delle bande di Daesh non possono ritornare nelle loro terre per via del trauma che hanno sofferto, nonostante il fatto che ora Kobanê sia stata liberata e vivono raccogliendo il cotone. Dicono che hanno pensato di ritornare nelle loro terre, ma che non sono riuscite a liberarsi dal trauma e Kevser Nebi racconta che i loro bambini ancora dormono con la paura.

Continuiamo a vivere raccogliendo il cotone

Raccontando la sua esperienza di tre anni a Diyarbakır, Kevser ha detto che la popolazione curda ha un senso della proprietà appartenenza, anche se non vive nella sua terra.

“Non mi sento tagliata fuori qui. Vivo delle pressioni, ma non sono l’unica che affronta questo, tutta la popolazione curda di Diyarbakır lo sta affrontando. Ho imparato a resistere qui. Sto aspettando che i miei figli diventino forti. Tornerò nelle mie terre quando saranno forti. Stiamo raccogliendo cotone per vivere. L’unica cosa che posso fare qui ora è raccogliere cotone. Ci sosteniamo l’un l’altra come donne. Quando ci raccontiamo le nostre sofferenze io provo pena per loro e loro per me. Se sei curdi hai lo stesso nemico e le stesse sofferenze.” dice Kevser.

Manterrò in vita i miei figli fino a quando tornerò nella mia terra

Parlando delle difficoltà nella raccolta del cotone, Kevser dice che lavorare sotto il sole e la sfinisce durante i mesi estivi. Osservando che il cotone deve essere raccolto prima dell’inverno, Kevser dice, “Sta arrivando l’inverno e il nostro lavoro deve essere finito. Stiamo lavorando per molte ore ma non riceviamo molto denaro in cambio. Lavoriamo dalle 6:00 di mattina alle 8:00 di sera per avere in cambio 30 Lire turche al giorno. Il carico di lavoro è troppo grande mentre la retribuzione è troppo bassa e questo ci sfinisce. La mia unica lotta è di tenere in vita i miei figli fino a quando tornerò nella mia terra.”

Veniamo sfruttate perché siamo straniere

Amira Nebi, un’altra donna di Kobanê che lavora nei campi di cotone racconta che suo marito è stato fatto prigioniero quando le bande di Daesh hanno attaccato e che da tre anni non hanno più avuto sue notizie. Suo marito aveva mandato lei e i loro figli a Diyarbakır pochi giorni prima dell’attacco delle bande di Daesh, Amira racconta che suo marito era andato a combattere Daesh ma di aver saputo che era stato fatto prigioniero da Daesh. Amira, che vive a Diyarbakır da tre anni, dice che sono arrivati dal distretto di Seyrantepe di Diyarbakır nei campi di cotone del villaggio di Bağıvar per zappare i campi e che prendono 30 Lire turche al giorno e ha aggiunto anche che vivono in condizioni dure.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Il Comitato esecutivo centrale del partito DEM ha avvertito che gli attacchi contro gli operatori della stampa libera in Turchia e in Europa sono...

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...