Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

La polizia turca ha paura anche delle scritte sui muri di Sur

La polizia ha coperto le scritte sui muri di Sur minacciato dalla distruzione da parte degli invasori. Centinaia di edifici sono sotto la minaccia di demolizione da parte degli invasori nei quartieri di Alipașa e Lalebey del distretto storico di Sur ad Amed, definita “rinnovamento urbano”. Le famiglie hanno rifiutato di lasciare le loro case nonostante che da giorni siano senza elettricità e acqua. I residenti del quartiere hanno espresso la loro protesta contro lo sciacallaggio e la demolizione delle loro case scrivendo slogan sui muri semi-demoliti. Le scritte su muri semi-demoliti nelle strette e lunghe strade di Sur sono state coperte con vernice grigia un giorno prima dell’Id. La gente ha detto: “Possono coprire le scritte sui muri, ma non possono cambiare i nostri cuori.”

Tempo di insorgere a Sur

La gente aveva scritto sui muri “No Toledo”, “Tempo di insorgere a Sur”, “Nono lasceremo abbattere Sur”, “Non potete demolire la nostra casa”, “Sur è amore”, “Sur resisti”, “Il digiuno è qui, dov’è l’acqua, dov’è il vostro Islam” e “Non rinunceremo alle nostre case”. La polizia ha coperto tutto tranne le lettere A K nella parola “aşk” – “amore” – in “Sur è amore”, trasformando la scritta in “A. K.”, una comune abbreviazione di un insulto in turco.

La residente di Lalebey, Özlem Duran (40), ha detto che la polizia è arrivata nel quartiere un giorno prima dell’Id e ha coperto le scritte. Ha aggiunto: “A che servirà coprire le scritte sui muri? Sur è nei nostri cuori. Vogliamo la nostra casa e nient’altro. Non dovrebbero più torturarci. Hanno riunito i bambini e li hanno sgridati chiedendo perché avevano scritto cose sui muri. E quindi? Ci tolgono le nostre case, ma il dolore resta con noi. E noi diciamo basta.”

Un altro residente ha detto: “Le scritte a Sur raccontavano la storia di quello che è successo. Tutti sono arrivati per fotografarle. Ma alle autorità non stava bene. Sono arrivati con idranti e poliziotti mascherati durante la notte e hanno coperto tutte le scritte. Hanno paura perfino delle scritte sui muri.”

ANF – MED

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...