Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Demolizione a Şırnak e Sur: Appalti dati a società dell’ AKP

ANKARA – La eputata di HDP di Şırnak Aycan  İrmez ha valutato la demolizione in corso nel centro della città di Şırnak e a Sur, “L’AKP ha dato gli appalti ai suoi membri e ai suoi sostenitori. Tutte le società, che hanno cominciato la demolizione sono vicine all’AKP. Ciò conferma la loro mentalità di ladri e di corrotti” afferma Aycan.

Il coprifuoco, dichiarato dal governatorato nel centro della città di Şırnak il 14 maggio 2016 era stato parzialmente rimosso il 14 novembre 2016, sebbene era stato annunciato che le operazioni erano formalmente finite il 3 giugno 2016, è stato rimosso in maniera definitiva il 10 aprile 2017 dopo 392 giorni.

Le attività di demolizione sono continuate in città senza interruzione dal 3 giugno del 2016, Nel centro della città, dove almeno 8 dei 12 quartieri sono stati rasi al suolo, lo Stato ha chiesto ai proprietari di lasciare le proprie abitazioni nel quartiere Gazipaşa.

È stata cancellata la memoria della città

La deputata del Partito Democratico dei Popoli di Sirnak  Aycan İrmez, che ha valutato la demolizione in atto a Şırnak e Sur, ha affermato che l’AKP ha cercato di cancellare la memoria della popolazione e la struttura della città con le poitiche di saccheggio e della demolizione.

La demolizione prende di mira la popolazione

Dichiarando che il governo dell’AKP non ha mai rispettato la legge e i diritti e ha sviluppato le politiche di demolizione da quando è andato al governo, Aycan ha ricordato che il coprifuoco è stato dichiarato in modo illegale a Cizre e Silopi. Aycan ha affermato:” Vediamo che gli ordini di demolizione prendono di mira la gente. Le case dei cittadini sono state prese a loro. Adesso la demolizione Şırnak  e Sur sta continuando”

Rilevando che avvisi sono stati inviati a molti cittadini e che verbali sono stati scritti per molte abitazioni che dicono: ” gravemente danneggiata” senza nessun avviso, Aycan ha dichiarato: ” Il Consiglio dei Ministri sta distruggendo Sur e Sirnak illegalmente sotto il nome di zona a rischio senza basare queste demolizioni su rapporti di esperti. Ci troviamo davanti a politiche di saccheggio imposte sul Kurdistan. Essi non hanno potuto entrare a Sur a causa della resistenza della popolazione; tuttavia hanno tagliato e l’elettricità e l’acqua allo scopo di spezzare la volontà della popolazione.”

Noi consideriamo tutto questo come un genocidio

Segnalando che Şırnak ha 12 grandi quartieri: otto di questi sono stati rasi al suolo. Aycan dice che il 30% delle parti non demolite dei due quartieri hanno incominciato ad essere demoliti. Informando che i funzionari della polizia municipale dicono ai cittadini  “Lasciate le vostre abitazioni o vi costringeremo a farlo”. con gli ordini che hanno avuto dai commissari designati nelle municipalità Aycan sostiene:

“L’AKP ha dato gli appalti ai suoi membri e ai suoi sostenitori. Tutte le società che hanno cominciato i lavori sono vicine all’AKP. Noi consideriamo queste pratiche come un genocidio.” Se tu cerchi di cambiare la struttura della città, significa che cancelli la memoria della gente. Annientare la cultura di una città significa lasciare la popolazione senza memoria. Ma la nostra gente è consapevole di queste politiche.”

Habibe Eren

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...