Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

I commissari rimuovono la statua di Uğur Kaymaz a Kızıltepe

I commissari designati nella municipalità di Kızıltepe hanno rimosso la statua di Uğur Kaymaz, che era stato ucciso all’età di 12 anni da 13 proiettili insieme al padre a Mardin nel 2004. La statua di due bambini che tenevano un piccione nelle loro mani era stata eretta dall’insegnante Kamuran Aydoğan il 4 agosto 2009. commissari sono stati designati nella municipalità il 6 dicembre 2016.

Secondo un rapporto di Dihaber, veicoli antisommossa e veicoli blindati hanno rimosso ieri la statua (11 giugno).Mentre è stato impedito dalla polizia di filmare la rimozione della statua, non è stato dichiarato dove la statua è stata portata.

Che cosa era successo?

Uğur Kaymaz (12 anni) e suo padre Ahmet Kaymaz erano stati uccisi dalle forze dell’ordine a Kiziltepe distretto di Mardin il 21 novembre 2004 con l’accusa che si trattava di “terroristi”.

Uğur Kaymaz è stato colpito da 13 proiettili, suo padre da otto. Una causa è stata sollevata contro i quattro agenti di polizia. Gli agenti di polizia accusati sono stati liberati dal tribunale in attesa di un processo.Il tribunale ha ordinato l’assoluzione degli agenti di polizia per motivi di “autodifesa”.A seguito del proscioglimento , la famiglia ha presentato ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo (ECtHR).

La Corte europea ha dichiarato la sua decisione nel mese di febbraio 2014 e condannato la Turchia a pagare per i danni pecuniari e non pecuniari.La madre di Uğur Kaymaz, Makbule Kaymaz, è stata licenziata dal suo incarico presso il comune attraverso un decreto legislativo del 23 novembre 2016.

Makbule Kaymaz stava lavorando nel comune addetta alle pulizie da 12 anni. (TP / EKN / TK)

 

Bianet

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

Sono passati 14 anni dall’omicidio di Ceylan Önkol, il cui corpo smembrato era avvolto in foglie di quercia. Anche se i responsabili di Ceylan...

Turchia

Il segretario organizzativo dell’Unione dell’Istruzione Tahir Çetin, che ha affermato che il governo impone la sua ideologia nazionalista, religiosa e sessista ai bambini, ha...

Diritti umani

Nonostante la sentenza contraria della Corte costituzionale turca, la polizia di Istanbul ha nuovamente attaccato il raduno delle Madri del sabato in piazza Galatasaray....

Diritti umani

Sulla base di false accuse da parte delle autorità turche, Mehmet Dizin, che vive in Germania dal 1980, è stato arrestato mentre era in...