Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Blocco per la Pace: I difensori dei diritti devono essere rilasciati immediatamente

Il Blocco per la Pace ha chiesto il rilascio dei difensori dei diritti che sono stati posti in detenzione durante un incontro di preparazione a Büyükada e poi arrestati. Ha fatto appello le associazioni e gli ordini dei giuristi rispetto agli arresti dei sei difensori dei diritti:

“Come Blocco per la Pace riteniamo che questa operazione sia una pratica scandalosa per danneggiare la pace sociale e la condanniamo. Tutto ciò deve essere risolto quanto prima possibile e i difensori dei diritti devono essere rilasciati. Chiediamo alle istituzioni, specialmente agli ordini e alle associazioni dei giuristi, di favorire la democrazia e la giustizia e li esortiamo ad assumere una iniziativa contro questi omicidi giudiziari.”

Dei difensori dei diritti detenuti, Özlem Dalkıran, İdil Eser, Günal Kurşun, Veli Acu, Ali Garawi e Peter Steudtner sono stati arrestati il 18 luglio e Nalan Erkem, İlknur Üstün, Nejat Taştan e Seyhmus Özbekli sono stati rilasciati in libertà vigilata.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...